Filarmonica di Vienna parte dell’identità del Festival di Salisburgo

4 votes
image_pdfimage_print

Filarmonica di Vienna parte dell’identità del Festival di Salisburgo. Quest’anno l’orchestra è diretta da Bernard Haitink, Andris Nelsons, Riccardo Muti, Herbert Blomstedt e Daniel Barenboim. Ogni estate, l’atmosfera esclusiva e unica del Festival.
Redazione

 

Filarmonica di Vienna parte dell'identità del Festival di Salisburgo
Filarmonica di Vienna

I concerti di quest’anno della Filarmonica di Vienna fanno parte di un grande anniversario: 175 anni fa, l’orchestra è stata fondata a Vienna. La storia di questo ensemble, tuttavia, è anche unicamente intrecciata con Salisburgo e la sua cultura. Dal 1877 la Filarmonica di Vienna ha fatto apparizioni a Salisburgo. Tutti 140 anni fa, i membri dell’orchestra hanno fatto il loro primo viaggio qui, su invito della Fondazione Mozart. Doveva essere il primo di molti. Già nel 1922, le opere liriche e concerti orchestrali della Filarmonica di Vienna sono stati condotti da Richard Strauss e Franz Schalk come parte del Festival di Salisburgo. Questi erano limitati alle opere del genio residente di Salisburgo, Wolfgang Amadeus Mozart. Solo tre anni dopo è stato raggiunto un accordo per rendere la Filarmonica di Vienna un’attrazione fissa al Festival di Salisburgo, e quindi l’Orchestra è tornato anno dopo anno, occupando la sua residenza estiva a Salisburgo.

“La Filarmonica di Vienna fa parte dell’identità del Festival di Salisburgo e il Festival di Salisburgo è una buona parte dell’identità della Filarmonica di Vienna. Senza la Filarmonica di Vienna, ci sarebbe un festival a Salisburgo, ma non sarebbe il Festival di Salisburgo “, ha affermato il Presidente della Festa Helga Rabl-Stadler in occasione del 175 ° anniversario dell’orchestra.

Quest’anno l’orchestra è diretta da Bernard Haitink, Andris Nelsons, Riccardo Muti, Herbert Blomstedt e Daniel Barenboim, rimanendo fedeli alla sua tradizione di Mahler (Sinfonie n. 7 e 9), Strauss (Metamorphosen) e Bruckner ( Sinfonia n. 7), dall’altro esplorando i mondi musicali della Russia – da Tchaikovsky (Sinfonia n. 4) a Prokofiev (Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra) a Shostakovich (Sinfonia n.7 “Leningrad”).

Inoltre, il Festival di Salisburgo offre al pubblico l’opportunità unica di sperimentare la Filarmonica di Vienna come orchestra d’opera al di fuori della sua casa viennese. Quest’estate offre quattro spettacolari produzioni liriche.

Dmitri Shostakovich è presente quest’estate anche sul programma dell’opera. “Lady Macbeth del distretto di Mtsensk è un’opera fantastica e drammatica, piena di passione, amore e odio, ma anche con momenti di satira e spirito”, racconta Mariss Jansons, che conduce una produzione teatrale in scena per la prima volta a Salisburgo Festival. Il regista Andreas Kriegenburg torna a Salisburgo per questa produzione.

Un altro punto particolare sarà l’Aida di Giuseppe Verdi. È condotto da Riccardo Muti, sicuramente uno dei più grandi direttori di Verdi del nostro tempo. Anna Netrebko, scoperta come cantante a Salisburgo, fa il suo debutto di ruolo come Aida. Il fotografo iraniano, artista video e regista Shirin Neshat fa il suo debutto come regista di scena in questa produzione lirica.

La terza produzione lirica dell’anno anniversario è destinata a essere speciale in termini di musica e sceneggiatura: è Wozzeck di Alban Berg. Berg stesso ha avuto il suono speciale della Filarmonica di Vienna nella sua testa quando ha composto l’opera, e le numerose esemplari di questo lavoro della Filarmonica di Vienna, celebrata dal pubblico e dalla stampa, hanno contribuito in modo significativo al successo mondiale che ha goduto – per esempio nel 1951 Sotto il bastone di Karl Böhm al Festival di Salisburgo. Wozzeck è diretto da William Kentridge, uno dei grandi artisti universali del nostro tempo.

Con l’opera Lear di Aribert Reimann, premiata a Monaco nel 1978, la Filarmonica di Vienna dimostra ancora una volta la sua capacità di padroneggiare la musica contemporanea in modo esemplare. Lear ha portato il compositore Reimann, nato nel 1936, la sua scoperta internazionale e, come pochi lavori teatrali musicali contemporanei, ha vinto un regolare posto nel repertorio. Quest’estate, l’opera vede la sua 27a nuova produzione al Festival di Salisburgo. Perché? Diretto da Simon Stone e con Franz Welser-Möst che guida la Filarmonica di Vienna, la produzione di Salisburgo fornirà una risposta definitiva. La musica illustra l’azione come conseguenza di situazioni di frontiera esistenziale – con un’immediatezza che tocca e disturba l’ascoltatore.

“Ogni estate, sperimentiamo l’atmosfera esclusiva e unica del Festival come musicisti. Sembra particolarmente adatto a far risuonare i grandi capolavori della letteratura di concerti e l’intero messaggio di musica e la scintilla della musica dal vivo, ispirandosi al pubblico. E ‘con enorme gratitudine che ci ripenseremo su tutte le tante performance straordinarie con eccellenti direttori e solisti che abbiamo avuto abbastanza privilegi di esperienza nelle feste estive passate “, spiega Andreas Großbauer, presidente della Filarmonica di Vienna. (  http://www.salzburgfestival.at/  )

 

    Redazione
   (04/07/2017

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini