Mercoledì, 27 Luglio 2014

Wine

Il vino e Caterina de Puppi

Il vino e Caterina de Puppi

Moimacco (UD) - Caterina de Puppi, il piglio dinamico di Villa de Puppi. Gi... Leggi tutto

Prosecco Superiore difesa della qualità

Prosecco Superiore difesa della qua…

Il Consorzio di Tutela e le associazioni di categoria della filiera produtt... Leggi tutto

Vino DOP e IGP contraffatto

Vino DOP e IGP contraffatto

Parma - Un'associazione a delinquere transnazionale composta da quattro per... Leggi tutto

Informazione

Ricalcolare il PIL

Ricalcolare il PIL

Il Pil si calcola sommando l'offerta e la domanda di beni e servizi, vale a... Leggi tutto

Turisti della morte

Turisti della morte

Il numero dei "turisti del suicidio assistito" è raddoppiato in Svizzera tr... Leggi tutto

Europa, discorsi vaghi

Europa, discorsi vaghi

Berlino - Dopo il discorso a Jackson Hole di Mario Draghi, oggi arriva la c... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Bahrami Bach Mercelli

Vota questo articolo
(4 Voti)
Bahrami Bach Mercelli - 5.0 out of 5 based on 4 votes
Bassano del Grappa (VI) - Un atteso e gradito ritorno quello di Ramin Bahrami, indiscusso interprete di Bach, al Teatro Remodini nell’ambito di Operaestate Festival Veneto 2012. Ramin Bahrami e Massimo Marcelli, pianoforte e flauto per una serata dedicata al grande compositore.
In programma le quattro Sonate per flauto e tastiera: la Sonata in Sol min BWV 1020, la Sonata in La mag BWV 1032, la Sonata in mib mag BWV 1031, e la Sonata in si min BWV 1030, tutte in tre movimenti, di JohannSebastian Bach, e già dalle prime note ci si rende conto della poesia della musica, e della naturale simbiosi degli interpreti. Ramin Baharami e il flautista Massimo Mercelli, dialogano con spontaneità, costruendo una serata musicale di grande fascino. Sensibilità, stile, tecnica, irradiano bellezza artistica, multiforme, cosmopolita, com’è Bach.

Ramin Bahramin e completamente immerso in Bach, le dita sulla tastiera sono di un’estrema delicatezza quasi volteggianti, brillanti, ma eseguono sempre con assoluta maestria, pulita, ricca di comunicazione e le note risuonano maestose, è il suo Bach .
Massimo Mercelli, ci regala un’armonia sonora di primo’ordine. Eleganza, precisione e nitidezza, stile e intima melodia, è la voce del flauto ( il suo flauto è di legno).

Atmosfera e ricca, intensa, profonda, un’interpretazione che accoglie lunghi applausi e bis in serie. Così ancora una sonata a quattro mani scritta nella parte del pianoforte da Bach figlio e nella parte del flauto da Bach padre. Ed ancora l’aria sulla IV corda di Bach, nella versione pianistica di Bahrami, eseguita in memoria delle vittime del terremoto in Emilia.

Poi il silenzio per una serata straordinaria con la consapevolezza che la vera musica ancora una volta ha riempito l’anima.

di Michele Luongo
© Riproduzione riservata
    (26.07.2012) 
www.bluarte.it

Immagine: Ramin Bahramin e Massimo Mercelli ©Luongo, Bassano2012