Ego, fuori della gabbia fino all’ultimo verso

7 voti
image_pdfimage_print

Credo in Ego, la poetica della Monti, fuori della gabbia fino all’ultimo verso, “Ho aperto le cerniere del cielo/scoprendo la pelle della notte”, “…guardò giù”.
 di Michele Luongo

 

go, fuori della gabbia fino all’ultimo versoEgo, out of the cage up to the last verse with the wings of Antonella Monti’s poetics in “Credo in Ego” for the Minerva Edition. Ego, fuori della gabbia fino all’ultimo verso con le ali della poetica di Antonella Monti in “Credo in Ego” per l’Edizione Minerva. 

La cultura, la religione, il sesso, retaggi della storia del nostro tempo che imbrigliano le albe della libertà d’ogni essere umano, e lasciano facili riflessioni che scadano nel bigottismo. Antonella Monti con il suo ultimo libro “Credo in Ego” sprigiona un’impressionante energia di trasparenza e lo fa con forza scavando e leggendo la sua anima. 

Componimenti poetici che ci accompagnano nell’intima riflessione di Antonella Monti. La raccolta “Credo in Ego” è una sorgente di pensiero che va oltre la soglia della confidenzialità, un’immagine cui il lettore attento riuscirà a coglierne l’immensa delicatezza della poetessa che ci fa dono del pulsare della sua vita.

Ego, fuori della gabbia. “A volte/nel pulviscolo leggero/inciampi”, e le strade del nostro cammino prendono altre direzioni. Ma l’essere umano quando sa guardarsi dentro è straordinario, allora: “Son caduta insieme/ad una lacrima./Poi, ci siamo raccolte/ricucite, ascoltate./Intorno tutto era uguale/e tutto cambia”. Un viaggio per conoscersi: “non ho memoria/mi perdo nel tempo fra le oscure pieghe/ rumori di passi e tonfi/ dove ho remato contro corrente/contro me stessa” e un ritrovarsi “vulcano perché, di rosso sangue/ di carne e anima e sesso”.

Eros, un connubio tra amore e passione, o il semplice desiderio, o quel piccolo asteroide del sistema solare, o, forse, quella straordinaria energia che l’essere vivente sprigiona nella sua piacevole intimità.

“Ho aperto le cerniere del cielo/scoprendo la pelle della notte”, “Sento l’odore liquido e caldo/ del mio sesso”, un profumo inconfondibile che ci spoglia, ci libera e “il delirio prende vita./E’ da lì che/inizia la conoscenza”.

Antonella Monti ci regala una lettura avvolgente fino all’ultimo verso, il suo “Credo in Ego” è un bellissimo sentiero poetico che ci  aiuta ad uscire dalla gabbia, paradossalmente, proprio del nostro “Io”, perché solo quando avremo una vita senza condizionamenti: “Il mio Ego ribelle guardò giù/fini per bucare il bianco e squarciare l’azzurro/e la Terra mi accolse nel suo ventre vuoto e in fiamme./Cosi rinacqui…”

Antonella Monti “Credo in Ego”
Ed. Minerva,Bologna,2017,
pag.80, euro 10,00 ISBN 978-88-7381-940-0
www.minervaedizioni.com

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (03/11/2017) 

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini