Martedì, 02 Settembre 2014

Wine

Pinot Bianco Alto Adige

Pinot Bianco Alto Adige

Appiano sulla Strada del Vino (BZ) -Non c’e alcun dubbio sulla qualità ecce... Leggi tutto

Vigneti, prototipo per trattamenti fitosanitari

Vigneti, prototipo per trattamenti …

Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore compie un passo in avanti ve... Leggi tutto

Per l’estate anomale, il Consorzio Valpolicella

Per l’estate anomale, il Consorzio …

San Pietro in Cariano - A pochi giorni dall'inizio della vendemmia, il Cda ... Leggi tutto

Informazione

Le ragioni di Putin

Le ragioni di Putin

Uno scacco matto al più abile giocatore di scacchi della scena internaziona... Leggi tutto

Giornata di preghiera per la salvaguardia del creato

Giornata di preghiera per la salvag…

Fanar - Fratelli e Figli benedetti nel Signore, La comune Madre di tutti ... Leggi tutto

Il cartellone Dio ama il sesso

Il cartellone Dio ama il sesso

Una Chiesa aconfessionale di Wilkes-Barre, ha pagato per installare un cart... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Finestra cosmica

Vota questo articolo
(0 Voti)
“Chi fertilizza gli uragani?”, “Ha un volto il tempo?”… in questo mondo in cui la natura ci sorprende (“canta il fringuello fiorisce soave il tempo / il mare abbraccia e sulla riva verde / l’estate balla”) e la musica ci penetra “nella carne più profonda (…) dove i nervi nudi si esaltano”), ci è data la bellezza faticosa della libertà, la gioia difficile ma eterna dell’amore (Misteri dell’amore): questo è il canto di Gladys.

Possiamo “riconoscere l’ombra”, vivere “l’indicibile tenerezza del silenzio”, sentire vive persone morte (Presenza) e assenti persone amate (Amore vero?), comprendere che “ognuno solo un’ala / solo in coppia il volo”, esporci (“se io fossi Saffo / non scriverei coperta denudando la mia anima”), affidarci (“le mie stampelle sono pazienza fede amore agli altri”), constatare che le lacrime possono diventare schegge inutili (Le poesie di Vera), che la poesia sa “oltrepassare confini penetrare enigmi”, quando “entra nel suono del mio silenzio”.

Le prose poetiche e i versi,perle di un intero cammino, ci aiutano a vivere l’esser-ci e l’esser-con, sapendo che: “La parola è l’equivoco infi nito. La parola è la mano che ti sorregge e il pugno che ti schiaccia”.

Se Brunella Bruschi ci ricorda che la “finestra cosmica è … il luogo dove si genera lo sguardo poetico”, Antonio Melis ci confida che: “Il bilancio continuamente aggiornato di una vita è anche un bilancio del fare poetico”. Varchiamo dunque questa vibrante raccolta.

“Finestra cosmica”di Gladys Basagoitia Dazza
Prefazioni di Brunella Bruschi e Antonio Melis
Copertina di Franz Ramberti
Edizione FaraEditore, Rimini
Pagine 110, Euro 12,00
ISBN 978 97441 12 0
www.faraeditore.it