Mercoledì, 23 July 2014

Wine

Intervista a Giancarlo Moretti Polegato

Intervista a Giancarlo Moretti Pole…

Crocetta del Montello (TV) - Visione lungimirante e piglio innovativo decli... Leggi tutto

Spatium Pinot Blanc

Spatium Pinot Blanc

Appiano (BZ) - I Pinot Bianco d’Europa si danno appuntamento il 29 e 30 ago... Leggi tutto

Ruchè 2. 0 ,  il rosso aperitivo

Ruchè 2. 0 , il rosso aperitivo

Fresco, setoso, elegante, sprizzante, dal packaging innovativo, la scelta d... Leggi tutto

Informazione

Senza la qualifica la multa è da annullare

Senza la qualifica la multa è da an…

Ancora uno stop "ai vigilini" meglio noti come ausiliari del traffico. A st... Leggi tutto

La Cassazione assolve un contribuente

La Cassazione assolve un contribuen…

La Corte di Cassazione – Sez. Terza Penale – con la sentenza n. 30574 dell’... Leggi tutto

Acquisto farmaci on line

Acquisto farmaci on line

A partire dal secondo semestre del 2015 i cittadini europei potranno acquis... Leggi tutto

In Scena

Ricordando Andreace

Ricordando Andreace

Massafra (TA) - Nell’ambito della Festa dell’Architetto e dell’Esposizione ... Leggi tutto

Musica Riva Festival

Musica Riva Festival

Riva del Garda (Tn) - Festival Musica Riva con masterclass di docenti inter... Leggi tutto

Lucerne Festival al Piano

Lucerne Festival al Piano

Lucerne (CH) - L’edizione di quest’anno del LUCERNE FESTIVAL al Piano vede ... Leggi tutto

A+ R A-

Terra di vassalli

Vota questo articolo
(4 Voti)
Terra di vassalli - 5.0 out of 5 based on 4 votes
Nel 962. No, non quando io mi iscrivevo alla III Media, nel 1962, proprio in quel lontanissimo anno del X secolo accadde una cosa che durò novecento altri anni, e che quasi tutti hanno dimenticata, e invece sembra una notizia di stamattina. Un piccolo passo indietro: nell’887 l’ultimo dei carolingi, Carlo il Grosso, abdicò e si fece monaco, e l’Impero, a parte un vortice di rivendicazioni, si frantumò in Regni. Uno di questi era il Regno d’Italia, con pretese su tutta la Penisola, ma di fatto esteso alla Pianura Padana e Toscana: il resto era o bizantino o longobardo o saraceno o indipendente. Brevi e turbinose vicende videro sul trono Berengario I, che fu anche imperatore; Guido e Lamberto di Spoleto; Ugo di Provenza; Arnolfo di Germania; Lotario; infine il debole Berengario di Ivrea nel 950. 
Questi, per sostenersi, fece atto di vassallaggio nei confronti di Ottone di Sassonia, re di Germania; nel 962 Ottone decise di sbarazzarsi di Berengario, scese in Italia, se ne proclamò re, annesse la Marca Trevigiana alla Germania, e prese la corona imperiale; da allora, e fino al 1797, l’imperatore e re di Germania portò sempre anche il titolo di re d’Italia: Carlo V, tra i pochi a ricordarsene, si fece incoronare tale a Bologna nel 1530. L’ultimo a chiamarsi di re d’Italia inteso nell’estensione medioevale fu Napoleone. In altro contesto territoriale e ideologico, il titolo venne assunto dai Savoia nel 1861.

Oggi non ci sono più i re, ma la storia è sempre la stessa. C’è un’Europa carolingia – tutti quei signori che abbiamo nominati erano pronipoti di Carlo Magno – in continua dialettica con frequenti guerre, ma sempre avendo come centro geografico e politico la Valle del Reno; e un’Italia debole e divisa, esposta perciò a diverse ambizioni, ora francesi ora tedesche. La Germania sente l’Italia come una sua necessità, e la corteggia nonostante le ricorrenti infedeltà; o si può dire che veda nell’italianità quel correttivo all’eccessiva rigidità teutonica. Nietzsche affermò che il superuomo non poteva nascere nella razionale e prevedibile Germania, ma solo nella folle e solare e creativa Italia!

Da buon reazionario, chi scrive è fautore di questa intesa, e nemico di ogni infranciosamento; ma ci vorrebbe un’Italia forte e sicura di sé, non quella di Berengario II… o di Monti, Berlusconi, Bersani, Casini, Fini e compagnia cantando. Per ora, pare che stiamo andando incontro a qualche operazione di vassallaggio pari a quella del 950, o di annessione come dodici anni dopo! Quod deus avertat.

di Ulderico Nisticò
   (21.07.2012)

Altro in questa categoria: « La prima loggia Stati, confini »