Giovedì, 28 Luglio 2014

Wine

Il vino e Caterina de Puppi

Il vino e Caterina de Puppi

Moimacco (UD) - Caterina de Puppi, il piglio dinamico di Villa de Puppi. Gi... Leggi tutto

Prosecco Superiore difesa della qualità

Prosecco Superiore difesa della qua…

Il Consorzio di Tutela e le associazioni di categoria della filiera produtt... Leggi tutto

Vino DOP e IGP contraffatto

Vino DOP e IGP contraffatto

Parma - Un'associazione a delinquere transnazionale composta da quattro per... Leggi tutto

Informazione

Ricalcolare il PIL

Ricalcolare il PIL

Il Pil si calcola sommando l'offerta e la domanda di beni e servizi, vale a... Leggi tutto

Turisti della morte

Turisti della morte

Il numero dei "turisti del suicidio assistito" è raddoppiato in Svizzera tr... Leggi tutto

Europa, discorsi vaghi

Europa, discorsi vaghi

Berlino - Dopo il discorso a Jackson Hole di Mario Draghi, oggi arriva la c... Leggi tutto

In Scena

Blanchett e Huppert stregano Broadway

Blanchett e Huppert stregano Broadw…

New York - Tutta Manhattan ai piedi di Cate Blanchett e di Isabelle Huppert... Leggi tutto

Muti, trionfo a Salisburgo

Muti, trionfo a Salisburgo

Da tempo il Festival di Salisburgo sceglie Riccardo Muti per il concerto di... Leggi tutto

Gli acquerelli di Henriette

Gli acquerelli di Henriette

Aosta - C’era chi aveva immaginato di raggiungere la vetta del Monte Bianco... Leggi tutto

A+ R A-

Tasse oltre la soglia

Vota questo articolo
(0 Voti)
Roma -“Ma il Ministro Profumo lo sa?” - L’istruzione è un diritto garantito dalla Costituzione. Per questo, il legislatore ha fissato un criterio generale per far sì che le tasse universitarie non oltrepassino la soglia delle decenza. Eppure, le università italiane, 36 su 61, ovvero più della metà, hanno continuato ad aumentare le tasse studentesche oltre il limite previsto dalla legge.

La denuncia è dell’Udu, l’Unione degli Universitari italiani, pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica, che ha messo sotto la lente i bilanci 2011 delle principali università, con il risultato che la pressione fiscale “fuorilegge” delle università statali è cresciuta del 16 per cento Il meccanismo è semplice: secondo il Dpr 306 del 1997, l’ammontare complessivo delle tasse non può superare il 20 per cento del Fondo di finanziamento ordinario erogato dallo Stato. In barba a questa disposizione di legge, il 59 per cento degli atenei italiani ha aumentato negli anni le tasse studentesche.

Tra gli atenei più esosi, l’Università di Bergamo, che nel 2011 ha ricevuto quasi 35 milioni di fondo di finanziamento ordinario ma ne ha chiesti 14 e mezzo di tasse, il doppio rispetto alla soglia permessa. In questo ateneo, gli studenti pagano una media di 993 euro l’anno a testa. Se la tassazione fosse rimasta entro i limiti concessi dalla legge, ogni studente avrebbe dovuto sborsare 476 euro, ovvero 516 euro in meno ogni anno. Italia dei Valori presenterà un’interrogazione al ministro Profumo, che parla tanto di merito, per chiarire gli aspetti di questa vicenda. Se le legge c’è va rispettata. Che le famiglie italiane fossero le più tartassate d’Europa lo sapevamo già. Ma tartassare l’istruzione e il merito, no: è incostituzionale.

di Massimo Donadi
  (19.06.2012)
www.massimodonadi.it/