Venerdì, 25 July 2014

Wine

Intervista a Giancarlo Moretti Polegato

Intervista a Giancarlo Moretti Pole…

Crocetta del Montello (TV) - Visione lungimirante e piglio innovativo decli... Leggi tutto

Spatium Pinot Blanc

Spatium Pinot Blanc

Appiano (BZ) - I Pinot Bianco d’Europa si danno appuntamento il 29 e 30 ago... Leggi tutto

Ruchè 2. 0 ,  il rosso aperitivo

Ruchè 2. 0 , il rosso aperitivo

Fresco, setoso, elegante, sprizzante, dal packaging innovativo, la scelta d... Leggi tutto

Informazione

Crisi, ma anche la Germania

Crisi, ma anche la Germania

L’Europa si è retta finora sopra l’assioma che la Germania è ricca e solida... Leggi tutto

Senza la qualifica la multa è da annullare

Senza la qualifica la multa è da an…

Ancora uno stop "ai vigilini" meglio noti come ausiliari del traffico. A st... Leggi tutto

La Cassazione assolve un contribuente

La Cassazione assolve un contribuen…

La Corte di Cassazione – Sez. Terza Penale – con la sentenza n. 30574 dell’... Leggi tutto

In Scena

Ricordando Andreace

Ricordando Andreace

Massafra (TA) - Nell’ambito della Festa dell’Architetto e dell’Esposizione ... Leggi tutto

Musica Riva Festival

Musica Riva Festival

Riva del Garda (Tn) - Festival Musica Riva con masterclass di docenti inter... Leggi tutto

Lucerne Festival al Piano

Lucerne Festival al Piano

Lucerne (CH) - L’edizione di quest’anno del LUCERNE FESTIVAL al Piano vede ... Leggi tutto

A+ R A-

L'arte di Paseri

Vota questo articolo
(4 Voti)
L'arte di Paseri - 5.0 out of 5 based on 4 votes
MarcoPasei ritrattoTrento - Lo studio, la passione, la dedizione, l’umiltà. Marco Paseri percorre questa strada, senza mai deludere i suoi ammiratori. E’ scrupoloso, attento ai minimi dettagli, le sue opere, cadenze di vita, inducano alla riflessione, si lasciano guardare e lasciano il sapore della bellezza dell’arte.
Per Lei cosa significa dipingere? 
Per me dipingere significa viaggiare nel tempo, immergermi in dimensioni irreali e creare un mondo ideale in cui vivere, soprattutto quando dipingo il genere sacro. La “Madonna del Mulino” ne è l’esempio più eclatante. Mi immagino di percorrere quelle stradine bianche con un sacco di farina sulle spalle, di specchiarmi in quel laghetto, di vivere in quel mulino dal tetto di paglia … Oppure sogno di trovarmi in un elegante appartamento di New York in smoking prima di una cena di gala e discutere con una donna di affari o di questioni sentimentali. Come in “Psicoanalisi”.


Qual è il momento della giornata in cui preferisce dipingere?
Non c’è un momento ideale, è come quando hai voglia di berti un buon caffè. Ti prepari la caffettiera, il profumo invade la cucina e ti pregusti già il caffè prima di berlo… Così è quando nasce un quadro: quando hai l’idea, prepari la tela con il fondo, i colori sulla tavolozza, i pennelli ben disposti e la musica giusta … Questo è un momento che vivo quasi come un rito, quello che vivo più a fondo, l’inizio di un quadro che mi porta a fare un viaggio, un cammino dentro me stesso. Comunque prediligo la sera fino a notte fonda.


MarcoPaseri quadroNella sua arte icone religiose ed eleganza femminile, cosa ci vuole comunicare?
Sono due generi tanto diversi quanto simili. Il filo conduttore sono gli sguardi, la gestualità ed il mistero. Dipingo le donne in bianco e nero con la stessa grazia con cui dipingo le madonne. Del resto, la donna, secondo me, è la creatura più perfetta del creato, essendo l’ultima che Dio fece nella Genesi. In fondo, le mie donne in bianco e nero sono tutte madonne, per la postura, la grazia e l’eleganza; lo si può notare anche dalle mani. Se ci pensate, “Rivelazioni” o “Psicoanalisi” non potrebbero essere un’ annunciazione in chiave moderna?


Molte opere in bianco e nero, colori preferiti, una scelta ….
Produrre una serie di quadri in bianco e nero, è stato come un ritorno alle origini. Mi spiego: le mie prime “opere” di bambino sono in bianco e nero, matita, carboncino o china. Il mio primo “capolavoro” fu un’ultima cena di grandi dimensioni a china, avevo dieci anni. Il bianco e nero mi ha sempre affascinato, anche nella fotografia. Infatti amavo riprodurre vecchie foto di famiglia a carboncino. A volte si riescono a vedere i colori anche dove non ci sono, credo sia un dono di chi vive la vita con ottimismo e positività.


Qual è il suo pensiero dopo avere appena terminato un’opera?
Sono sempre soddisfatto di ogni opera che porto a termine, non ne cambierei nemmeno un particolare. Non riuscirei a finire un quadro che non mi piaccia fin dall’inizio. Per me il disegno preparatorio è molto importante per rendere un’opera equilibrata in tonalità ed elementi.


E’ particolarmente legato a qualche sua creazione?
Non sono legato ad una creazione più che ad un’altra, ognuna mi ricorda momenti ed emozioni particolari, una musica ricorrente che ascoltavo mentre dipingevo o una giornata singolare. Ogni opera porta dentro di sé oltre a ciò che si vede, un segreto, che rimane imprigionato al suo interno, che fa parte integrante del quadro medesimo e che viene svelato solo ad uno spettatore attento che guarda l’opera stessa con gli occhi del sogno e della fantasia.


Il suo pensiero sul mercato dell’arte?
Penso che al giorno d’oggi l’arte non venga valorizzata come si dovrebbe e soprattutto in Italia, culla di tutte le arti, dalla pittura alla musica. L’arte in generale viene poco insegnata nelle scuole e viene considerata una materia secondaria. Bisognerebbe forse insegnare alle giovani generazioni che non si può guardare al futuro senza conoscere il passato; educarle ad apprezzare di più l’arte, a conoscere meglio la storia ed incitarle a frequentare di più le mostre. Forse così il mercato dell’arte sarebbe meno confusionario e più concreto.


MarcoPaseri dipingeE’ legato ad idee o movimenti artistici?
Non sono legato a nessun movimento artistico in particolare, anche se in passato ho spesso dipinto paesaggi o ritratti alla maniera dei romantici, degli impressionisti. Magari rimanevo influenzato dai quadri che trovavo in un libro che mi regalavano oppure dalle sensazioni che mi rimanevano dopo aver visitato un museo e contemplato le magnifiche opere d’arte che vi dimoravano, memorizzando oltre che i particolari dei quadri anche gli odori tipici che si trovano nelle sue sale. Oggi,invece, sono sempre più alla costante ricerca di uno stile mio personale, sto crescendo cercando di elaborare e di trasmettere sulla tela le idee, le sensazioni e le emozioni che sento dentro di me a modo mio. Sto anelando a concepire e far crescere delle creature che mi appartengano e che mi assomiglino.


Che cosa significa essere artisti oggi?
Essere artista oggi significa avere un grande coraggio, fiducia in se stessi ed essere consapevoli che non sempre quello che fai è apprezzato. Poche persone vedono quello che vedi con i tuoi occhi. L’arte non deve essere una forzatura. L’arte non è per tutti.


L’ultima mostra che ha visitato?
La mostra recente più bella che ho avuto la possibilità di visitare è stata al Mart di Rovereto, dove hanno esposto i capolavori degli impressionisti e post-impressionisti dal Musée d’Orsay. Opere meravigliose che vale la pena di osservare ed ammirare da vicino, soprattutto quando provengono da Musei che magari non sono così prossimi a noi. Comunque visito diverse mostre all’anno, e, anche se non sono così importanti trovo che sia sempre interessante.


Il sogno di Marco Paseri?
Il mio sogno è una casa sul lago di Lugano, con uno studio dalle grandi finestre con vista lago per potermi dedicare completamente e con tutto me stesso alla pittura (e con una bella camera per ospitare gli amici che hanno creduto in me e mi hanno sempre sostenuto). Però debbo anche dire che il sogno che ho sempre avuto si sta piano piano realizzando: far conoscere la mia arte e condividerla con altre persone che amano l’arte. Tutto questo è accaduto grazie anche alla mia partecipazione alla prestigiosa Biennale di Chianciano nel settembre del 2011 dove la Confederazione Europea dei Critici d’Arte mi ha assegnato l’ambito premio per le Arti Applicate.


Progetti futuri?
Ci sono diversi bei progetti in ballo per l’anno prossimo. Sembra che il 2013 parta alla grande con la Biennale di Londra a gennaio, poi ci sarà la Biennale di Izmir tra la fine di aprile e inizio maggio ed una mia personale in primavera inoltrata, a Lazise, sul lago di Garda. In questi giorni sto partecipando con alcune opere ad una collettiva in una galleria d’Arte a Lugano, in Svizzera. Dal 18 al 24 luglio le miei opere saranno esposte in una mostra Internazionale d’Arte, “The Spirit of Art” presso il MOYA Museum nel prestigioso ed antico palazzo di Schonbrun nel cuore di Vienna.


di Michele Luongo
© Riproduzione riservata

    (29..2012)
www.bluarte.it


Articolo correlato: Mistiche rivelazioni,umane passioni