Chroniques napoletane

1 voto
image_pdfimage_print

Dagli articoli dell’Indipendente al volume Chroniques. Nelle sue pagine, l’autore del Conte di Montecristo conduce una battaglia senza quartiere per educare i napoletani ai principi ereditati dalla rivoluzione francese.
Redazione

 

Alexandre-Dumas-Chroniques-napoletane
Alexandre Dumas nel celeberrimo ritratto fotografico di Gaspard Félix Tournachon

Tra il 1861 e il 1864, Alexandre Dumas visse a Napoli, dove Garibaldi, che egli aveva accompagnato nella sua impresa siciliana, lo aveva nominato Direttore dei Musei e degli Scavi. Nell’ex capitale del Regno delle Due Scille, lo scrittore francese fonda, e scrive praticamente da solo, un giornale intitolato L’Indipendente, del quale usciranno settecentocinquanta numeri.

Nelle sue pagine, l’autore del Conte di Montecristo conduce una battaglia senza quartiere per educare i napoletani ai principi ereditati dalla rivoluzione francese. Per lui, il giornalismo è uno strumento con cui combattere arretratezze e pregiudizi, e soprattutto denunciare << la distruzione morale del brigantaggio>> che minava il mezzogiorno. Nei suoi articoli, che talora pubblica anche in Francia, oltre a ripercorrere alcuni momenti salienti della storia napoletana, Dumas s’impossessa della cronaca, raccontando con l’estro del romanziere molti episodi criminali in grado d’illustrare il degrado della realtà partenopea e la dilagante presenza dei briganti.

Cluade schoopp, uno dei migliori specialisti di Dumas, ha ritrovato una parte degli originali degli articoli dell’Indipendente, riunendoli in un volume intitolato Chroniques napolitaines d’hier et d’aujord’hui ( Pygmalion pagg. 379, euro 21,90 ).

Dal libro emerge un paesaggio dominato dalla violenza, dall’illegalità e dal sangue. Come dice il curatore, lo scrittore non ha bisogno d’immaginare l’inimmaginabile, perché l’inimmaginabile glielo offre la realtà. A lui spetta poi il compito di trasformarlo in pagine capaci di suscitare nel lettore << una sorpresa fatta di spavento e terrore >>.

…. di Fabio Gambero dal quotidiano La Repubblica, 2007

 

       Redazione
     (29/08/2016)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini