Martedì, 16 Settembre 2014

Wine

Ferrari Perlé, la migliore del mondo

Ferrari Perlé, la migliore del mond…

Trento - Sono firmate Ferrari le migliori bollicine al mondo, Champagne a p... Leggi tutto

Vino senza alcool, ma d’oro

Vino senza alcool, ma d’oro

La crisi colpisce europei e americani. Ma le cose non vanno proprio così ai... Leggi tutto

Convegno Professione Sommelier

Convegno Professione Sommelier

Susegana (TV) - Una formazione professionale che apre nuove strade. È quest... Leggi tutto

Informazione

Tagliare privilegi della politica, e No

Tagliare privilegi della politica, …

Roma - Andò per tagliare e fu tagliato. Mentre la revisione della spesa pub... Leggi tutto

Forze Polizia. Ben altri i problemi

Forze Polizia. Ben altri i problemi

Roma - Ma quale sciopero !? Perché nessuno vuole vedere che in questi anni ... Leggi tutto

Cucinelli imprenditore filantropo

Cucinelli imprenditore filantropo

Si rinnova la ditta Cucinelli, che solo poco tempo fa ha elargito una tantu... Leggi tutto

In Scena

Creatività, allestimenti, nuova stagione di Opera e Danza

Creatività, allestimenti, nuova sta…

Bolzano - La Fondazione Teatro Comunale e Auditorium Bolzano presenta il pr... Leggi tutto

Grande Grande Massimo Ranieri

Grande Grande Massimo Ranieri

Trento - Non nascondo che mi sono perso la prima edizione dello scorso anno... Leggi tutto

La mostra su Pintoricchio

La mostra su Pintoricchio

San Gimignano (SI)- Nella Pinacoteca civica una mostra dedicata al pittore ... Leggi tutto

A+ R A-

Sguardo, esclamazioni

Vota questo articolo
(0 Voti)
Manto di vita” di Pietro Pancamo.
Credo che un caratteristica preminente della poetica di Pietro Pancamo sia, come osserva Marisa Napoli nella Prefazione), un approccio esistenziale (leopardiano e pascoliano) alla materia vitale di cui i suoi versi sono espressione. C’è uno sguardo ironico è nostalgico che crea immagini vivide ed efficaci:

«Il giorno che saltella / lungo le impronte delle mie scarpe; / il giorno che saluta frantumato, / quasi appostato / fra le dita.» (p. 13); «A quest’ora / ogni paese / è un fagotto / di stelle e di buio./ … / Ma lo è pure questa via / (intirizzita di pioggia) / col suo buio / incatenato ai lampioni / … » (p. 16); «e s’afferra a quella luce / che sbrodola tra le persiane» (p. 18); «In cima alle acque / vediamo il tempo che si toglie le scarpe» (p. 21); «Guarda il cielo: / cade come un urlo di nebbia» (p. 26), «Le stelle digrignano il cielo.» (p. 28).

Troviamo in questa raccolta esclamazioni metapoetiche («Eh, ironia / con te la disperazione / è filosofia!» p. 15) e sagaci appunti di tono aforistico («Ogni saluto è un commento / alla tristezza / di dover partire.» p. 17; «La morte (…) / … / è un cactus intento, ostaggio del deserto, / ad alzare le braccia» p. 20; «Ho fatto la mia vita con i piedi / senza nemmeno darle / una forma di sandalo» p. 33): Pancamo ci dona dei versi da ricordare, dei flash che indagano zone un po’ in ombra, magari inquietanti… quelle che ci danno una migliore consapevolezza di chi siamo.

Recensione di Alessandro Ramberti
           (01.08.2012)
   http://farapoesia.blogspot.it

“Manto di vita”
di Pietro Pancamo
Ed. Lieto Colle, 2005
Pag. Euro 10 ISBN 978-88-7848-155-8