Lebole linea green

2 votes
image_pdfimage_print

Lebole strizza l’occhio ai giovani e punta all’estero con la capsule green. Oltre ai tessuti, anche tutti i componenti della nuova linea, come i bottoni, sono di derivazione naturale o eco compatibili.

Redazione

 

Lebole storico brand di abbigliamento uomo che fa capo alla società aretina Textura, ha presentato a Pitti Uomo 97 una nuova linea di total look, denominata Green Lebole Eco Friendly, composta da un ventina di capi tra cappotti, giacche, abiti, pantaloni e gilet, realizzati con i tessuti riciclati dell’azienda pratese Comistra. Ma non si ferma qui.

“Partiamo con questa prima proposta per l’AI 2020-21, ma l’obiettivo è che in futuro tutta la nostra collezione sia realizzata con questa tipologia di tessuti”, ha spiegato a FashionNetwork.com Cinzia Chierici, Responsabile Prodotto di Lebole. “Oltre ai tessuti, anche tutti i componenti della nuova linea, come i bottoni, sono di derivazione naturale o eco compatibili. Anche la busta che contiene i capi è realizzata in questo modo e persino le grucce, che sembrano di normale plastica, sono invece prodotte con materiali che derivano dalla fibra del mais, che decomponendosi diventano fertilizzante per il terreno e se bruciati non rilasciano sostanze tossiche.”. 

Tecnicamente, Comistra raccoglie gli abiti dismessi, li seleziona e assembla in base ai vari colori, li deteriora attraverso metodologie sostenibili, che non utilizzano coloranti, e produce fili di vari colori, che vengono tessuti con trame e fantasie differenti e utilizzati per realizzare gli abiti. “I capi della nostra linea green, quando concluderanno il loro ciclo di vita, faciliteranno questo processo, in quanto il fatto che tutti i componenti siano ecologici significa che non debbano essere separati dai tessuti prima delle lavorazioni di riciclo”, precisa Chierici. “Abbiamo pensato alla sostenibilità non solo a monte, nella produzione dei capi, ma anche per quanto riguarda la fase finale del loro ciclo di vita”.

Con la nuova linea, Lebole punta a conquistare la clientela più giovane, molto attenta al tema della sostenibilità, come ci spiega Stefano Bresci, Direttore Commerciale: “Stiamo investendo molto per rendere sempre più contemporanee e fresche le nostre proposte. Con la collezione green puntiamo anche a incrementare la nostra presenza all’estero, che oggi rappresenta solo il 10% del nostro fatturato; ci sono quindi grandi opportunità di crescita”.

Oggi Lebole è distribuito in modo capillare su tutto il territorio italiano, attraverso una rete di 15 agenti e circa 350 punti vendita multimarca. Il brand è inoltre ben posizionato in Francia, all’interno di negozi indipendenti, e sta stringendo accordi commerciali per fare il suo ingresso in Spagna, Belgio e Olanda.

“Vogliamo partire dall’Europa, più vicina a noi, ma in una seconda fase andremo anche oltre”, conclude Bresci. “Crediamo molto nel canale wholesale: non abbiamo negozi multimarca né outlet, a difesa del marchio e dei valori in cui crediamo. Negli ultimi anni il giro d’affari si è mantenuto stabile; confidiamo che i nuovi progetti ci diano la spinta per tornare a crescere, su basi solide”.
(https://it.fashionnetwork.com  )

 

    Redazione
  (10/01/2020)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini