Elogio alla memoria di Amplatz. Lettera al Vescovo

2 votes
image_pdfimage_print

Elogio della memoria del terrorista Luis Amplatz. La figura di questo uomo, ambigua e impegnata in vita oltre i confini della legalità, abbracciando la violenza agitata anche contro le persone come metodo di lotta politicaNon è mio compito suggerirLe o richiederLe nulla.
di Alessandro Urzì

 

Elogio alla memoria di Amplatz. Lettera al VescovoBolzano – Lettera aperta al Vescovo Muser.
Gentile Eccellenza, mi rivolgo con grande stima, fiducia e con la massima umiltà alla Sua persona dopo avere ricevuto tante e addolorate manifestazioni di perplessità, amarezza e anche delusione da parte di numerosi nostri concittadini.

Questi sentimenti di profondo malessere sono da legarsi alla prevista manifestazione pubblica del prossimo 6 settembre, che conoscerà il suo momento centrale nella Chiesa di Sant’Agostino in Gries a Bolzano, di elogio della memoria del terrorista Luis Amplatz.

La figura di questo uomo, ambigua e impegnata in vita oltre i confini della legalità, abbracciando la violenza agitata anche contro le persone come metodo di lotta politica, costituisce ancora oggi un esempio fra i meno educativi soprattutto per le più giovani generazioni, espressione del mito terribile della lotta armata.

Gentile Eccellenza, i concittadini che si sono rivolti a me, molti residenti nel quartiere di Gries, intercettando una mia eguale percezione, mi hanno espresso autentici sentimenti di turbamento per l’ospitalità concessa, in una Chiesa che amano e che usano solitamente frequentare, per una cerimonia (che conoscerà diversi momenti, annunciati dall’organizzazione in serie come un unico percorso) convocata per celebrare la figura pubblica del “terrorista” (benché indicato amorevolmente con l’appellativo di Freiheitskaempfer) e non della persona, nella sua dimensione più familiare, alla quale va anche la mia pietà e carità. E’ questa proiezione sull’immagine pubblica e quindi terroristica dell’uomo che avrà la celebrazione che offende apertamente quanti credono nei valori del rispetto della vita e delle leggi, della tolleranza, dell’amore e della convivenza.

L’associazione d’immagine sul volantino diffuso dagli organizzatori della amata chiesa di Sant’Agostino di Gries a quella di un fucile, sollecita sentimenti molto addolorati, e la memoria non può che correre alle privazioni subìte dalle famiglie vittime del terrorismo ed a chi ha perduto la propria stessa vita in una stagione di dolore e follia che le più giovani generazioni sono chiamate certamente a conoscere e giudicare ma mai giustificare né tantomeno celebrare. Credo, Gentile Eccellenza, che la violenza non possa mai essere accettata, possa e debba solo essere condannata, senza se e senza ma.
Non è mio compito suggerirLe o richiederLe nulla. Il mio modesto ruolo mi impegna a presentarLe, con assoluto rispetto, la sensazione forte di assoluta inopportunità per l’utilizzo di un luogo consacrato per una cerimonia ispirata a valori tanto lontani da quelli per cui La vediamo quotidianamente impegnata sul nostro meraviglioso territorio.

Non mi sarei mai sentito in dovere di scriverLe se la cerimonia fosse stata promossa in ambito privato, perché a nessuno può essere negato il conforto della preghiera, ma è la cornice dell’intera manifestazione politica di dichiarata celebrazione delle imprese di Luis Amplatz a proiettare questa cupa luce sull’intera giornata, sul cuore delle persone sensibili e sulla Chiesa che ospiterà il raduno, in una delle sue tappe ufficiali (come previsto dal programma predisposto dagli organizzatori).

Mi rimetto alla Sua persona esprimendoLe i sentimenti della mia piena stima.
Con cordialità – ( www.trentinolibero.it )

 

    di Alessandro Urzì
   (01/09/2014)

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini