Sabato, 20 Settembre 2014

Wine

 Vinitaly per l’Expo 2015

Vinitaly per l’Expo 2015

Verona - A pochi mesi dall’assegnazione al Vinitaly dell’incarico per la re... Leggi tutto

Ferrari Perlé, la migliore del mondo

Ferrari Perlé, la migliore del mond…

Trento - Sono firmate Ferrari le migliori bollicine al mondo, Champagne a p... Leggi tutto

Vino senza alcool, ma d’oro

Vino senza alcool, ma d’oro

La crisi colpisce europei e americani. Ma le cose non vanno proprio così ai... Leggi tutto

Informazione

Scuola.Bimbi poveri, mangiano di meno

Scuola.Bimbi poveri, mangiano di me…

La scena sembra tratta da Oliver Twist: i figli dei ricchi mangiano un past... Leggi tutto

Fumo, il datore paga il dipendente

Fumo, il datore paga il dipendente

Per anni è stata esposta al fumo passivo delle sigarette dei suoi colleghi ... Leggi tutto

Il Ministro serbo Zeljko Sertic, incontra la Federcontribuenti

Il Ministro serbo Zeljko Sertic, in…

Appena insediatosi il Ministro dell'Economia serbo, Zeljko Sertic, riceve c... Leggi tutto

In Scena

Creatività, allestimenti, nuova stagione di Opera e Danza

Creatività, allestimenti, nuova sta…

Bolzano - La Fondazione Teatro Comunale e Auditorium Bolzano presenta il pr... Leggi tutto

Grande Grande Massimo Ranieri

Grande Grande Massimo Ranieri

Trento - Non nascondo che mi sono perso la prima edizione dello scorso anno... Leggi tutto

La mostra su Pintoricchio

La mostra su Pintoricchio

San Gimignano (SI)- Nella Pinacoteca civica una mostra dedicata al pittore ... Leggi tutto

A+ R A-

Terra di vassalli

Vota questo articolo
(4 Voti)
Terra di vassalli - 5.0 out of 5 based on 4 votes
Nel 962. No, non quando io mi iscrivevo alla III Media, nel 1962, proprio in quel lontanissimo anno del X secolo accadde una cosa che durò novecento altri anni, e che quasi tutti hanno dimenticata, e invece sembra una notizia di stamattina. Un piccolo passo indietro: nell’887 l’ultimo dei carolingi, Carlo il Grosso, abdicò e si fece monaco, e l’Impero, a parte un vortice di rivendicazioni, si frantumò in Regni. Uno di questi era il Regno d’Italia, con pretese su tutta la Penisola, ma di fatto esteso alla Pianura Padana e Toscana: il resto era o bizantino o longobardo o saraceno o indipendente. Brevi e turbinose vicende videro sul trono Berengario I, che fu anche imperatore; Guido e Lamberto di Spoleto; Ugo di Provenza; Arnolfo di Germania; Lotario; infine il debole Berengario di Ivrea nel 950. 
Questi, per sostenersi, fece atto di vassallaggio nei confronti di Ottone di Sassonia, re di Germania; nel 962 Ottone decise di sbarazzarsi di Berengario, scese in Italia, se ne proclamò re, annesse la Marca Trevigiana alla Germania, e prese la corona imperiale; da allora, e fino al 1797, l’imperatore e re di Germania portò sempre anche il titolo di re d’Italia: Carlo V, tra i pochi a ricordarsene, si fece incoronare tale a Bologna nel 1530. L’ultimo a chiamarsi di re d’Italia inteso nell’estensione medioevale fu Napoleone. In altro contesto territoriale e ideologico, il titolo venne assunto dai Savoia nel 1861.

Oggi non ci sono più i re, ma la storia è sempre la stessa. C’è un’Europa carolingia – tutti quei signori che abbiamo nominati erano pronipoti di Carlo Magno – in continua dialettica con frequenti guerre, ma sempre avendo come centro geografico e politico la Valle del Reno; e un’Italia debole e divisa, esposta perciò a diverse ambizioni, ora francesi ora tedesche. La Germania sente l’Italia come una sua necessità, e la corteggia nonostante le ricorrenti infedeltà; o si può dire che veda nell’italianità quel correttivo all’eccessiva rigidità teutonica. Nietzsche affermò che il superuomo non poteva nascere nella razionale e prevedibile Germania, ma solo nella folle e solare e creativa Italia!

Da buon reazionario, chi scrive è fautore di questa intesa, e nemico di ogni infranciosamento; ma ci vorrebbe un’Italia forte e sicura di sé, non quella di Berengario II… o di Monti, Berlusconi, Bersani, Casini, Fini e compagnia cantando. Per ora, pare che stiamo andando incontro a qualche operazione di vassallaggio pari a quella del 950, o di annessione come dodici anni dopo! Quod deus avertat.

di Ulderico Nisticò
   (21.07.2012)

Altro in questa categoria: « La prima loggia Stati, confini »