Expo: le eredità di Milano

2 votes
image_pdfimage_print

Ultima tappa Expoidee: 7 mila eventi, 140 centri universitari coinvolti in tutto il mondo, oltre 1 milione di firme per la carta di Milano. Martina: sei mesi di Expo sono stati la stagione della semina, in futuro avremo ottimo raccolto.
Redazione

 

Martina_Expo
Expo, Min. Maurizio Martina

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che si è svolta all’Auditorium dell’Esposizione universale, ‘Expo dopo Expo: le eredità di Milano 2015’, ultima tappa del percorso di contenuti “Expo delle idee”.
L’iniziativa, in continuità con quella del 7 febbraio scorso all’Hangar Bicocca di Milano, ha offerto l’occasione per approfondire, attraverso un lavoro suddiviso in 26 tavoli tematici con oltre 500 partecipanti, le sfide globali legate al tema dell’Esposizione “nutrire il pianeta, energia per la vita”.
Quella di oggi è stata l’occasione per una sintesi dei contenuti emersi nel corso degli oltre 7 mila eventi avvenuti fino ad oggi ad Expo, dai quali sono emersi gli argomenti maggiormente sensibili sul tema della nutrizione. Le 10 parole chiave più usate sono state: Sostenibilità, Agricoltura, Sicurezza alimentare, Educazione alimentare, Fame zero, Spreco, Biodiversità, Innovazione, Cambiamenti climatici e Smart city. 

 Accanto alle sessioni di lavoro dei tavoli, si sono svolte due sessioni plenarie alle quali hanno partecipato, tra gli altri, il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il Commissario unico di Expo Milano 2015 Giuseppe Sala, il Presidente di Expo 2015 Diana Bracco, il Presidente dell’Anac Raffaele Cantone, la Presidente Rai Monica Maggioni, il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, la Presidente di Poste Italiane Luisa Todini, l’Ad di Ferrovie dello Stato Michele Mario Elia, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Sandro Gozi, il Presidente del Milan Center for Food Law and Policy Livia Pomodoro, il Direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto, il meteorologo e climatologo Luca Mercalli.  

Un fondamentale contributo è arrivato anche dal messaggio dell’ex Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan.  

“Oltre 7 mila eventi, 140 centri universitari coinvolti, più di 1 milione di firme per la Carta di Milano. Questi numeri danno il segno della potenza del lavoro sui contenuti fatto in Expo. L’eredità è già iniziata. Questi sei mesi sono stati la stagione della semina che porterà in futuro un ottimo raccolto. Credo che guardando le parole chiave degli eventi che si sono svolti nel sito espositivo si abbia chiara l’anima di questo evento. Agricoltura, sostenibilità, innovazione, sono solo alcune delle sfide sulle quali ci siamo confrontati, facendo svolgere all’Italia un ruolo di guida.

Penso anche al protagonismo che con Expo e con La Carta di Milano abbiamo avuto a livello internazionale, con oltre 83 capi di Stato e di Governo, fino al contributo ai nuovi 17 obiettivi del Millennio, per rendere “Fame zero al 2030” un obiettivo praticabile.

La nostra responsabilità va ben oltre il 31 ottobre e per questo è fondamentale portare avanti quel lavoro di diplomazia agricola e ambientale che abbiamo avviato in sinergia con gli oltre 140 Paesi partecipanti ad Expo. Abbiamo il dovere di lavorare perché in questo sito rimanga un progetto valido, all’altezza di questi sei mesi strepitosi. Anche il passo che il Governo italiano fa in Arexpo va in questa direzione e dimostra un impegno serio e determinato”.  (  www.politicheagricole.it  )

 

    Redazione
 (12/10/2015)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini