Giovedì, 18 Settembre 2014

Wine

 Vinitaly per l’Expo 2015

Vinitaly per l’Expo 2015

Verona - A pochi mesi dall’assegnazione al Vinitaly dell’incarico per la re... Leggi tutto

Ferrari Perlé, la migliore del mondo

Ferrari Perlé, la migliore del mond…

Trento - Sono firmate Ferrari le migliori bollicine al mondo, Champagne a p... Leggi tutto

Vino senza alcool, ma d’oro

Vino senza alcool, ma d’oro

La crisi colpisce europei e americani. Ma le cose non vanno proprio così ai... Leggi tutto

Informazione

Il Ministro serbo Zeljko Sertic, incontra la Federcontribuenti

Il Ministro serbo Zeljko Sertic, in…

Appena insediatosi il Ministro dell'Economia serbo, Zeljko Sertic, riceve c... Leggi tutto

Doccia scozzese. Il separatismo egoista

Doccia scozzese. Il separatismo ego…

Domani, 18 settembre, in Scozia si andrà a votare per la separazione dal Re... Leggi tutto

Da Pretoria, lezione di civiltà

Da Pretoria, lezione di civiltà

Al giudice Thokozile Masipa farei un monumento. Perché nel modo in cui si è... Leggi tutto

In Scena

Creatività, allestimenti, nuova stagione di Opera e Danza

Creatività, allestimenti, nuova sta…

Bolzano - La Fondazione Teatro Comunale e Auditorium Bolzano presenta il pr... Leggi tutto

Grande Grande Massimo Ranieri

Grande Grande Massimo Ranieri

Trento - Non nascondo che mi sono perso la prima edizione dello scorso anno... Leggi tutto

La mostra su Pintoricchio

La mostra su Pintoricchio

San Gimignano (SI)- Nella Pinacoteca civica una mostra dedicata al pittore ... Leggi tutto

A+ R A-

Cesare ucciso all'infinito

Vota questo articolo
(0 Voti)
“Shakespeare: Cesare ucciso all’infinito” -  << Pure nel branco degli uomini uno solo ne conosco, saldo e inespugnabile, e quell’uno sono io >>, dice il Giulio Cesare di Shakespeare, che possiamo vedere in questi giorni al teatro Strehler di Milano. E’ un uomo così lo si può anche amare sinceramente, come Bruto e gli altri congiurati dicono di fare, ma se ci sono di mezzo la libertà e la democrazia , allora è a queste che bisogna dare la priorità. Salvo poi sprofondare nel peggiore dei mali: la guerra civile. Il tragico emerge, come diche Goethe, dal << conflitto inconciliabile>> tra le motivazioni e azioni dei protagonisti, tutti perfettamente giustificati e tutti perfettamente condannati da meccanismi universali insiti della natura degli uomini e destinati incessantemente a ripetersi.

L’uccisione di Cesare è un atto democratico, così suggellato dai congiurati riuniti intorno al cadavere:: << In quante epoche future/Questa nostra grande scena sarà recitata/In nazioni e in linguaggi ancora non nati !>>, dice Cassio. E Bruto: << Quante volte Cesare sarà ucciso in teatro,/Lui che ora giace sulla statua di Pompeo/Non più che polvere!>>.
Cassio: << E ogni volta che accadrà/ saremo ricordati come gli uomini che dettero la libertà al loro paese>>.
Come osserva Franco Ricordi, filosofo e uomo di teatro, nel suo libro Shakespeare filosofo dell’essere ( che verrà presentato domani alle 16 chiostro Paolo Grassi di Via Rovello a Milano, ed. Mimesis, pagg.520, euro 28) , battute meta teatrali come queste< < divengono il cuore del teatro politico  shakespeariano, un teatro che è consapevole  come il delitto politico sia fondamento della propria azione drammatica>>. L’uomo << è e rimane una dramatis persona, una maschera drammatica che interpreta le varie situazioni della vita, rimanendo sempre  al di sotto di essa e delle sue a volte anche assurde possibilità>>. << Per questo motivo – conclude Ricordi – il teatro non può cambiare il mondo: il teatro è già “il mondo” in cui viviamo, e nel quale nessuno potrà mai conoscere il proprio destino. Non è, quella di Shakespeare, una filosofia conservativa del teatro e della vita, bensì il riconoscimento della superiorità del destino nei confronti dell’uomo, che rimarrà sempre alla stregua di un attore -nel-dramma dell’esistenza universale>>.

Eppure battute metareatrali sembrano anche voler alleggerire per un momento ciò che di terribile è avvenuto, perché Cassio e Bruto mostrano che << in fondo anche l’uccisione epocale di un uomo come Cesare è un gioco teatrale>>. Ma è proprio là dove gioco e tragedia, leggerezza e profondità, coincidono che Shakespeare riesce a dirci le cose più grandi.

di Armando Massarenti
   (15.04.2012)
 Quot. Il Sole24Ore

"Shakespeare filosofo dell’essere" 
di Franco Ricordi
Ed. Mimesis, Milano, 2011
Pagg.520, Euro 28,00
 ISBN:9788857507569