Venerdì, 24 Ottobre 2014

Wine

Autochtona piace

Autochtona piace

Bolzano - Fa sempre piacere nel visitare una fiera, il potere constatare la... Leggi tutto

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruffino

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruf…

Firenze- L’artista francese Clet, conosciuto per le sue installazioni sui c... Leggi tutto

Dogarina, Vini Spumanti G&G

Dogarina, Vini Spumanti G&G

L’azienda vitivinicola Dogarina di Campodipietra (Tv), realtà veneta leader... Leggi tutto

Informazione

Le origine del sesso

Le origine del sesso

Il sesso ha origini antichissime, che risalgono all'alba dei tempi, ma che ... Leggi tutto

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

E’ imbarazzante oggi per papa Bergoglio beatificare Paolo VI perché è il su... Leggi tutto

La Sanità è d’interesse Nazionale

La Sanità è d’interesse Nazionale

Roma - Posto che la pressione fiscale generata dagli enti locali è aumentat... Leggi tutto

In Scena

Marangelo, al di là del confine

Marangelo, al di là del confine

Quest’anno l’attore e regista Enzo Marangelo, fondatore dell’Accademia di T... Leggi tutto

Grande Musica Grandi Artisti al Lucerne Festival

Grande Musica Grandi Artisti al Luc…

Lucerna-  L’edizione del Lucerne Festival a Pasqua 2015 sarà dedicata ... Leggi tutto

Bassano con la grande Lirica

Bassano con la grande Lirica

Bassano del Grappa - L’autunno porta a Bassano un nuovo appuntamento con la... Leggi tutto

A+ R A-

Al Teatro Grande la Mahler

Vota questo articolo
(6 Voti)
Al Teatro Grande la Mahler - 4.8 out of 5 based on 6 votes
Brescia - Nell’ambito del 49°Festival pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, “Brahms, il conservatore progressista” al Teatro Grande una serata di assoluta qualità, il concerto tenuto dalla Mahler Chamber Orchestra, per l’occasione direttore e pianista è il norvegese Leif Ove Andsnes (martedì 15 maggio 2012). La Mahler Chamber Orchestra è un ensemble di musicisti che provengono da 20 nazioni diverse, con direzione a Berlino e sedi di residenze a Ferrarra, Nord-Reno Vestfalia, a Lucerna. Una orchestra di massimo livello artistico, itinerante, internazionale tenuta a battezzo da Claudio Abbado è considerata una delle migliore orchestre al mondo. Nel 2011 è stata nominata Ambasciatrice Culturale dell’Unione Europea.

Nella bellissima cornice del Teatro Grande musica di Ludwig van Beethoven con il Concerto nr.1, in do maggiore per pianoforte e orchestra op.15, e il Concerto nr.3, in do minore per pianoforte e orchestra op.37, e Igor stravinsky.

S’inizia con il concerto n.1 in do maggiore con i tre movimenti: Allegro con brio, Largo, Rondò.Allegro scherzando. Ed è subito una primavera di note che mette in evidenza la bravura dell’orchestra. Poi il pianoforte con armonia, delicato da voce alle note realizzando uno straordinario linguaggio con l’orchestra che lascia una sola espressione: Bravi.

Nell’Apollon Musagèt di Stravinskyi i musicisti in piedi ci lasciano una incantevole espressione musicale ricca di tensione.

Durante l’intervallo si ha notizia di un’intensa pioggia, una signora, rassicurante, ora c’è Beethoven e smetterà di piovere. Siamo nella seconda parte dello spettacolo è in scena l’esecuzione del Concerto nr.3 in do minore per pianoforte e orchestra op.37 di Ludwing van Beethoven. Ancora una volta l’orchestra mostra la sua abilità espressiva regalandoci strati di bellissima musica. Qui il pianoforte è più deciso, a volte quasi aggressivo, ma meravigliosamente in sincronia con l’orchestra e in un turbine di note ci travolgono in uno straordinario finale .

Leif Ove Andsne al piano ci ha regalato momenti di poesia, di sinfonia, di tensione e di una straordinaria melodia dando parole alle note del piano. Ha diretto la Mahler Chamber Orchestra nel modo migliore, una perfetta simbiosi di dialoghi strumentali, un meraviglioso spettacolo. Lunghi applausi ne hanno sottolineto l’esibizione, un bis, un assolo al piano, quasi un invito a ricominciare.

Per la cronaca dopo il concerto ha smesso di piovere, saranno state le note di Beethoven?

 
di Michele Luongo
© Riproduzione riservata
   (18.05.2012)
www.bluarte.it