Sabato, 20 Dicembre 2014

Wine

AGIVI  in Umbria

AGIVI in Umbria

Torgiano (Pg), Hanno scelto l'Umbria i soci AGIVI - Associazione Giovani Im... Leggi tutto

 Sorsi con i Top Wine Alto Adige

Sorsi con i Top Wine Alto Adige

Bolzano - Il Parkhotel Laurin offre le sue sale per un evento quasi unico, ... Leggi tutto

Intini il nuovo presidente di Onav

Intini il nuovo presidente di Onav

È Vito Intini il nuovo presidente di ONAV, l’Organizzazione Nazionale Assag... Leggi tutto

Informazione

La  Bce c’è. I governi fingono di non sentire

La Bce c’è. I governi fingono di n…

Roma - Mario Draghi continua a ripetere che è impossibile sperare che la ri... Leggi tutto

Almirante, un politico di altri tempi

Almirante, un politico di altri tem…

Bolzano – Il fascino di una grande figura politica italiana Giorgio Almiran... Leggi tutto

Ricchi, cresce il divario

Ricchi, cresce il divario

Stando a un nuovo report di Wealth Report Wealth-X e UBS pubblicato oggi " ... Leggi tutto

In Scena

Si chiude sempre la cultura

Si chiude sempre la cultura

Bagheria (Pa) - Il sindaco grillino di Bagheria, Patrizio Cinque, annuncia ... Leggi tutto

Hilliard Ensemble all'Aula Magna della Sapienza

Hilliard Ensemble all'Aula Magna de…

Roma - Lo Hilliard Ensemble dice addio alle scene dopo 40 anni di attività.... Leggi tutto

Al Manzoni Gwilym Simcock

Al Manzoni Gwilym Simcock

Milano - Per il quarto appuntamento della sua XXX Edizione, “Aperitivo in C... Leggi tutto

A+ R A-

Tasse oltre la soglia

Vota questo articolo
(0 Voti)
Roma -“Ma il Ministro Profumo lo sa?” - L’istruzione è un diritto garantito dalla Costituzione. Per questo, il legislatore ha fissato un criterio generale per far sì che le tasse universitarie non oltrepassino la soglia delle decenza. Eppure, le università italiane, 36 su 61, ovvero più della metà, hanno continuato ad aumentare le tasse studentesche oltre il limite previsto dalla legge.

La denuncia è dell’Udu, l’Unione degli Universitari italiani, pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica, che ha messo sotto la lente i bilanci 2011 delle principali università, con il risultato che la pressione fiscale “fuorilegge” delle università statali è cresciuta del 16 per cento Il meccanismo è semplice: secondo il Dpr 306 del 1997, l’ammontare complessivo delle tasse non può superare il 20 per cento del Fondo di finanziamento ordinario erogato dallo Stato. In barba a questa disposizione di legge, il 59 per cento degli atenei italiani ha aumentato negli anni le tasse studentesche.

Tra gli atenei più esosi, l’Università di Bergamo, che nel 2011 ha ricevuto quasi 35 milioni di fondo di finanziamento ordinario ma ne ha chiesti 14 e mezzo di tasse, il doppio rispetto alla soglia permessa. In questo ateneo, gli studenti pagano una media di 993 euro l’anno a testa. Se la tassazione fosse rimasta entro i limiti concessi dalla legge, ogni studente avrebbe dovuto sborsare 476 euro, ovvero 516 euro in meno ogni anno. Italia dei Valori presenterà un’interrogazione al ministro Profumo, che parla tanto di merito, per chiarire gli aspetti di questa vicenda. Se le legge c’è va rispettata. Che le famiglie italiane fossero le più tartassate d’Europa lo sapevamo già. Ma tartassare l’istruzione e il merito, no: è incostituzionale.

di Massimo Donadi
  (19.06.2012)
www.massimodonadi.it/