Martedì, 29 July 2014

Wine

L’AIS Veneto ricorda Dino Marchi

L’AIS Veneto ricorda Dino Marchi

L’Ais Veneto ricorda Dino Marchi, 65 anni, storica figura dell’Associazione... Leggi tutto

Va in Scena “In Bianco”

Va in Scena “In Bianco”

Torino - Al Palazzo Carignano di Torino va in scena “In Bianco”, l’evento c... Leggi tutto

Intervista a Giancarlo Moretti Polegato

Intervista a Giancarlo Moretti Pole…

Crocetta del Montello (TV) - Visione lungimirante e piglio innovativo decli... Leggi tutto

Informazione

Equitalia paga spese di causa

Equitalia paga spese di causa

Stop alla società di riscossione e condanna alle spese di giudizio se avvia... Leggi tutto

Lecce, e quella bomba dell’ex Saspi ?

Lecce, e quella bomba dell’ex Saspi…

Lecce - E' passato più di un anno da quando è stata resa nota l'esistenza d... Leggi tutto

Cattivi pagatori, illegittima la segnalazione

Cattivi pagatori, illegittima la se…

Sono sempre più numerosi i cittadini, piccoli imprenditori e artigiani rivo... Leggi tutto

In Scena

Al Verbier Festival, il Faust nel segno di Dutoit

Al Verbier Festival, il Faust nel s…

Verbier (CH)- In Svizzera nel Cantone Vallese, del comune di Bagnes, a 1500... Leggi tutto

Ricordando Andreace

Ricordando Andreace

Massafra (TA) - Nell’ambito della Festa dell’Architetto e dell’Esposizione ... Leggi tutto

Musica Riva Festival

Musica Riva Festival

Riva del Garda (Tn) - Festival Musica Riva con masterclass di docenti inter... Leggi tutto

A+ R A-

Risotti di Primavera

Vota questo articolo
(0 Voti)

La Primavera è tra di noi, schizofrenica e bellissima come solo lei sa essere. Con tanto di previsioni del tempo aggiornate in corsa.
La pioggia, arriva oggi, no domani… Boh! Mi immagino i meteorologi, con le mani tra i capelli (se li hanno ancora, i capelli…), a far quadrare le perturbazioni con l’alta pressione. Intanto noi, convinti che sarebbe stato un weekend piovoso, abbiamo rinunciato a una gita in montagna. Scherzetto: il sole splende, alto, e chiama a gran voce per un pranzo in terrazza. Prima, però, un giro al mercato, per procurarci gli ingredienti: le mie “asparaxee”, sottili e saporite, e le prime fragole nostrane.
In dispensa avevo già dell’ottimo riso Vialone Nano Veronese e il burro di malga, a far da trait d’union tra la voglia di coccole dell’inverno e la freschezza della nuova stagione.
Come antipasto una quiche con gli asparagi e per dessert fragole con panna montata fresca.
Della serie: non facciamoci mancare nulla, ma lavoriamo poco in cucina, che è pur sempre sabato. Intorno a noi il profumo dei primi germogli e qualche timida farfallina. Que viva la Primavera!
Ps ora, per noi, può anche piovere, siamo in pace con il mondo… ;-)

Ingredienti (per 4 persone). 350 grammi di riso Vialone Neno Veronese, 20 asparagini, 250-300 grammi di fragole, burro, una cipollina tritata, vino bianco, parmigiano grattugiato, mezzo dado (facoltativo), sale e pepe qb

Pulire e mondare gli asparagini, eliminandone l’estremità (basteranno 2 centimetri). Tagliare le punte e la parte più dura, quindi affettare a rondelline la parte centrale. Porre tutto in una casseruola, tranne le punte, e coprire con un litro e mezzo di acqua fredda. Portare a ebollizione e lasciar sobbollire dolcemente per circa 10 minuti. Salare appena, aggiungere le punte – che così rimarranno verdi e croccanti – e spegnere il fuoco.

In un’altra casseruola, portare a ebollizione un litro di acqua, quindi aggiungere la metà delle fragole, già tagliate a quarti e cuocerle, a fuoco basso, per 5 minuti. Nel frattempo, tagliare le altre fragole a tocchetti e metterle da parte.

È giunto il momento di preparare i risotti, che andranno mescolati contemporaneamente.
Per il risotto di fragole. Porre in una casseruola una noce di burro e farla appena soffriggere. Aggiungervi la metà del riso e mescolare per insaporire. Sfumare con un bicchiere di vino bianco e lasciar assorbire quasi completamente. Quindi aggiungere le fragole bollite e un mestolo della loro acqua. Continuare la cottura per circa 20 minuti, aggiungendo man mano l’acqua “rossa”, bollente. A metà cottura, se piace, unire mezzo dado. Spegnere il fuoco, aggiustare di sale e mantecare con una noce di burro e parmigiano. Lasciar riposare qualche minuto e servire con pepe di mulinello, a parte.

Per il risotto di asparagini. Rosolare in una casseruola la cipollina tritata con un cucchiaio di burro, aggiungervi quindi l’altra metà del riso e far tostare bene. Insaporire con una spruzzata di vino bianco e, una volta assorbito, unire le rondelle di asparagini (le estremità più dure andranno eliminate e potranno essere recuperate per una vellutata, o, frullate, per condire una pasta con la panna). Cuocere per circa 20 minuti, utilizzando l’acqua di cottura e mescolando spesso.

Controllare il sale, quindi spegnere il fuoco. Indispensabile la mantecatura, ma dev’essere “leggera”, per non soverchiare il delicato sapore degli asparagini: un cucchiano di burro e giusto una spolverata di parmigiano. Due minuti di riposo e l’ultimo tocco: le punte croccanti, tenute prima da parte. E il risotto è pronto per essere servito, accanto al gemello con le fragole.

di Barbara Favaron
(26.03.2011)
Fonte: buonaforchetta.corrieredelveneto.corriere.it