Il Vicinato di una volta

1 voto
image_pdfimage_print

Come era pieno il vicinato di una volta! La gente si prendeva il caffè, seduta sopra i gradini di fronte al sole. La vecchietta faceva la calza. Chi passava, si fermava a raccontare. I bambini giocavano in mezzo alla strada.
di Teresa Armenti

 

 

‘U VICINANZO RI NA VOTA                      IL VICINATO DI UNA VOLTA

 

Cum’era chinu ‘u vicinanzu ‘na vota!.        Come era pieno il vicinato di una volta!

‘A gende si pigliava ‘u cafè                        La gente si prendeva il caffè

assittata sopa li scale accera ‘u sole.        seduta sopra i gradini di fronte al sole.

‘A vecchiaredda facìa ‘a cavuzetta            La vecchietta faceva la calza

ca spingula ‘mbetto.                                  con la spilla in petto.

‘A zita ‘u linzulo ricamava                          Chi era fidanzata ricamava il lenzuolo.

‘A femmina maritata ‘u collo ra cammisa cangiava.  La sposata cambiava il collo della camicia.

‘A femmina ‘nginda ‘u corredino pr’parava. La donna incinta preparava il corredino.

‘A giuvinedda iuriziosa                                  La giovinetta giudiziosa

‘u pundagiorno s’imbarava                            imparava il punto a giorno.

E ‘ndramende ca cu li mani si cusìa              Mentre con le mani si cuciva,

ca lenga ogni tando si tagliava.                     con la lingua ogni tanto si tagliava.

 

Chi passava, si fermava a cundà                  Chi passava, si fermava a raccontare

li fatti soi e quiddi ‘i l’ati                                  i suoi fatti e quelli degli altri.

Tutto ‘i tutti si sapìa.                                       Tutto si sapeva di tutti.

 

Li criaturi ‘mezza ‘a via iucavano                   I bambini giocavano in mezzo alla strada

‘a mmucciaredda, a cambana e a muoverè  a nascondino, la campana e a muoveré.

Currìano,zumbavano, ittavano griri               Correvano, saltavano, gettavano strilli all’aria.

a l’aria.                                                                       

 

E quanno era ora ‘i mangià,                          Quando era ora di pranzare

‘ndramende ca camminavi,                            mentre camminavi,

sindivi ‘u iataturu ca carìa                              sentivi il soffietto che cadeva,

addore ‘i puparuli fritti                                    l’odore di peperoni fritti

e li riscursi fatti a voce àvuta.                        e i discorsi fatti ad alta voce.

Putivi sapè chi c’era                                      Potevi sapere chi c’era

‘nda l’ case senza ‘i ci trasì.                          nelle case senza entrarci.

 

Mo, sulu anguna porta è aperta.                   Ora solo qualche porta è aperta,

L’ robbe spase sopa a ‘nu barcone.              alcuni panni sono stesi ad un balcone.

L’ scale so chiene r’èrìva                              Le scale sono piene di erba,

e ‘u vendo trase e esse ra padrone              e il vento entra ed esce da padrone

sbattenno forte ‘na pacca ri funestra            sbattendo forte un battente di finestra.

E se ti capita angunu uaio                            E se ti capita qualche guaio

‘ndu core ra mezzanotte                               nel cuore di mezzanotte

hai mende a grirà.                                         chiedi aiuto invano.

Ti risponne sulu                                            Ti risponde solamente

nu foglio r’alluminio arruzzinuto.                   un foglio di alluminio arrugginito.

 

‘U vicinanzo è morto.                                    Il vicinato è morto.

Chi c’è rumasto                                            Chi c’è rimasto

è sulo e disperato.                                        è solo e disperato.

 

di Teresa Armenti

 

La freschezza del dialetto di Castelsaraceno la possiamo ancora ascoltare nei versi di Teresa Armenti: poeta, storica e antropologa: sue opere sul Culto Micaelico in Basilicata, sulle tradizioni civiche e agropastorali, sono leggibili sui siti Internet e presenti nelle Biblioteche.

 L’accostamento alla poesia di Giacomo Leopardi: “ Il sabato del villaggio” non è poi così difficile tenuto conto delle “presenze umane” richiamate nei versi. 

 La forza del Cortile, cantata da Adriano Celentano nella ballata: “ Il ragazzo della via Gluck” , emerge anche qui per ricordandoci quanto abbiamo perso nella rapida corsa verso quello che oggi  chiamiamo “benessere”. di Vincenzo D’Alessio 

 

    Redazione
 (07/09/2018)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini