Folgaria e la Nazionale di Basket

0 voti
image_pdfimage_print

Petrucci e Messina entusiasti di Folgaria. La Nazionale di basket è da oggi sull’Alpe Cimbra per un training camp di preparazione al delicatissimo torneo preolimpico di Torino, appuntamento che metterà in palio il pass per i Giochi brasiliani.

Redazione

 

basket-folgariaLa Nazionale di basket è da oggi sull’Alpe Cimbra per un training camp di preparazione al delicatissimo torneo preolimpico di Torino, appuntamento che metterà in palio il pass per i Giochi brasiliani.  Il 17 e 18 giugno l’Italia prenderà parte assieme a Cina, Turchia e Repubblica Ceca alla Trentino Basket Cup . La rincorsa della Nazionale azzurra di basket, destinazione Rio de Janeiro, sede dei Giochi Olimpici estivi, parte da Folgaria.
Condizioni climatiche ideali, bellezze naturali e qualità delle infrastrutture alberghiere e sportive hanno spinto infatti anche quest’estate numerose squadre di club e Nazionali nel nostro territorio per una preparazione di alto livello. Tra queste, per il quinto anno consecutivo, c’è anche la selezione del nuovo commissario tecnico Ettore Messina, pronta ad ossigenarsi in una località che ha dimostrato di possedere tutti i requisiti per ospitare collegiali di qualità.
Quest’anno i dieci giorni di lavoro sull’Alpe Cimbra, fino al 15 giugno, assumono un valore ancor più significativo, visto che i giganti dell’Italbasket cercheranno proprio nelle sedute d’allenamento “trentine” la miglior condizione in vista del torneo preolimpico, in programma a Torino dal 4 al 9 luglio, un appuntamento particolarmente atteso e importante considerato che metterà in palio gli ultimi pass per le Olimpiadi brasiliane. Durante il collegiale non mancheranno le occasioni per i tifosi di entrare in contatto con i giocatori, grazie alle numerose iniziative in programma.

Nei giorni scorsi il ct Ettore Messina ha diramato la lista dei convocati per il training camp e per la quinta edizione della Trentino Basket Cup: nell’elenco figurano anche tre giocatori della Dolomiti Energia, Giuseppe Poeta, Davide Pascolo e il giovane Diego Flaccadori.

L’Alpe Cimbra vive la presenza della Nazionale azzurra con grande attesa, confermando la propria vocazione ad ospitare la pallacanestro che conta. Uno status guadagnato in passato con i ripetuti ritiri di Stefanel Trieste, Knorr Bologna, Benetton Treviso e squadre estere come Panathinaikos e Olympiacos. Eredità delle frequentazioni del grande basket è ancor oggi il Folgaria Basketball Camp, evento che celebra la sua 29ª edizione e che vedrà la partecipazione di centinaia di ragazzi provenienti da ogni regione, nella collaudata formula “vacanza + basket + campioni”.

Al termine del ritiro, gli azzurri si sposteranno a Trento per partecipare alla Trentino Basket Cup, appuntamento in programma il 17 e 18 giugno al PalaTrento, un evento organizzato da Trentino Marketing, Apt di Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi, Aquila Basket, Comitato Provinciale della Fip, Asis e Comune di Trento.

Il quadrangolare, giunto alla 5ª edizione, sarà particolarmente importante, visto che Messina potrà testare la condizione degli azzurri in un confronto di alto livello ad un paio di settimane di distanza dal preolimpico. A contendersi il trofeo, quest’anno, saranno Italia, Turchia, Cina e Repubblica Ceca.

Il primo appuntamento del training camp si è tenuto questo pomeriggio presso il Post Hotel di Folgaria, dove il presidente della Fip Petrucci, il ct Messina e i giocatori Poeta e Pascolo hanno incontrato la stampa.

«Il ritorno sull’Alpe Cimbra della Nazionale rafforza ulteriormente la partnership tra il nostro territorio e la Federazione Italiana Pallacanestro – spiega Maurizio Rossini, ceo di Trentino Marketing – ribadendo lo stretto rapporto instaurato tra il Trentino e i colori azzurri, visto che nel recente passato anche le selezioni italiane di pallavolo, sci alpino ed hockey su ghiaccio hanno scelto le nostre vallate per svolgere i propri allenamenti. La nostra è una terra di sportivi, ricca di impianti e strutture all’avanguardia, e la presenza di grandi campioni non può che essere un valore aggiunto e un fattore determinante per trasmettere ai giovani i veri valori dello sport».

«Quando la Nazionale di basket arriva a Folgaria si respira un’atmosfera indescrivibile – spiega l’amministratore delegato dell’Apt Alpe Cimbra Michael Rech – Rappresento un ambito turistico che si è sempre distinto per la qualità dell’ospitalità e per le capacità organizzative, maturate in passato grazie ai ritiri di numerose squadre di club di prima fascia. È un onore accogliere nuovamente gli azzurri, soprattutto alla vigilia di un appuntamento di tale importanza come il torneo preolimpico».

«Folgaria è una località alla quale sono particolarmente affezionato – aggiunge il nuovo ct azzurro Ettore Messina – e che ho frequentato spesso in passato, con la Nazionale, con la Virtus Bologna ma anche con la famiglia. Inoltre mi fa particolarmente piacere poter disputare proprio a Trento un momento agonistico così importante come la Trentino Basket Cup, per rendere onore alla straordinaria stagione disputata in Europa dalla Dolomiti Energia. Le Olimpiadi? La Federazione ha fatto sforzi enormi per darci la possibilità di giocare il preolimpico a Torino, ora tocca a noi mostrare il nostro valore e guadagnarci il pass per i Giochi di Rio».

«Qui ci sentiamo come a casa – conclude Giovanni Petrucci, presidente della Fip – e il primo tecnico a voler venire a lavorare qui a Folgaria, in passato, fu proprio Messina. Siamo molto legati al Trentino, una terra che in questi anni si è dimostrata una sorta di seconda casa per i colori azzurri. I ragazzi credono nel sogno olimpico, il ct è il nostro valore aggiunto e sono certo che tutti daranno il massimo per centrare questo traguardo».

Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti anche il sindaco di Folgaria Walter Forrer e due dei tre giocatori azzurri della Dolomiti Energia, Giuseppe Poeta e Davide Pascolo.
www.fip.it  –  www.trentinobasketcup.it  –  www.folgariabasketballcamp.it )

 

    Redazione
 (10/06/2016)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini