Disastri naturali aiuti dal Fondo europeo

1 voto
image_pdfimage_print

Più finanziamenti UE per ricostruzione dopo grandi disastri naturali. Aiuti aggiuntivi per finanziamenti fino al 95% delle spese. Iskra Mihaylova: “espressione della nostra solidarietà. Siamo tutti vulnerabili”. 

Redazione

 

Disastri naturali aiuti dal Fondo europeo Il regolamento che autorizza a finanziare le operazioni di ricostruzione a seguito di disastri naturali anche tramite il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) è stato approvato martedì dal Parlamento in via definitiva.

Questi finanziamenti aggiuntivi si aggiungono agli aiuti già offerti attraverso il Fondo di solidarietà dell’UE (FSUE). Il Parlamento ha chiesto e ottenuto di fissare un tetto massimo del 5% a quanto può essere prelevato dalla quota FESR di uno Stato membro per il periodo 2014-2020.

Il regolamento è stato già concordato con il Consiglio a maggio ed è stata approvato in plenari con 625 voti favorevoli 5 contrari e 28 astenuti.

Disastri naturali aiuti dal Fondo europeo. Il nuovo regolamento modificherà la Politica di coesione 2014-2020 introducendo un asse prioritario per le operazioni di ricostruzione con un tasso di co-finanziamento che può arrivare fino al 95% di supporto da parte del FESR.

Questi aiuti saranno dati agli Stati membri e alle regioni colpite da disastri naturali grandi o locali, come l’Italia dopo i terremoti di agosto e ottobre, completando gli aiuti già disponibili grazie al Fondo di solidarietà.

La data di inizio dell’ammissibilità delle spese dei beneficiari avrà effetto retroattivo per poter consentire l’ammissibilità delle spese sostenute e pagate dalla data in cui è avvenuto il disastro ambientale. Questo regolamento si applicherà retroattivamente dal primo gennaio 2014.

La relatrice Iskra Mihaylova (ALDE, BG) ha dichiarato: “L’accordo che abbiamo raggiunto è l’espressione della nostra solidarietà. Siamo tutti vulnerabili. Un disastro naturale può succedere in tutte le regioni europee e noi dobbiamo dare un supporto adeguato a tutte le regioni colpite per aiutarle ad affrontare queste difficoltà. La Politica di coesione deve essere più flessibile e capace di adattarsi rapidamente a nuove difficoltà per assicurare una risposta rapida e appropriata a tutte le necessità.”

Il regolamento entrerà in vigore venti giorni dopo la sua pubblicazione sul Gazzettino ufficiale dell’Unione Europea. (  http://www.europarl.europa.eu/  )

 

    Redazione
 (14/06/2017)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini