Haydn e Beethoven catturano l’attenzione dei giovani

25 voti
image_pdfimage_print

Al Teatro Comunale di Pergine l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, diretta da George Jackson, contrasti armonici con Joseph Haydn e Ludwig van Beethoven che conquistano il pubblico.
di Michele Luongo

 

orchestra-Haydn-1-by-luongo-12102015
Teatro di Pergine, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento

Pergine Valsugana (TN) – Una piacevole serata lunedì scorso al Teatro Comunale con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, diretta da George Jackson. In programma la Sinfonia n.88 in sol maggiore, Hob. I:88, di Joseph Haydn, e  la Sinfonia n.3 in mi bemolle maggiore, op.55  “Eroica” di  Ludwig van Beethoven.
Un bell’insieme orchestrale, piglio deciso, accurato, freschezza, l’impronta del direttore George Jackson è subito positiva, si manifesta già con l’Adagio e la bella apertura degli archi all’Allegro, della Sinfonia n.88 di Joseph Haydn. Poi, dal Menuetto è quasi un gioco tra gli archi e i fiati che regalano una limpida melodia.

Il pubblico apprezza e sottolinea con un intenso applauso. Nessun pausa. Si riprende con “Eroica”  la Sinfonia n.3  che Ludwig van Beethoven, in un primo momento dedicò a Napoleone Bonaparte quale difensore delle idee repubblicane. A seguito della sua incoronazione a imperatore, deluso, la dedicò al  Principe Joseph Franz Maximilian Lobkowitz, un boemo, appassionato di musica che ne ospitò nel proprio palazzo la prima esecuzione.

Con il ritmo dell’Allegro con brio, l’orchestra mostra precisione e accortezza. E con la Marcia funebre, Adagio assai, una melodia di mediazione che lascia al vorticoso  movimento dello Scherzo. Allegro vivace, con bellissimi contrasti armonici, ogni orchestrale dona un magnifico effetto sonoro.  E’ un susseguirsi di emozioni, un’amabile tensione con il Finale. Allegro molto, travolgente sintesi di variazioni che incontrano il lungo applauso finale.

Ci è piaciuta molto l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, con musicisti giovani, bene integrati nell’ossatura orchestrale. E la direzione di George Jackson è precisa, decisa, sciolta, coinvolgente, si sta costruendo un bell’insieme.

Abbiamo anche apprezzato il pubblico, attento, con la presenza di molti giovani e giovanissimi, quindi un plauso alle iniziative del Teatro, ai laboratori per l’introduzione all’ascolto e alle famiglie, che portano i figli a Teatro.

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (14/10/2015)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini