Mercoledì, 03 Settembre 2014

Wine

Pinot Bianco Alto Adige

Pinot Bianco Alto Adige

Appiano sulla Strada del Vino (BZ) -Non c’e alcun dubbio sulla qualità ecce... Leggi tutto

Vigneti, prototipo per trattamenti fitosanitari

Vigneti, prototipo per trattamenti …

Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore compie un passo in avanti ve... Leggi tutto

Per l’estate anomale, il Consorzio Valpolicella

Per l’estate anomale, il Consorzio …

San Pietro in Cariano - A pochi giorni dall'inizio della vendemmia, il Cda ... Leggi tutto

Informazione

Le ragioni di Putin

Le ragioni di Putin

Uno scacco matto al più abile giocatore di scacchi della scena internaziona... Leggi tutto

Giornata di preghiera per la salvaguardia del creato

Giornata di preghiera per la salvag…

Fanar - Fratelli e Figli benedetti nel Signore, La comune Madre di tutti ... Leggi tutto

Il cartellone Dio ama il sesso

Il cartellone Dio ama il sesso

Una Chiesa aconfessionale di Wilkes-Barre, ha pagato per installare un cart... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Caimmi seduce pubblico e castello

Vota questo articolo
(4 Voti)
Caimmi seduce pubblico e castello - 5.0 out of 5 based on 4 votes
Trento - I Castelli, testimoni della nostra storia, austeri e distanti o pietre abbandonate, un po’ ovunque segnano il territorio. Il Trentino, va dato merito all’Assessorato alla Cultura per avere dato vitalità ai Castelli, con una promozione turistica culturale molto intelligente che da qualche anno riscuote un indubbio successo. La storia è recuperata alla contemporaneità e restituisce al territorio la fruibilità dei manieri con le “Arti”. In questo contesto l’iniziativa “Dicastelliincastello” spettacoli teatrali per un'estate tra arte e cultura.

Nella prestigiosa residenza del Castel Thun, a Vigolo di Ton (TN) ,venerdì ( 20.07.2012) è andato in scena "Un ballo in maschera", spettacolo itinerante e liberamente tratto dall'opera di Michail Jurevic Lermontov, a cura di OHT Office for a Human Theatre, con la Regia di Filippo Andreatta, e gli attori Chiara Caimmi e Patric Schott. Il testo è stato abbandonato per raccontare in nuova forma la storia della famiglia Thun.

Gli attori hanno accolto in pubblico con una divertente e riflessiva presentazione, giocando sulla ripetizione del “Buonasera, Benvenuti a Castel Thun…” consegnavano maschere e mantelli al numeroso pubblico. In una affascinante atmosfera castellana, abbiamo seguito gli attori nella corte del Castello, qui, in un suggestivo gioco di video luci e tuoni, andavano in scena aneddoti della famiglia Thun.

Ma l’estate si sa, i temporali sono sempre in agguato, così i finti tuoni presto si trasformano in vera pioggia. Ora siamo nei giardini, gli attori Chiara Caimmi e Patric Schott , e con la partecipazione di Manuela Fischietti, sotto una battente pioggia ci raccontano e animano frammenti di caccia della vita del castello. E’ straordinaria la professionalità, la dedizione degli attori, la pioggia è insistente, batte forte, ma la recitazione della Caimmi, è soave, gaia, intensa, seduce il pubblico che, con ombrelli o sotto i muri assiste, senza scomporsi, all’avvolgente recitazione. E’ un momento di assoluta integrazione di rispetto tra gli attori e il pubblico. Una sola parola:Bello!

La magia continua, siamo nei sotterranei del castello, qui gli attori interagiscono con un video, poi infilata la testa nei sacchi-cappuccio, un dolce ricercarsi di baci, lasciano la sala per inseguire la luce. E il suono di una tromba che invita il pubblico nel cortile, qui gli attori ricevono il lungo applauso del pubblico.

Ma lo spettacolo continua con la musica ragtime e charlestone della “Tiger Dixie Band” e il “Ballo in maschera.

Bellissima iniziativa per scoprire e vivere i manieri. Un invito a visitare il Castel Thun con oltre 150 stanze che conservano gli arredi originali delle diverse epoche.

di Michele Luongo
© Riproduzione riservata
  (23.07.2012)
www.bluarte.it