Ci libereremo dalle religioni?

3 votes
image_pdfimage_print

Ci libereremo dalle religioni? di Ettore Falconieri. Il primo pensiero religioso dell’uomo primitivo è un atto razionale. Poi, la filosofia partorisce gradualmente le scienze che producono certezze rifiutate dalle religioni.
di Luisa Debenedetti 

Ci libereremo dalle religioni?Ci libereremo dalle religioni?, è un breve saggio di Ettore Falconieri che si legge tutto d’un fiato. Che dire? E’ acuto, profondo e logico, ben scritto, splendidamente motivato, accattivante nelle argomentazioni, fa appello alla nostra ragione; interessante dalla prima all’ultima riga, cattura, prende, facendo fluire una moltitudine di informazioni, pensieri e riflessioni, che non possono che giovare all’intelletto del lettore mettendo in evidenza in maniera chiara e concisa i limiti del pensiero religioso (cosa che per coloro poveri di spirito critico è di per sé manifestazione di arroganza).

In un mondo in cui le religioni hanno il monopolio assoluto sulle menti, è utile uno scritto che possa mettere in dubbio questo enorme fenomeno socio-antropologico che ha portato, nel tempo, guerre teocratiche, eccidi e violenze di ogni tipo.

Usando uno stile essenziale, a volte venato di humour stile british, Falconieri mette letteralmente a nudo tutto ciò che ruota attorno alle nostre credenze: dalla violenza intrinseca all’interno delle cosiddette “sacre scritture” di tutte le religioni (ben visibili se fossero lette come si deve) al loro messaggio per nulla pacifico e fraterno, fino alle più banali situazioni individuali e collettive, che inducono l’essere umano ad alienare, verso la metafisica, qualsiasi sensazione e sentimento del mondo, invece di avvalersi della capacità critica e del pensiero razionale. Viene messo a fuoco anche un fatto fondamentale: l’estrema importanza dell’educazione dei giovani nei primi 10/12 anni di vita, tante generazioni di individui nel mondo vengono malamente cresciute attraverso un pessimo indottrinamento in nome della tradizione, della consuetudine familiare e delle convenzioni sociali più conservatrici religiosamente intese. In un mondo che cambia sempre più velocemente appare evidente come ogni forma di superstizione e mistica credenza, che viene ancora utilizzata da certe culture compresa la nostra, non fa altro che ostacolare un lungo processo di universale libertà, laicità, progresso scientifico e modernità civile e democratica.

L’Autore fa un’analisi sulle conseguenze che le religioni apportano alla nostra cultura; non a caso, tutto quello che è nel nostro bagaglio culturale deriva da atavici modelli che si sono trasformati nel tempo in archetipi, a volte inestirpabili. Attraverso questo saggio il lettore ha l’occasione di riflettere sul passato, ripercorrendo un’evoluzione culturale basata anche su leggende, mitologie e storie assurde, che l’uomo, senza l’aiuto della scienza, ha costruito per soddisfare il bisogno di “credere”, per ovviare alle paure della propria esistenza. Le religioni hanno la capacità di neutralizzare l’evoluzione del pensiero scientifico, perché basate su dogmi, precludendo così ogni possibilità razionale della mente umana, una sorta di atrofizzazione della nostra libertà di scelta. Il Cristianesimo ha snaturato e smentito, nella sua evoluzione e nell’esercizio del potere temporale di una casta, gli insegnamenti che ne sono la base: i principi di rispetto, tolleranza e compassione, stigmatizzati da Gesù che sono poi la base della democrazia.

Un testo non solo edificante, dal punto di vista etico, ma soprattutto utile per sconfiggere un fenomeno che, dall’alba della civiltà, ha strumentalizzato miliardi di persone verso credenze assurde che sono degenerate in integralismi e fondamentalismi religiosi i cui risultati sono mostruose manifestazioni assolutiste che hanno distrutto il senso della vita.

E’ un saggio chiaro, rigoroso, corretto, che non giudica, che mostra cose che già sappiamo, altre che sospettiamo, altre che non avevamo pensato ma sono evidenti sulla religione e religiosità in genere. Nulla di arrogante e molta apertura mentale, nessuna provocazione ma solo semplici questioni e critiche oneste e intelligenti. Una valida lettura per tutti: credenti e non credenti.

L’aforisma di Oscar Wilde che funge da chiosa è una perfetta sintesi del tutto; io mi affido alle parole di John Lennon:

“Imagine there’s no heaven//It’s easy if you try//No hell below us//Above us only sky//Imagine there’s no countries//It isn’t hard to do//Nothing to kill or die for//And no religion too//Imagine all the people//Living life in peace…”  (  https://www.librierecensioni.com )

 

Ci libereremo dalle religioni? di Ettore Falconieri
Ed. Bibliotheca Albatros
pag. 72,  Euro 10,00
EAN: 9788898740192  – ISBN: 8898740190

 

  di Luisa Debenedetti
     (03/04/2020)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini