Mollica, arte culinaria, cuore e studio

30 voti
image_pdfimage_print

Four Seasons Hotel Firenze, un’oasi d’arte in perfetta simbiosi con la creatività e l’abilità culinaria dell’Executive Chef Vito Mollica. Straordinari sapori con Maccheroni di Zita, il Piccione, il baccalà, l’astice.

di Michel Luongo  

 

Firenze-FoursSeasons-Mollica-piccione-ByLyongo-20072016Firenze è la città d’arte per eccellenza, il centro storico è Patrimonio dell’Umanità, non si può che ammirare poi, è straordinario quel respiro di fascino internazionale che ti circonda. Soggiornando al Four Seasons Hotel Firenze è come scoprire uno scrigno, si è letteralmente incantati dalle testimonianze d’arte che custodisce, e il suo parco, circa quattro ettari, un angolo di paradiso. Qui, il ristorante Il Pelagio è il regno dell’ Executive Chef Vito Mollica.  

La cucina della Stella Michelin Vito Mollica è una piacevole evoluzione dei sapori mediterranei, con l’assoluta attenzione alla qualità degli ingredienti. Il ristorante Il Pelagio si distende all’aperto nel giardino del Four Season, all’inizio del parco, natura scenografica.

S’inizia con calice di Champagne, Chartogne Taillet, Saint Anne, Merfy, che ci accompagna all’amuse bouche: “ Gamberi scottati nel gazpacho alla ciliegia”, “Nero di seppia chips con crema di mais e sandwich a formaggio fresco” un piacevole incontro.

Lo chef pone da subito l’attenzione sulla materia prima, non ci sono vie di mezzo, assoluta qualità e freschezza, “Insalata di astice, pesca, ricotta e menta” in straordinario equilibrio. E l’abbinamento con il succo di rabarbaro Van Nahmen, proposto dal Sommeliere, Walter Moccia, è una linea dello studio, della ricerca, della passione dello staff dello Chef Vito Mollica.

“Variazione di baccalà sfogliato e mantecato con crema di peperoni”, fino, prelibato, un piatto che invita, semplici ingredienti, elevati al massimo livello, sapienza e creatività dello chef. Nel calice la mineralità del Sacrisassi Bianco Colli Orientali del Friuli Doc 2013, Le Due Terre.

Tradizione, sapori autentici, cultura del cibo per una ricchezza culinaria, “Maccheroni di Zita farciti alla ricotta, parfait di costine e battuta cruda di Chianina”.  Dalla classicità un piatto gustosissimo, la perfetta cottura, quella soffice ricotta, il profumo, una splendida armonia sulla linea della leggerezza. In abbinamento il Pinot nero della Borgogna Sylvie Esmonin, Gevrey-Chambertin, morbido, avvolgente, elegante.

Non sola arte gastronomica, abilità, ricerca, la passione dello chef Vito Mollica è autentica. “Piccione cotto in vescica e porcini”, primo cotto a forno nella vescica del maiale, poi alla brace. Vi assicuro che un piccione così merita un qualsiasi viaggio. Squisita tenerezza in accordo alla croccantezza, in equilibrio con funghi porcini crudi e trifolati, una mirabile portata che esulta il piacere d’ogni palato. La scelta dell’abbinamento del seguente vino è l’esempio dell’importanza del sommelier, della sala, il tratto d’unione con la cucina, Quinta do Noval “Late Bottled Vintage”, Port, 2008, intenso, corposo, morbido, un naturale abbraccio col piccione.

Elaborazioni delicate e sapori mediterranei: “Soufflé al cocco con sorbetto al frutto della passione” e “Barretta croccante al caramello con gelato alla nocciola”, pura prelibatezza, raffinata in armonia con la Marsala Superiore DOC, Riserva 10 anni, Marco de Bartoli.

Il servizio è curato, attento, professionale, con garbo e stile spiega ogni portata. L’ambiente è piacevole, rilassante, sui tavoli  fiori e lumi. L’ Executive Chef Vito Mollica, fa visita agli ospiti e ha una parola per tutti, la sua passione per l’arte culinaria è irresistibile, da ogni sua parola e movimento del corpo traspare tutto l’amore per il suo lavoro. Poi, studio, impegno, ricerca, e la capacità di confrontarsi, fa sì che Vito Mollica è una persona vera e fa la differenza di un grande Chef.

Ristorante Il Palagio
 Four Seasons Hotel Firenze
 Borgo Pinti, 99-  50121 Firenze
 Tel. +39 (055) 2626 1 –  http://www.fourseasons.com/it/florence/

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (28/10/2016x)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini