Emozioni

11 voti
image_pdfimage_print

EMOZIONI di Michele Luongo, Collana “Lunaria. “Non sapevo che dire, la mia bocca/ non sapeva”. I lavori della raccolta si fanno via via stato d’anima, testimonianza della condizione umana di questo nostro tempo
di Giulio Panzani

 

Emozioni-by-luongo-1990La poesia di Michele Luongo si svolge sul filo logico della rievocazione intimistica con una serie d’accorgimenti combinatori che affollano il risalto espressivo d’immagini dal carattere spiccatamente simbolico. 
Una traccia narrativa, cioè, che fa da pretesto al suo ritrovarsi con s e stesso, in scene nelle quali si muovono liberamente le sue fantasticherie. Michele Luongo se ne serve per valicare le soglie della coscienza e compenetrarsi in un mondo segreto nel quale non è sempre facile stabilire i confini fra sentimento e proposta, fra rivisitazione e sarcasmo per le disillusioni del vissuto.
L’autore compie – insomma – una sorta di recupero dei relitti psicologici dell’ “io” per analizzarli nella loro concatenazione: una maniera, questa, di rifiutare la plausibilità della dimensione quotidiana inventando una nuova fisionomia concentrata d’ipotesi più sostanziali e di riscatti culturali che pur si oppongono alla banalità dei codici precostituiti.

Un continuo interrogarsi, il suo, fra avvenimenti che dal personale si dilatano al sociale e che egli ritrae come screziature della vita, ora illuminante da filamenti fantastici, ora affrontate con fermo rigore lessicale fin quasi ad assumere una severità austera. 

I lavori della raccolta si fanno via via stato d’anima, testimonianza della condizione umana di questo nostro tempo, fra squarci d’ambientazione reali – dicevamo – che meglio consentono di cogliere il palpito di solitudine, di commozione e di sofferenza che è però sempre soffuso  di mal celata speranza. Le delusioni, allora, non prostrano tutti i sogni caricando soltanto di malinconia questo intreccio.

Frammento di vita, esso diviene progetto catartico e – ancora . Messaggio che suggella il suo rapporto col mondo: la lettura, fluida ed immediata, ne oggettivizza lo spaio interiore in brevi bozzetti aperti alla comunicazione nel timbro, sempre riconoscibile, dell’autore.

Prefazione di Giulio Panzani 

A, Emanuela , Roberta la gioia di essere padre
 “ Non sapevo che dire, la mia bocca 
  non sapeva
  nominare,
  i miei occhi erano ciechi,
 e qualcosa batteva nel mio cuore”.
 ( Pablo Neruda)

“EMOZIONI” di Michele Luongo, Collana “Lunaria” 1990 – Ibiskos Editrice – Empoli – FI – Pagine 70 Lire 15.00.

 

    Redazione
 (30/06/2016)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini