Pannotia, il continente di 600 milioni di anni fa

0 voti
image_pdfimage_print

Ricostruita la Terra di 600 milioni di anni fa: c’era un supercontinente chiamato Pannotia. La “firma” della sua esistenza ancora custodita dalle antiche catene montuose e nelle profondità degli oceani.

Redazione

 

Catene montuose e oceani conservano la ‘firma’ dell’esistenza dell’antico supercontinente chiamato Pannotia, che rappresentava le terre emerse circa 600 milioni di anni fa, nel periodo Precambriano, e che ha preceduto il più noto supercontinente Pangea. A confermare che Pannotia sia effettivamente esistito, nello studio pubblicato sulla rivista Geological Society of London, è il geologo che ne ha sempre sostenuto l’esistenza, Damian Nance, dell’Università americana dell’Ohio, insieme a Brendan Murphy, dell’Università canadese St. Francis Xavier.

 

Una profonda influenza sulla storia della Terra

Secondo i due ricercatori i segni dei profondi sconvolgimenti avvenuti della superficie terrestre, come la formazione di catene montuose, l’apertura di spaccature della crosta terrestre, mutamenti del clima e della chimica degli oceani, sarebbero compatibili con la formazione e la successiva frammentazione di Pannotia. “Questo supercontinente ha avuto una profonda influenza sulla storia della Terra e sull’evoluzione di oceani, atmosfera e biosfera”, ha osservato Nance. “I cicli di formazione e frattura dei continenti – ha aggiunto – hanno inoltre condizionato il mantello terrestre”.

 

Migliorata la comprensione del movimento delle placche

Per Carlo Doglioni, presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), “la ricerca conferma come la dinamica terrestre sia un susseguirsi di cicli di allontanamento e riavvicinamento delle placche”. Ricerche così indietro nel tempo, ha osservato, sono difficili “perché la crosta oceanica più antica ha fra 180 e 200 milioni di anni”. Sappiamo che il nostro pianeta è stato interessato da almeno 7-8 cicli di formazione e disgregazione di supercontinenti e “se confermato, Pannotia sarebbe il penultimo di questi cicli”. Per Doglioni tuttavia l’aspetto importante non è l’esistenza o meno di Pannotia, ma “la comprensione del meccanismo che determina il movimento delle placche”.

Fonte:  Science Daily 
 (  http://notizie.tiscali.it )

 

    Redazione
 (12/04/2018)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini