Allegrini a Vinitaly il coraggio e la forza della Cultura

2 votes
image_pdfimage_print

Allegrini a Vinitaly, momenti importanti, indimenticabili, dalle intense pagine di un libro all’intenso spettacolo del libro nel Peristilio di Villa della Torre, a Fumane in Valpolicella, e in ogni calice il sapore, il sapere di una grande azienda.

di Michele Luongo

Allegrini a Vinitaly il coraggio e la forza della CulturaAllegrini produttore leader della Valpolicella, da anni la sua presenza a Vinitaly è caratterizzata dalla scelta di un tema, se poi si pone al centro della propria partecipazione nella fiera internazionale del vino, il tema Libro, ci vuole davvero coraggio ed è proprio quello che fa la differenza e dà il significato che contraddistingue sempre una grande azienda, qual è Allegrini.

Il Libro è come un viaggio che diviene testimonianza del tempo, diffonde il sapere, invita alla riflessione, e riscopre la preziosità della nostra vita. “ Dalla A alla V. Lettere di un racconto che finisce in Vino”, Allegrini raccoglie e custodisce l’intenso significato del Libro, e a Vinitaly attraverso le lettere dalla A come Allegrini alla V come vigneto, vite, varietà, vendemmia, vino, trasmette quella narrazione fatta di gioia, speranza, fatica, passione, professionalità che c’è dietro al mondo produttivo.

Allegrini omaggia il Libro, e lo fa con lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, invitato a scrivere un racconto su Villa della Torre, sede dell’azienda Allegrini, il libro dal titolo“Amoris Potio” è stato presentato alla stampa a Vinitaly, allo stand Allegrini, narra di due ragazzi intenti a scoprire il mistero della Villa, un raro vino “Amoris Potio”; unitamente all’etichetta realizzata dall’artista Leonardo Ulian, “Circuito Dionisiaco” per il famoso vino La Grola in Limited Edition.

Arte, Cultura e Vino, un eccellente legame che dà il senso dell’espressione della qualità. Ed è molto bella l’affermazione di Caterina Mastella Allegrini: “Noi ci prendiamo del tempo per fare dell’ottimo vino, come prendersi del tempo nel leggere un libro, come avere tempo a dare valore a ciò che si fa”.

Par Marilisa Allegrini La Grola IGT  2015, Limited Edition, è una delle perle del vino, e la Grola è il vigneto più bello della Valpolicella, sognato ed acquistato dal padre, quindi un luogo magico. Nel calice l’intenso bouquet, bello, corposo e morbido, elegante ed in grado di evolversi nel tempo, e lo chef Bobo Cerea, tre stelle Michelin, allo stand, lo abbina ad eccellenti portate.

Sono molte le doti che contribuiscono a fare grande un’azienda, di queste di certo è il legame con la Cultura e Allegrini ne ha fatto uno stile di vita, impegnandosi in più campi ed in prima persona sulla scena culturale internazionale.

Il Party Allegrini è un momento clou di Vinitaly, a Fumane di Valpolicella, in Villa Della Torre, per tre serate consecutive, gli ospiti: personaggi, produttori, istituzioni, buyer e giornalisti da tutto il mondo hanno vissuto un momento unico, indimenticabile. Serate fantastiche sempre con il tema prescelto, il Libro, e al centro del Peristilio della splendida Villa rinascimentale, circondata dai vigneti, un palco con libri, macchina per scrivere, bottiglie di vino, e dal soffitto migliaia di fogli e libri pendenti, e delle artiste che mimavano attimi inerenti alla lettura, in sottofondo musica con note di jazz .

Gli ospiti accolti con calici di champagne, hanno potuto assaporare delle eccellenze gastronomiche preparate dallo Chef Bobo Cerea, che ha ideato tre isole del gusto: Isola dei salumi e formaggi della tradizione, Isola del pescatore, Isola della Lunigiana, una reinterpretazione della tradizione veneta, isole di una magnifica rappresentazione culinaria in armonia, e poi, prelibate portate servite alle  sontuose tavole, ognuna dedicata a un famoso scrittore, nelle sale della Villa con i caratteristici Mascheroni. Ed ancora nel Peristilio che si riaccende di colori, di luci per il brindisi con Marilisa Allegrini e nel calice, naturalmente La Grola Veronese IGT 2015, Limited Edition.

L’Azienda Allegrini ha vigneti in Valpolicella e tenute in Toscana: Poggio al Tesoro a Bolgheri, e San Polo a Montalcino. Durante il party gli ospiti hanno potuto degustare gli splendidi vini dell’Azienda Allegrini, come Soave DOC2017,  Valpolicella Classico DOC 2015, Valpolicella Superiore DOC 2015, Palazzo della Torre Veronese IGT 2015, Corte Giara, Prosecco Millesimato Dry DOC 2017, e di Poggio al Tesoro con Solosole Vermentino Bolgheri DOC2017, Cassiopea Bolgheri Rosato DOC 2017, Il Seggio Bolgheri Rosso DOC 2014, Sondraia Bolgheri Superiore DOC 2013, Dedicato a Walter Bolgheri Superiore DOC 2013, e di San Polo Rosso di Montalcino DOC 2015, Brunello di Montalcino DOCG 2013, e il Giovanni Allegrini Recioto della Valpolicella Classico DOCG 2013.

Una serata meravigliosa, raffinata e conviviale, riflessi che danno il senso dell’immensa cultura dell’Azienda Allegrini, un intenso lavoro, sacrifici, una continua attenzione, tanta passione e professionalità per grandi vini, e la grandezza di sapere condividere e trasmettere la gioia di vivere, una vera ricchezza nel panorama vitivinicolo internazionale. (  http://www.allegrini.it/  )

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (11/05/2018)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini