Sabato, 02 Luglio 2014

Wine

I sorsi dell’Amarone

I sorsi dell’Amarone

Fumane (VR)- “Sorsi d’Autore”, è la bellissima iniziativa della Fondazione ... Leggi tutto

L’AIS Veneto ricorda Dino Marchi

L’AIS Veneto ricorda Dino Marchi

L’Ais Veneto ricorda Dino Marchi, 65 anni, storica figura dell’Associazione... Leggi tutto

Va in Scena “In Bianco”

Va in Scena “In Bianco”

Torino - Al Palazzo Carignano di Torino va in scena “In Bianco”, l’evento c... Leggi tutto

Informazione

Mettersi in malattia e svolgere altro lavoro è reato

Mettersi in malattia e svolgere alt…

La Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi della questione delle assenze... Leggi tutto

Tari, tassa sui rifiuti. Azienda e comuni fanno utili in danno dei cittadini

Tari, tassa sui rifiuti. Azienda e …

Interrogazione - Il Presidente Della Provincia, Componente Atr (Agenzia Ter... Leggi tutto

Violenza sulle donne, una banca dati

Violenza sulle donne, una banca dat…

Ogni giorno 12 donne muoiono a causa di violenze domestiche nei 47 Paesi de... Leggi tutto

In Scena

La Bohème di Dessì e Armiliato

La Bohème di Dessì e Armiliato

Una standing ovation alla fine dello spettacolo e interminabili chiamate al... Leggi tutto

Al Verbier Festival, il Faust nel segno di Dutoit

Al Verbier Festival, il Faust nel s…

Verbier (CH)- In Svizzera nel Cantone Vallese, del comune di Bagnes, a 1500... Leggi tutto

Ricordando Andreace

Ricordando Andreace

Massafra (TA) - Nell’ambito della Festa dell’Architetto e dell’Esposizione ... Leggi tutto

A+ R A-

Premiato Terranima

Vota questo articolo
(0 Voti)

Bari - E’ la Pugliai  con i suoi sapori mediterranei, la Puglia con i profumi dell’entroterra, la Puglia con le sue eccellenze diffuse a raccogliere l’ennesimo riconoscimento nella sintesi tradizionale e professionale di Terranima – Ristoro Pugliese di Bari: il tipico ristorante di Vanessa e Pietro Conte, che in via Putignani è anche “corte-cucina” degli chef Georgia Colombo e Pasquale D’Erasmo.

Ristorante barese raccomandato nella prestigiosa raccolta internazionale delle Louis Vuitton City Guides 2012, “Corona di Servizio d’Oro” per i tedeschi dell’Excelsior Business Club (EBC), selezionato e segnalato dal Touring Club Italiano per i suoi elevati standard qualitativi. Ha appena ricevuto anche l’investitura esclusiva del “gatronauta” Davide Paolini, quale “Migliore Trattoria” nella Guida ai Ristoranti de “Il Sole 24 ORE” 2012.

Un riconoscimento condiviso con i friulani della Trattoria “da Toso” di Leonacco di Tricesimo (UD), a testimonianza della vivacità qualitativa, creativa e innovativa che da qualche tempo caratterizza l’intera “filiera adriatica” dell’offerta eno-gastronomica italiana.

Il premio, consegnato nella prestigiosa sede milanese de “Il Sole 24 ORE”, ha voluto riconoscere il certosino lavoro di ricerca e di valorizzazione delle materie prime e della più genuina tradizione locale. Mettendo in risalto, nella motivazione, che: “Il km zero a Terranima si annulla e amplifica la sua portata. Ogni due settimane, puntualmente, il menu cambia e si apre a nuovi produttori. Sì, non sono soltanto nuovi prodotti: sono i produttori (quindi filiera cortissima) che presentano le loro tipicità e da questa materia prima il cuoco (pugliese, anzi barese) si esprime in libertà, ma anche con dei piatti di rigorosa tradizione”.

Un vero e proprio palcoscenico eno-gastronomico, nel cuore del capoluogo pugliese a pochi passi dal Nuovo Teatro Petruzzelli, in cui si calcano le “chianche” e si esalta la tavola, per la caleidoscopica offerta di un territorio ricco di sapori, saperi e piacere del gusto; di sole, amicizia e accoglienza, di sale, di sudore e di sorrisi. E ancora di dolcezza, di amaro e di autentica voglia di stare bene con gli altri: unica maniera, conosciuta da queste parti, per star bene con se stessi.

E' profumato di sano orgoglio pugliese questo ulteriore riconoscimento al “Terranima” de "Il Sole 24 ORE". Tra le pagine e i servizi dell’autorevole quotidiano economico italiano, si tinge di rosa l'alba di un anno, per il Ristoro Pugliese, che si preannuncia particolarmente brillante: dal sapore "acceso" e dal gusto tipicamente mediterraneo. Congratulazioni e Ad maiora!


di Antonio V. Gelormini
   (17.11.2011)
 

Altro in questa categoria: Le Calandre »