Rurale, fusione delle casse dell’Alta Valsugana

Rurale, fusione delle casse, secondo il progetto di fusione, per un periodo iniziale saranno rispettate le rappresentanze territoriali. Si chiamerà Cassa Rurale Alta Valsugana. Via libera dai rispettivi consigli di amministrazione, a maggio le assemblee dei soci.
Redazione 

 

Rurale-Cassa-Pinetana-Fornace-e-SeregnanoIl nome c’è, si chiamerà Cassa Rurale Alta Valsugana, e sarà un istituto di credito formato dalle attuali quattro Casse Rurali di Pergine, Caldonazzo, Levico Terme e Pinetana Fornace e Seregnano. Il percorso che potrebbe portare alla fusione (l’ultima parola spetta sempre ai Soci) è stato definito il 25 gennaio 2016 in una riunione operativa tra i presidenti e direttori dei quattro istituti, dopo che i rispettivi consigli di amministrazione avevano approvato nei giorni scorsi il piano complessivo.

Casse Rurale dell’Alta Valsugana, parte il percorso di fusione. Via libera dai rispettivi consigli di amministrazione, a maggio le assemblee dei soci. Obiettivo: arrivare all’operatività dal primo luglio. La nuova “Cassa Rurale Alta Valsugana” sarà tra le prime in Trentino per dimensioni, con una raccolta di 1,68 miliardi e impieghi per 1,15. E sarà molto solida, con un patrimonio di oltre 180 milioni e un indice di solidità (CET1 Ratio) superiore al 17%.

Il progetto di fusione è stato consegnato in Banca d’Italia lo scorso 22 gennaio per l’approvazione. Nel mese di maggio sono previste le assemblee straordinarie dei soci che dovranno dare il via libera. L’obiettivo è di rendere operativa la nuova Rurale già dal primo luglio. Nel corso dello  stesso mese dovrebbe svolgersi la prima assemblea con l’elezione degli organi sociali.

Secondo il progetto di fusione, per un periodo iniziale (il primo mandato triennale) saranno rispettate le rappresentanze territoriali: il consiglio di amministrazione sarà composto da otto membri, due consiglieri a testa provenienti dai quattro territori di competenza più il presidente che sarà espressione della Rurale di Pergine, in quanto incorporante. Le altre Rurali saranno comunque rappresentate in organismi istituzionali del nuovo istituto bancario. La direzione sarà affidata a Paolo Carazzai, da pochi mesi direttore della Rurale di Pergine.

Una realtà molto solida.  La nuova Rurale – dopo una impegnativa operazione di accantonamenti prudenziali a fronte di possibili svalutazioni del credito e garanzie ad esso collegate, che porterà alla copertura media dei crediti deteriorati attorno al 45% (attualmente il totale di sofferenze e inadempienze probabili, ex incagli, ammonta a circa il 30%) – partirà con una solida dotazione patrimoniale: 180 milioni di euro.

L’indice di patrimonializzazione (Core Tier1) raggiungerà il 17,8%, una soglia molto più elevata rispetto a quanto richiesto dalle autorità di vigilanza (10,5%) ma anche al di sopra della media del sistema bancario nazionale e locale. La raccolta totale di partenza (bilanci 2014) ammonta a 1,68 miliardi di euro, i crediti a 1,15 miliardi, per un totale di 2,8 miliardi di masse amministrate. I soci della nuova Rurale saranno 10.098, i dipendenti oltre duecento, distribuiti in 27 filiali. (  www.cooperazionetrentina.it )

 

    Redazione
 (11/02/2016)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini