Venerdì, 29 Luglio 2014

Wine

Vini Rottensteiner, piacere e tradizione

Vini Rottensteiner, piacere e tradi…

Bolzano - Hannes Rottensteiner, enologo e produttore gestisce la Tenuta di ... Leggi tutto

Vendemmia e trasporto in sicurezza

Vendemmia e trasporto in sicurezza

Si avvicina il momento della vendemmia e della raccolta della frutta. Anche... Leggi tutto

Il vino e Caterina de Puppi

Il vino e Caterina de Puppi

Moimacco (UD) - Caterina de Puppi, il piglio dinamico di Villa de Puppi. Gi... Leggi tutto

Informazione

L’economia degli Ottanta euri

L’economia degli Ottanta euri

Quella del bonus Irpef di 80 euro, è stata per il premier Matteo Renzi la p... Leggi tutto

Ricalcolare il PIL

Ricalcolare il PIL

Il Pil si calcola sommando l'offerta e la domanda di beni e servizi, vale a... Leggi tutto

Turisti della morte

Turisti della morte

Il numero dei "turisti del suicidio assistito" è raddoppiato in Svizzera tr... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Manichini senza testa

Vota questo articolo
(1 Vota)
Manichini senza testa - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Milano - In via Guglielmo Marconi, adiacente al Museo del Novecento “100 Sogni - Morti sul lavoro” 100 manichini in tuta da lavoro in marcia, è l’installazione di Gianfranco Angelico Benvenuto:
<< Cento anonime tute vuote, riempiti solo dal vento che dà loro corpo in questo composto cammino senza i colori della speranza di Pellizza da Volpedo.
Perché l’assenza di chi è morto per il lavoro o perché lo ha perso diventi la presenza più autentica e più viva.
Perché almeno il silenzio possa penetrare il muro dell’indifferenza al dolore altrui>>.

L’ordinato corteo di tute da lavoro, senza testa, attrae sono numerosi i passanti e i turisti che si soffermavano ad osservare a commentare l’opera con apprezzamenti positivi, collegando bene la frase riportata con l’installazione.
L’artista comunica - denuncia il dramma sociale delle morti bianche delle magliaie di uomini e donne che ogni anno muoiono lavorando, ma la sua non è una provocazione fine a se stessa, va oltre. La testimonianza della gente che si ferma a riflettere, anche se, per un solo attimo è la risposta di un risultato molto positivo.

L’installazione è stata inaugurata il 23 aprile dall’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca Cristina Tajani alla presenza dell’autore. E’ stata realizzata con il contributo della Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di Udine e con il sostegno del Comune di Milano

L’opera “100 sogni morti sul lavoro” sarà in via Marconi fino al 2 maggio e, probabilmente poi sarà localizzata in altri luoghi della città. 

di Michele Luongo
© Riproduzione riservata
 (28.03.2012)
Immagine “ Cento Sogni Morti sul lavoro” di Gianfranco Angelico Benvenuto, 2012 byLuongo
www.bluarte.it