Il Patt a tutela aziende agricole

1 voto
image_pdfimage_print

Il Patt presidia il valico del Brennero  con Panizza e Lozzer a fianco degli agricoltori, al fine di sostenere con fermezza quanto rivendicato dagli stessi a tutela delle aziende agricole.
Redazione

 

Patt-al-brennero-panizza-lozzer-agricoltori
Il Patt al Brennero con Panizza e Lozzer, vicini agli agricoltori

Continua anche oggi la protesta di Coldiretti al Brennero contro il falso made in Italy e a favore di un nuovo quadro normativo che renda chiara la provenienza dei cibi.
Il ministro Maurizio Martina, reduce dal consiglio dei ministri europeo tenutosi ieri a Bruxelles dove è in atto la protesta contro la fine delle quote latte e la politica agricola europea, è arrivato al presidio con una buona notizia: la Commissione europea ha stanziato 500 milioni aggiuntivi per il latte, la zootecnia e la carne.

Durante la giornata odierna i rappresentanti del PATT hanno partecipato insieme e a fianco degli agricoltori al presidio al valico del Brennero al fine di sostenere con fermezza quanto rivendicato dagli stessi a tutela delle aziende agricole e della qualità dei prodotti; rivendicazioni queste da porre in essere mediante regole chiare e precise da parte dell’Unione Europea.

Ieri i 2.000 agricoltori e allevatori presenti, assieme a GdF e Polizia, hanno messo in atto un “blocco dei tir”. Tra i casi più clamorosi il trasporto di mozzarelle definite fresche prodotte in uno stabilimento polacco da una ditta di Bolzano e destinate a Firenze con marchio italiano.

E poi latte austriaco diretto a La Spezia, cagliate provenienti dalla Germania e dirette in Puglia e un carico messo sotto vincolo sanitario da parte dei Nas. Il tutto nonostante molti tir fossero fermi oltre confine in attesa che la manifestazione finisse per poter passare indisturbati.
Non si tratta necessariamente di reati, ma sicuramente di etichette ingannevoli e concorrenza sleale con i produttori italiani con effetti devastanti sul territorio, come la chiusura di 172 mila aziende agricole, 1.700 in Trentino, dall’inizio della crisi.

 

   Redazione
 (08/09/2015)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini