Sabato, 26 July 2014

Wine

Intervista a Giancarlo Moretti Polegato

Intervista a Giancarlo Moretti Pole…

Crocetta del Montello (TV) - Visione lungimirante e piglio innovativo decli... Leggi tutto

Spatium Pinot Blanc

Spatium Pinot Blanc

Appiano (BZ) - I Pinot Bianco d’Europa si danno appuntamento il 29 e 30 ago... Leggi tutto

Ruchè 2. 0 ,  il rosso aperitivo

Ruchè 2. 0 , il rosso aperitivo

Fresco, setoso, elegante, sprizzante, dal packaging innovativo, la scelta d... Leggi tutto

Informazione

Cattivi pagatori, illegittima la segnalazione

Cattivi pagatori, illegittima la se…

Sono sempre più numerosi i cittadini, piccoli imprenditori e artigiani rivo... Leggi tutto

Regione Lazio, ristrutturazione debito sanitario

Regione Lazio, ristrutturazione deb…

Nel Lazio si va alla ristrutturazione del debito sanitario. E' una buona no... Leggi tutto

Crisi, ma anche la Germania

Crisi, ma anche la Germania

L’Europa si è retta finora sopra l’assioma che la Germania è ricca e solida... Leggi tutto

In Scena

Ricordando Andreace

Ricordando Andreace

Massafra (TA) - Nell’ambito della Festa dell’Architetto e dell’Esposizione ... Leggi tutto

Musica Riva Festival

Musica Riva Festival

Riva del Garda (Tn) - Festival Musica Riva con masterclass di docenti inter... Leggi tutto

Lucerne Festival al Piano

Lucerne Festival al Piano

Lucerne (CH) - L’edizione di quest’anno del LUCERNE FESTIVAL al Piano vede ... Leggi tutto

A+ R A-

Tasse oltre la soglia

Vota questo articolo
(0 Voti)
Roma -“Ma il Ministro Profumo lo sa?” - L’istruzione è un diritto garantito dalla Costituzione. Per questo, il legislatore ha fissato un criterio generale per far sì che le tasse universitarie non oltrepassino la soglia delle decenza. Eppure, le università italiane, 36 su 61, ovvero più della metà, hanno continuato ad aumentare le tasse studentesche oltre il limite previsto dalla legge.

La denuncia è dell’Udu, l’Unione degli Universitari italiani, pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica, che ha messo sotto la lente i bilanci 2011 delle principali università, con il risultato che la pressione fiscale “fuorilegge” delle università statali è cresciuta del 16 per cento Il meccanismo è semplice: secondo il Dpr 306 del 1997, l’ammontare complessivo delle tasse non può superare il 20 per cento del Fondo di finanziamento ordinario erogato dallo Stato. In barba a questa disposizione di legge, il 59 per cento degli atenei italiani ha aumentato negli anni le tasse studentesche.

Tra gli atenei più esosi, l’Università di Bergamo, che nel 2011 ha ricevuto quasi 35 milioni di fondo di finanziamento ordinario ma ne ha chiesti 14 e mezzo di tasse, il doppio rispetto alla soglia permessa. In questo ateneo, gli studenti pagano una media di 993 euro l’anno a testa. Se la tassazione fosse rimasta entro i limiti concessi dalla legge, ogni studente avrebbe dovuto sborsare 476 euro, ovvero 516 euro in meno ogni anno. Italia dei Valori presenterà un’interrogazione al ministro Profumo, che parla tanto di merito, per chiarire gli aspetti di questa vicenda. Se le legge c’è va rispettata. Che le famiglie italiane fossero le più tartassate d’Europa lo sapevamo già. Ma tartassare l’istruzione e il merito, no: è incostituzionale.

di Massimo Donadi
  (19.06.2012)
www.massimodonadi.it/