Giovedì, 23 Ottobre 2014

Wine

Autochtona piace

Autochtona piace

Bolzano - Fa sempre piacere nel visitare una fiera, il potere constatare la... Leggi tutto

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruffino

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruf…

Firenze- L’artista francese Clet, conosciuto per le sue installazioni sui c... Leggi tutto

Dogarina, Vini Spumanti G&G

Dogarina, Vini Spumanti G&G

L’azienda vitivinicola Dogarina di Campodipietra (Tv), realtà veneta leader... Leggi tutto

Informazione

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

E’ imbarazzante oggi per papa Bergoglio beatificare Paolo VI perché è il su... Leggi tutto

La Sanità è d’interesse Nazionale

La Sanità è d’interesse Nazionale

Roma - Posto che la pressione fiscale generata dagli enti locali è aumentat... Leggi tutto

 Svuotato il lago Ampollino

Svuotato il lago Ampollino

Nella vicenda dello svuotamento del Lago Ampollino, in pieno Parco Nazional... Leggi tutto

In Scena

Marangelo, al di là del confine

Marangelo, al di là del confine

Quest’anno l’attore e regista Enzo Marangelo, fondatore dell’Accademia di T... Leggi tutto

Grande Musica Grandi Artisti al Lucerne Festival

Grande Musica Grandi Artisti al Luc…

Lucerna-  L’edizione del Lucerne Festival a Pasqua 2015 sarà dedicata ... Leggi tutto

Bassano con la grande Lirica

Bassano con la grande Lirica

Bassano del Grappa - L’autunno porta a Bassano un nuovo appuntamento con la... Leggi tutto

A+ R A-

Finestra cosmica

Vota questo articolo
(0 Voti)
“Chi fertilizza gli uragani?”, “Ha un volto il tempo?”… in questo mondo in cui la natura ci sorprende (“canta il fringuello fiorisce soave il tempo / il mare abbraccia e sulla riva verde / l’estate balla”) e la musica ci penetra “nella carne più profonda (…) dove i nervi nudi si esaltano”), ci è data la bellezza faticosa della libertà, la gioia difficile ma eterna dell’amore (Misteri dell’amore): questo è il canto di Gladys.

Possiamo “riconoscere l’ombra”, vivere “l’indicibile tenerezza del silenzio”, sentire vive persone morte (Presenza) e assenti persone amate (Amore vero?), comprendere che “ognuno solo un’ala / solo in coppia il volo”, esporci (“se io fossi Saffo / non scriverei coperta denudando la mia anima”), affidarci (“le mie stampelle sono pazienza fede amore agli altri”), constatare che le lacrime possono diventare schegge inutili (Le poesie di Vera), che la poesia sa “oltrepassare confini penetrare enigmi”, quando “entra nel suono del mio silenzio”.

Le prose poetiche e i versi,perle di un intero cammino, ci aiutano a vivere l’esser-ci e l’esser-con, sapendo che: “La parola è l’equivoco infi nito. La parola è la mano che ti sorregge e il pugno che ti schiaccia”.

Se Brunella Bruschi ci ricorda che la “finestra cosmica è … il luogo dove si genera lo sguardo poetico”, Antonio Melis ci confida che: “Il bilancio continuamente aggiornato di una vita è anche un bilancio del fare poetico”. Varchiamo dunque questa vibrante raccolta.

“Finestra cosmica”di Gladys Basagoitia Dazza
Prefazioni di Brunella Bruschi e Antonio Melis
Copertina di Franz Ramberti
Edizione FaraEditore, Rimini
Pagine 110, Euro 12,00
ISBN 978 97441 12 0
www.faraeditore.it