Domenica, 26 Ottobre 2014

Wine

Autochtona piace

Autochtona piace

Bolzano - Fa sempre piacere nel visitare una fiera, il potere constatare la... Leggi tutto

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruffino

Un fiasco d’arte per il Chianti Ruf…

Firenze- L’artista francese Clet, conosciuto per le sue installazioni sui c... Leggi tutto

Dogarina, Vini Spumanti G&G

Dogarina, Vini Spumanti G&G

L’azienda vitivinicola Dogarina di Campodipietra (Tv), realtà veneta leader... Leggi tutto

Informazione

Le origine del sesso

Le origine del sesso

Il sesso ha origini antichissime, che risalgono all'alba dei tempi, ma che ... Leggi tutto

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

Gli opposti, PaoloVI e Bergoglio

E’ imbarazzante oggi per papa Bergoglio beatificare Paolo VI perché è il su... Leggi tutto

La Sanità è d’interesse Nazionale

La Sanità è d’interesse Nazionale

Roma - Posto che la pressione fiscale generata dagli enti locali è aumentat... Leggi tutto

In Scena

L’arte di Andreace

L’arte di Andreace

Due opere d’Arte di Nicola Andreace, “Essenza di vissuto” ed “Eterno Diveni... Leggi tutto

Marangelo, al di là del confine

Marangelo, al di là del confine

Quest’anno l’attore e regista Enzo Marangelo, fondatore dell’Accademia di T... Leggi tutto

Grande Musica Grandi Artisti al Lucerne Festival

Grande Musica Grandi Artisti al Luc…

Lucerna-  L’edizione del Lucerne Festival a Pasqua 2015 sarà dedicata ... Leggi tutto

A+ R A-

Caimmi seduce pubblico e castello

Vota questo articolo
(4 Voti)
Caimmi seduce pubblico e castello - 5.0 out of 5 based on 4 votes
Trento - I Castelli, testimoni della nostra storia, austeri e distanti o pietre abbandonate, un po’ ovunque segnano il territorio. Il Trentino, va dato merito all’Assessorato alla Cultura per avere dato vitalità ai Castelli, con una promozione turistica culturale molto intelligente che da qualche anno riscuote un indubbio successo. La storia è recuperata alla contemporaneità e restituisce al territorio la fruibilità dei manieri con le “Arti”. In questo contesto l’iniziativa “Dicastelliincastello” spettacoli teatrali per un'estate tra arte e cultura.

Nella prestigiosa residenza del Castel Thun, a Vigolo di Ton (TN) ,venerdì ( 20.07.2012) è andato in scena "Un ballo in maschera", spettacolo itinerante e liberamente tratto dall'opera di Michail Jurevic Lermontov, a cura di OHT Office for a Human Theatre, con la Regia di Filippo Andreatta, e gli attori Chiara Caimmi e Patric Schott. Il testo è stato abbandonato per raccontare in nuova forma la storia della famiglia Thun.

Gli attori hanno accolto in pubblico con una divertente e riflessiva presentazione, giocando sulla ripetizione del “Buonasera, Benvenuti a Castel Thun…” consegnavano maschere e mantelli al numeroso pubblico. In una affascinante atmosfera castellana, abbiamo seguito gli attori nella corte del Castello, qui, in un suggestivo gioco di video luci e tuoni, andavano in scena aneddoti della famiglia Thun.

Ma l’estate si sa, i temporali sono sempre in agguato, così i finti tuoni presto si trasformano in vera pioggia. Ora siamo nei giardini, gli attori Chiara Caimmi e Patric Schott , e con la partecipazione di Manuela Fischietti, sotto una battente pioggia ci raccontano e animano frammenti di caccia della vita del castello. E’ straordinaria la professionalità, la dedizione degli attori, la pioggia è insistente, batte forte, ma la recitazione della Caimmi, è soave, gaia, intensa, seduce il pubblico che, con ombrelli o sotto i muri assiste, senza scomporsi, all’avvolgente recitazione. E’ un momento di assoluta integrazione di rispetto tra gli attori e il pubblico. Una sola parola:Bello!

La magia continua, siamo nei sotterranei del castello, qui gli attori interagiscono con un video, poi infilata la testa nei sacchi-cappuccio, un dolce ricercarsi di baci, lasciano la sala per inseguire la luce. E il suono di una tromba che invita il pubblico nel cortile, qui gli attori ricevono il lungo applauso del pubblico.

Ma lo spettacolo continua con la musica ragtime e charlestone della “Tiger Dixie Band” e il “Ballo in maschera.

Bellissima iniziativa per scoprire e vivere i manieri. Un invito a visitare il Castel Thun con oltre 150 stanze che conservano gli arredi originali delle diverse epoche.

di Michele Luongo
© Riproduzione riservata
  (23.07.2012)
www.bluarte.it