Lunedì, 01 Settembre 2014

Wine

Vigneti, prototipo per trattamenti fitosanitari

Vigneti, prototipo per trattamenti …

Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore compie un passo in avanti ve... Leggi tutto

Per l’estate anomale, il Consorzio Valpolicella

Per l’estate anomale, il Consorzio …

San Pietro in Cariano - A pochi giorni dall'inizio della vendemmia, il Cda ... Leggi tutto

Vini Rottensteiner, piacere e tradizione

Vini Rottensteiner, piacere e tradi…

Bolzano - Hannes Rottensteiner, enologo e produttore gestisce la Tenuta di ... Leggi tutto

Informazione

Giornata di preghiera per la salvaguardia del creato

Giornata di preghiera per la salvag…

Fanar - Fratelli e Figli benedetti nel Signore, La comune Madre di tutti ... Leggi tutto

Il cartellone Dio ama il sesso

Il cartellone Dio ama il sesso

Una Chiesa aconfessionale di Wilkes-Barre, ha pagato per installare un cart... Leggi tutto

Il Wi-Fi è pericoloso?

Il Wi-Fi è pericoloso?

In Francia, Svezia e Inghilterra si comincia a disattivare il Wi-Fi gratuit... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Premiato Terranima

Vota questo articolo
(0 Voti)

Bari - E’ la Pugliai  con i suoi sapori mediterranei, la Puglia con i profumi dell’entroterra, la Puglia con le sue eccellenze diffuse a raccogliere l’ennesimo riconoscimento nella sintesi tradizionale e professionale di Terranima – Ristoro Pugliese di Bari: il tipico ristorante di Vanessa e Pietro Conte, che in via Putignani è anche “corte-cucina” degli chef Georgia Colombo e Pasquale D’Erasmo.

Ristorante barese raccomandato nella prestigiosa raccolta internazionale delle Louis Vuitton City Guides 2012, “Corona di Servizio d’Oro” per i tedeschi dell’Excelsior Business Club (EBC), selezionato e segnalato dal Touring Club Italiano per i suoi elevati standard qualitativi. Ha appena ricevuto anche l’investitura esclusiva del “gatronauta” Davide Paolini, quale “Migliore Trattoria” nella Guida ai Ristoranti de “Il Sole 24 ORE” 2012.

Un riconoscimento condiviso con i friulani della Trattoria “da Toso” di Leonacco di Tricesimo (UD), a testimonianza della vivacità qualitativa, creativa e innovativa che da qualche tempo caratterizza l’intera “filiera adriatica” dell’offerta eno-gastronomica italiana.

Il premio, consegnato nella prestigiosa sede milanese de “Il Sole 24 ORE”, ha voluto riconoscere il certosino lavoro di ricerca e di valorizzazione delle materie prime e della più genuina tradizione locale. Mettendo in risalto, nella motivazione, che: “Il km zero a Terranima si annulla e amplifica la sua portata. Ogni due settimane, puntualmente, il menu cambia e si apre a nuovi produttori. Sì, non sono soltanto nuovi prodotti: sono i produttori (quindi filiera cortissima) che presentano le loro tipicità e da questa materia prima il cuoco (pugliese, anzi barese) si esprime in libertà, ma anche con dei piatti di rigorosa tradizione”.

Un vero e proprio palcoscenico eno-gastronomico, nel cuore del capoluogo pugliese a pochi passi dal Nuovo Teatro Petruzzelli, in cui si calcano le “chianche” e si esalta la tavola, per la caleidoscopica offerta di un territorio ricco di sapori, saperi e piacere del gusto; di sole, amicizia e accoglienza, di sale, di sudore e di sorrisi. E ancora di dolcezza, di amaro e di autentica voglia di stare bene con gli altri: unica maniera, conosciuta da queste parti, per star bene con se stessi.

E' profumato di sano orgoglio pugliese questo ulteriore riconoscimento al “Terranima” de "Il Sole 24 ORE". Tra le pagine e i servizi dell’autorevole quotidiano economico italiano, si tinge di rosa l'alba di un anno, per il Ristoro Pugliese, che si preannuncia particolarmente brillante: dal sapore "acceso" e dal gusto tipicamente mediterraneo. Congratulazioni e Ad maiora!


di Antonio V. Gelormini
   (17.11.2011)
 

Altro in questa categoria: Le Calandre »