Amburgo da scoprire, curata, elegante, verde

10 voti
image_pdfimage_print

Amburgo una città tutta da scoprire. Elegante e green, curata anche nella periferia, una città da vivere e si lascia vivere. Poi, il magnifico Porto non visitarlo è come non aver visitato Amburgo.

di Michele Luongo

Amburgo da scoprire, curata, elegante, verde
Amburgo, Elbphilharmonie, foto Thies Raetzke

Amburgo, splendida città del Nord della Germania, sorge sulle rive del fiume Elba, il centro città circonda due laghi artificiali, ed è caratterizzata da una fitta rete di canali che regalano suggestivi scorci. Qui, ci sono più ponti che a Venezia, Amsterdam e Londra messi insieme. Un grande porto uno dei più grandi e importanti al mondo. Quindi un’intensa storia di commercio con interessi a carattere mondiale.

La storia è indelebile per tutti, non dimentichiamo la brutalità della seconda guerra mondiale, il bombardamento della notte del 28 luglio 1943, la famosa “Tempesta di fuoco” distrusse Amburgo, la città fu ridotta a 43 milioni di metri cubi di macerie. Un lungo e faticoso cammino che solo con la riunificazione della Germania del 1990, il Porto di Amburgo ha ricominciato a riconquistare il suo primato di centro di scambi commerciali con navi da container e crociere.

Tutta l’area interessata dal Porto ha una moltitudine d’interessi, non visitare il porto è come non aver visitato Amburgo. Vedere le grandi navi cargo o le grandi navi da crociera sfilare sull’Elba, passeggiando lungo il porto con i suoi caratteristici e colorati negozi, o facendo una gita in barca, o sui caratteristici battelli, sono momenti davvero unici.

Quindi un’area portuale importante, allo Speicherstadt, il più grande complesso di magazzini al mondo, veniva conservato caffè, tè, spezie e tappeti orientali, dal 2015 é Patrimonio dell’Umanità UNESCO, oggi è un distretto museale. La Hafen-City è una meravigliosa realtà della trasformazione di aree portuali dismesse, un gran progetto pienamente riuscito d’integrazione del luogo con la modernità. La sede dell’Elbphilarmonie, inaugurata lo scorso gennaio, è un vero simbolo di questa magnificenza architettonica, assolutamente da visitare, sala per la musica, sale conferenze, bar, ristoranti appartamenti, albergo, terrazza panoramica su Amburgo e sul porto.

Amburgo è una città molto green, curata anche nella periferia, non a caso nel 2011 è stata premiata come “Città europea dell’ambiente”. Una metropoli ma accogliente ed elegante con strade larghe e pulite, un invito a passeggiare e a fare shopping. In centro città a Neuer Wall, le boutique delle grandi firme, mostrano vetrine da sogno, come presso Bleichenhof, Galleria, Hamburger Hof e le Gänsemarkt, o sulla Spitalerstrasse.

Amburgo da scoprire, curata, elegante, verde
Amburgo, Municipio foto Ddaniel Schwen

Circa 70 musei, stupende Chiese, piena di fascino la grande Piazza Rathausmarkt con il Municipio, una città da vivere, una città che si lascia vivere; Amburgo é la terza metropoli musicale al mondo, dopo New York e Londra, solo l’imbarazzo della scelta, e per gli amanti della vita notturna da non perdere la piazza centrale “Spielbudenplatz” nel quartiere di St. Pauli, lungo la Reeperbahn, teatri e night club.

Certamente da non perdere la festa del Porto. Il 7 maggio 1189 è considerata la data di fondazione del porto e ogni anno viene celebrata l’Hafengeburtstag, una delle più grandi feste portuali del mondo. Sul fiume Elba sfilano navi e battelli ornati a festa, e sulle rive colori e fuochi d’artificio. E per gli amanti dei Mercatini di Natale, questo è un appuntamento che non si può mancare, atmosfera unica, bella, coinvolgente con una ricca proposta di oggetti originali e offerta gastronomica di prodotti tipici ma di qualità, a incominciare dalla gentilezza, dall’igiene, tutti hanno grembiule, cappellino e guanti nella manipolazione dei generi alimentari. E poi le luci delle strade del quartiere della moda di Neuer Wall.

Un soggiorno all’Hotel Sofitel Amburgo o al Baseler Hof, permette di vivere pienamente l’atmosfera cittadina, e per chi ama essere fuori città senza’altro il soggiorno da consigliare è all’ Hotel  Louis C. Jacob. Ad Amburgo c’è un’ottima tradizione di cucina, con locali tipici. Ma piatti tipici come le aringhe al Kleinhuis Restaurant Hamburg dell’Hotel Baseler Hof, sono una delizia. Mentre al Ristorante Ticino del Sofitel Hotel, le tentazioni gastronomiche vi conquistano. Per chi ama il pesce, non ci sono dubbi al Boathouse Hamburg è un assoluto piacere. 

E’ sempre bene nel visitare una città recarsi all’ufficio turistico ad avere tutte le informazioni necessarie, e munirsi in questo caso dall’Hamburg Card, che offre viaggi illimitati e innumerevoli sconti, permettono di godersi al meglio la versatilità di una straordinaria città Amburgo.  ( http://www.hamburg-tourismus.de  )

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (11/04/2014)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini