Domenica, 26 Ottobre 2014

Wine

Autochtona piace

Autochtona piace

Bolzano - Fa sempre piacere nel visitare una fiera, il potere constatare la... Leggi tutto

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruffino

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruf…

Firenze- L’artista francese Clet, conosciuto per le sue installazioni sui c... Leggi tutto

Dogarina, Vini Spumanti G&G

Dogarina, Vini Spumanti G&G

L’azienda vitivinicola Dogarina di Campodipietra (Tv), realtà veneta leader... Leggi tutto

Informazione

Le origine del sesso

Le origine del sesso

Il sesso ha origini antichissime, che risalgono all'alba dei tempi, ma che ... Leggi tutto

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

E’ imbarazzante oggi per papa Bergoglio beatificare Paolo VI perché è il su... Leggi tutto

La Sanità è d’interesse Nazionale

La Sanità è d’interesse Nazionale

Roma - Posto che la pressione fiscale generata dagli enti locali è aumentat... Leggi tutto

In Scena

L’arte di Andreace

L’arte di Andreace

Due opere d’Arte di Nicola Andreace, “Essenza di vissuto” ed “Eterno Diveni... Leggi tutto

Marangelo, al di là del confine

Marangelo, al di là del confine

Quest’anno l’attore e regista Enzo Marangelo, fondatore dell’Accademia di T... Leggi tutto

Grande Musica Grandi Artisti al Lucerne Festival

Grande Musica Grandi Artisti al Luc…

Lucerna-  L’edizione del Lucerne Festival a Pasqua 2015 sarà dedicata ... Leggi tutto

A+ R A-

Politica e morale

Vota questo articolo
(3 Voti)
Politica e morale - 5.0 out of 5 based on 3 votes
Non è sempre facile parlare, discutere di moralismo, soprattutto, quando l’ipocrisia il qualunquismo prendono il sopravvento: “sono tutti uguali, tutti compromessi”. E invece no, bisogna sempre fare sentire la propria voce. La Libertà è sapere ascoltare le voci. “Elogio del moralismo” è l’ultimo lavoro letterario del giurista Stefano Rodotà , che già dalle prime righe, pagine, toglie ogni dubbio a facili illusioni: << Sono un vecchio, incallito, mai pentito moralista. La parola mi piace, perché richiama non una moralità passiva, compiaciuta, contemplativa o consolatoria, ma una attitudine critica da non abbandonare, una tensione continua verso la realtà, il rifiuto di uno storicismo da quattro soldi che, riducendo a formula abusiva l’hegeliano “tutto ciò che è reale è razionale” spalma di acquiescenza qualsiasi comportamento pubblico o privato>>

E’ un libro che invita alla lettura alla riflessione sulla morale, sull’etica pubblica, e non dimeno a quei riferimenti dei valori della Costituzione, dove l’autore evidenzia, sottolinea i richiami: l’art. 54 della Carta costituzionale il comportamento dei cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche, deve essere improntato a disciplina e onore. Proprio il contrario di quanto fatto dai nostri politici: << “Il nostro ceto di governo...ha badato alla propria coesione interna, più che alla sua rispettabilità pubblica>>.

E’ evidente che la politica italiana ha smarrito i suoi valori, i suoi principi, la propria etica, questo decadimento è la risposta all’attaccamento alle poltrone, ai privilegi, al “mestiere del politico” ed è la conferma della disaffezione dei cittadini alla politica.

“Elogio del moralismo” è anche una riscoperta del ruolo del cittadino a essere più presente a dare maggiore forza ai valori, all’onore, all’etica che poi, nella scelta elettorale, non possono essere assolutamente trascurati per eleggere i propri rappresentanti. La vita pubblica esige rigore e correttezza, è inammissibile la menzogna e il non render conto dei propri comportamenti, diversamente è tutt’altra cosa, di certo non gli interessi dei cittadini.

L’autore non ha nessun dubbio sul significato della morale, dell’onore, dell’etica, della trasparenza: << L’obbligo di verità da parte delle istituzioni diviene diritto di d’informazione sul versante dei cittadini. Nell’art. 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo dell’Onu si afferma:” ogni individuo ha diritto, di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee con ogni mezzo e senza riguardo a frontiere”>>. Infine l’autore non può non rilevare l’importanza del ruolo della Scuola pubblica “Organo Costituzionale”, che può trasformare la molteplicità in ricchezza, in assenza del dialogo tra diversi, invece, aumenta l’egoismo, terreno fertile per una cattiva società.

 di Michele Luongo
   (21.05.2012)

“ Elogio del moralismo” di Stefano Rodotà , Ed. LaTerza,Roma-Bari, 2011, Pagg. 94 Euro 9,00 - ISBN 978-88-420-9889-8