Dosi, indaga sul Volo dell’Arcangelo

4 votes
image_pdfimage_print

Racconto basato su documentazioni storiche e archivistiche. L’indagine segreta del commissario Giuseppe Dosi, sul “ Volo dell’arcangelo” Gabriele D’Annunzio.

Redazione

 

Dosi, indaga sul Volo dell’ArcangeloDotato di una personalità poliedrica e geniale, Dosi è stato un integerrimo funzionario che ha attraversato un cinquantennio della nostra storia, dal 1912 al 1956, lasciando un segno indelebile nelle vicende della società dei suoi tempi.

Per la sua capacità di investigare utilizzando travestimenti e false identità, tecnica da lui stesso definita “fregolismo detectivistico”, fu incaricato di seguire alcune delle più delicate indagini del suo tempo, tra le quali l’anomalo incidente di cui fu vittima Gabriele D’Annunzio nella sua villa di Cargnacco, oggi Vittoriale, nell’agosto dell’22, a cui è dedicato questo pregevole volume.

Attraverso un encomiabile lavoro di approfondimento storico e documentale Ennio Di Francesco ci immerge nell’infuocato clima politico che condusse il Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Raffaele Gasbarri ad affidare ad un giovane Vice Commissario aggiunto l’indagine sul “volo dell’Arcangelo” Gabriele D’Annunzio, su cui aleggiavano versioni discordanti e speciose insinuazioni.

Di Francesco ha il merito di aver posto all’attenzione del lettore un funzionario di polizia, la cui vita costituisce uno straordinario esempio di rettitudine e coerenza, condotto fino alle estreme conseguenze. La determinazione nel perseguire le sue convinzioni lo portò, infatti, ad inimicarsi i superiori, sino a provocare l’ostilità dei vertici del regime. Considerato un soggetto pericoloso, fu dispensato dal servizio, arrestato e rinchiuso nel Carcere di Regina Coeli per poi essere recluso, fino al 1941, nel Manicomio Criminale di S. Maria della Pietà di Roma.

Ma la vita di Dosi è anche una straordinaria storia di “riscatto”, che gli consentì di essere prima reintegrato nell’Amministrazione della P.S. fino a diventare direttore dell’Ufficio Centrale di Polizia Criminale. Pur nella sua unicità la vita di Dosi è testimonianza della straordinaria abnegazione degli operatori della Polizia di Stato. Uomini e donne che, con la loro multiforme formazione e provenienza, concorrono ad arricchire la ultracentenaria storia di un Corpo al servizio della comunità.
Dalla Introduzione di Franco Gabrielli

Ennio Di Francesco “Il Vate e Lo Sbirro”, Ed. Solfanelli, Chieti, 2017, Pagg. 176 + 16 p. ill. a c. , € 12,00 – ISBN-978-88-7497-672-0 – http://www.edizionisolfanelli.it/   – http://www.enniodifrancesco.it/

 

    Redazione
 (20/03/2017)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini