Sabato, 30 Luglio 2014

Wine

Vini Rottensteiner, piacere e tradizione

Vini Rottensteiner, piacere e tradi…

Bolzano - Hannes Rottensteiner, enologo e produttore gestisce la Tenuta di ... Leggi tutto

Vendemmia e trasporto in sicurezza

Vendemmia e trasporto in sicurezza

Si avvicina il momento della vendemmia e della raccolta della frutta. Anche... Leggi tutto

Il vino e Caterina de Puppi

Il vino e Caterina de Puppi

Moimacco (UD) - Caterina de Puppi, il piglio dinamico di Villa de Puppi. Gi... Leggi tutto

Informazione

L’economia degli Ottanta euri

L’economia degli Ottanta euri

Quella del bonus Irpef di 80 euro, è stata per il premier Matteo Renzi la p... Leggi tutto

Ricalcolare il PIL

Ricalcolare il PIL

Il Pil si calcola sommando l'offerta e la domanda di beni e servizi, vale a... Leggi tutto

Turisti della morte

Turisti della morte

Il numero dei "turisti del suicidio assistito" è raddoppiato in Svizzera tr... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Honeck e la Deutsches Symphonie

Vota questo articolo
(4 Voti)
Honeck e la Deutsches Symphonie - 4.5 out of 5 based on 4 votes
Berlino - La Philharmonie è un tempio per la musica classica tedesca, qui si esibiscono i migliori direttori e le migliori orchestre del mondo. Architettura moderna, circolare, ogni spettatore da qualsiasi punto ha una visione completa dell’orchestra. Qui ogni musicista, ogni orchestra, ogni direttore di valore può solo accrescere la sua sensibilità artistica, è un vero bagno di professionalità.

In scena c’è la Deutsches Symphonie-Orchester Berlin diretta da Manfred Honeck (31 maggio 2012), con il programma “Fantastic Appearances of a Theme by Hector Berlioz” di Walter Braunfels, “Concerto per violoncello e orchestra” di Arthur Honeggerr, solista Jan Vogler, e nell’ultima parte la“Symphony nr. 4 e-Moll op.98” di Johannes Brahms.

L’orchestra già dall’introduzione “Erscheinung. Thema - Einleitung. Allegretto con fuoco” esprime il suo valore con un esaltante vortice di tensione. Ma l’esecuzione (estratti) dell’opera di Braunfels, ci lascia affascinati per la limpida precisione. Ogni cadenza sonora, ora tenera ora luminosa espansione, ci trasporta nell’audace espressione orchestrale magnificamente diretta da Manfred Honeck. Meritato il lungo applauso.

Con il solista Jan Vogler, il “Concerto per Violoncello e Orchestra” di Arthur Honegger, nei movimenti Andante, Lento, Allegro marcato, siamo in un lirismo struggente, Vogler è bravo e molto professionale, ma non ha la spontaneità della passione. L’orchestra ancor auna volta impeccabile. Meritati gli applausi, nel dovuto bis la conferma della professionalità.

Siamo alla “Symphony nr. 4 e-Moll op.98” di Johannes Brahms, la direzione di Honeck è impeccabile, sembra abbracciare l’orchestra, sollecita ogni strumento, è un legame di rara sinergia. Gli archi sembrano disegnare cieli azzurri, livelli sonori di assoluta qualità per un canto passionale di meravigliosa melodia. La Deutsches Symphonie-Orchester Berlin è semplicemente perfetta, Honeck né ha saputo esaltare ogni nota per un concerto eccellente!
Immancabili i lunghi e convinti applausi.

   di Michele Luongo
© Riproduzione riservata
    (05.06.2012)
www.bluarte.it

Immagine: Deutsches Symphonie-Orchester Berlin foto Kai Bienert