Sabato, 30 Luglio 2014

Wine

Per l’estate anomale, il Consorzio Valpolicella

Per l’estate anomale, il Consorzio …

San Pietro in Cariano - A pochi giorni dall'inizio della vendemmia, il Cda ... Leggi tutto

Vini Rottensteiner, piacere e tradizione

Vini Rottensteiner, piacere e tradi…

Bolzano - Hannes Rottensteiner, enologo e produttore gestisce la Tenuta di ... Leggi tutto

Vendemmia e trasporto in sicurezza

Vendemmia e trasporto in sicurezza

Si avvicina il momento della vendemmia e della raccolta della frutta. Anche... Leggi tutto

Informazione

Il cartellone Dio ama il sesso

Il cartellone Dio ama il sesso

Una Chiesa aconfessionale di Wilkes-Barre, ha pagato per installare un cart... Leggi tutto

Il Wi-Fi è pericoloso?

Il Wi-Fi è pericoloso?

In Francia, Svezia e Inghilterra si comincia a disattivare il Wi-Fi gratuit... Leggi tutto

L’economia degli Ottanta euri

L’economia degli Ottanta euri

Quella del bonus Irpef di 80 euro, è stata per il premier Matteo Renzi la p... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Cesare ucciso all'infinito

Vota questo articolo
(0 Voti)
“Shakespeare: Cesare ucciso all’infinito” -  << Pure nel branco degli uomini uno solo ne conosco, saldo e inespugnabile, e quell’uno sono io >>, dice il Giulio Cesare di Shakespeare, che possiamo vedere in questi giorni al teatro Strehler di Milano. E’ un uomo così lo si può anche amare sinceramente, come Bruto e gli altri congiurati dicono di fare, ma se ci sono di mezzo la libertà e la democrazia , allora è a queste che bisogna dare la priorità. Salvo poi sprofondare nel peggiore dei mali: la guerra civile. Il tragico emerge, come diche Goethe, dal << conflitto inconciliabile>> tra le motivazioni e azioni dei protagonisti, tutti perfettamente giustificati e tutti perfettamente condannati da meccanismi universali insiti della natura degli uomini e destinati incessantemente a ripetersi.

L’uccisione di Cesare è un atto democratico, così suggellato dai congiurati riuniti intorno al cadavere:: << In quante epoche future/Questa nostra grande scena sarà recitata/In nazioni e in linguaggi ancora non nati !>>, dice Cassio. E Bruto: << Quante volte Cesare sarà ucciso in teatro,/Lui che ora giace sulla statua di Pompeo/Non più che polvere!>>.
Cassio: << E ogni volta che accadrà/ saremo ricordati come gli uomini che dettero la libertà al loro paese>>.
Come osserva Franco Ricordi, filosofo e uomo di teatro, nel suo libro Shakespeare filosofo dell’essere ( che verrà presentato domani alle 16 chiostro Paolo Grassi di Via Rovello a Milano, ed. Mimesis, pagg.520, euro 28) , battute meta teatrali come queste< < divengono il cuore del teatro politico  shakespeariano, un teatro che è consapevole  come il delitto politico sia fondamento della propria azione drammatica>>. L’uomo << è e rimane una dramatis persona, una maschera drammatica che interpreta le varie situazioni della vita, rimanendo sempre  al di sotto di essa e delle sue a volte anche assurde possibilità>>. << Per questo motivo – conclude Ricordi – il teatro non può cambiare il mondo: il teatro è già “il mondo” in cui viviamo, e nel quale nessuno potrà mai conoscere il proprio destino. Non è, quella di Shakespeare, una filosofia conservativa del teatro e della vita, bensì il riconoscimento della superiorità del destino nei confronti dell’uomo, che rimarrà sempre alla stregua di un attore -nel-dramma dell’esistenza universale>>.

Eppure battute metareatrali sembrano anche voler alleggerire per un momento ciò che di terribile è avvenuto, perché Cassio e Bruto mostrano che << in fondo anche l’uccisione epocale di un uomo come Cesare è un gioco teatrale>>. Ma è proprio là dove gioco e tragedia, leggerezza e profondità, coincidono che Shakespeare riesce a dirci le cose più grandi.

di Armando Massarenti
   (15.04.2012)
 Quot. Il Sole24Ore

"Shakespeare filosofo dell’essere" 
di Franco Ricordi
Ed. Mimesis, Milano, 2011
Pagg.520, Euro 28,00
 ISBN:9788857507569