Mercoledì, 26 Novembre 2014

Wine

 Sorsi con i Top Wine Alto Adige

Sorsi con i Top Wine Alto Adige

Bolzano - Il Parkhotel Laurin offre le sue sale per un evento quasi unico, ... Leggi tutto

Intini il nuovo presidente di Onav

Intini il nuovo presidente di Onav

È Vito Intini il nuovo presidente di ONAV, l’Organizzazione Nazionale Assag... Leggi tutto

Giornate Riesling,i vincitori

Giornate Riesling,i vincitori

Nell’incantevole Val Venosta, in Alto Adige, nascono le giornate del Riesli... Leggi tutto

Informazione

Almirante, un politico di altri tempi

Almirante, un politico di altri tem…

Bolzano – Il fascino di una grande figura politica italiana Giorgio Almiran... Leggi tutto

Ricchi, cresce il divario

Ricchi, cresce il divario

Stando a un nuovo report di Wealth Report Wealth-X e UBS pubblicato oggi " ... Leggi tutto

La strada che genera energia

La strada che genera energia

In Olanda è stata presentata ieri mercoledì 12 novembre la prima pista sola... Leggi tutto

In Scena

Hilliard Ensemble all'Aula Magna della Sapienza

Hilliard Ensemble all'Aula Magna de…

Roma - Lo Hilliard Ensemble dice addio alle scene dopo 40 anni di attività.... Leggi tutto

Al Manzoni Gwilym Simcock

Al Manzoni Gwilym Simcock

Milano - Per il quarto appuntamento della sua XXX Edizione, “Aperitivo in C... Leggi tutto

Mozart e  il suo Requiem

Mozart e il suo Requiem

Milano - L’ultimo appuntamento della settimana mozartiana 2014 come di trad... Leggi tutto

A+ R A-

Sguardo, esclamazioni

Vota questo articolo
(0 Voti)
Manto di vita” di Pietro Pancamo.
Credo che un caratteristica preminente della poetica di Pietro Pancamo sia, come osserva Marisa Napoli nella Prefazione), un approccio esistenziale (leopardiano e pascoliano) alla materia vitale di cui i suoi versi sono espressione. C’è uno sguardo ironico è nostalgico che crea immagini vivide ed efficaci:

«Il giorno che saltella / lungo le impronte delle mie scarpe; / il giorno che saluta frantumato, / quasi appostato / fra le dita.» (p. 13); «A quest’ora / ogni paese / è un fagotto / di stelle e di buio./ … / Ma lo è pure questa via / (intirizzita di pioggia) / col suo buio / incatenato ai lampioni / … » (p. 16); «e s’afferra a quella luce / che sbrodola tra le persiane» (p. 18); «In cima alle acque / vediamo il tempo che si toglie le scarpe» (p. 21); «Guarda il cielo: / cade come un urlo di nebbia» (p. 26), «Le stelle digrignano il cielo.» (p. 28).

Troviamo in questa raccolta esclamazioni metapoetiche («Eh, ironia / con te la disperazione / è filosofia!» p. 15) e sagaci appunti di tono aforistico («Ogni saluto è un commento / alla tristezza / di dover partire.» p. 17; «La morte (…) / … / è un cactus intento, ostaggio del deserto, / ad alzare le braccia» p. 20; «Ho fatto la mia vita con i piedi / senza nemmeno darle / una forma di sandalo» p. 33): Pancamo ci dona dei versi da ricordare, dei flash che indagano zone un po’ in ombra, magari inquietanti… quelle che ci danno una migliore consapevolezza di chi siamo.

Recensione di Alessandro Ramberti
           (01.08.2012)
   http://farapoesia.blogspot.it

“Manto di vita”
di Pietro Pancamo
Ed. Lieto Colle, 2005
Pag. Euro 10 ISBN 978-88-7848-155-8