Bad Schörgau, piacevole ospitalità in Val Sarentino

5 voti
image_pdfimage_print

Hotel & Restaurant Bad Schörgau, una piacevole ospitalità in Val Sarentino. Un Soggiorno ideale che ci fa sentire a casa, ma siamo in vacanza. Una SPA d’avanguardia, e un magnifica acqua di sorgente
di Michele Longo

Bad Schörgau, piacevole ospitalità in Val Sarentino
Bad Schörgau

Bad Schörgau, piacevole ospitalità. Val Sarentino, pur essendo così vicina alla città di Bolzano, è una valle tutta da scoprire. Circondata dalle Alpi Sarentine, le generazioni hanno saputo conservare il legame con le tradizioni e salvaguardato il paesaggio. Nell’attraversare la verde valle con i suoi prati, non abbiamo percorso che venti minuti in auto e svoltiamo a sx, attraversiamo il torrente Talvera, e, all’improvviso, avvolto dal bosco, incontriamo l’Hotel Bad Schörgau.

Siamo accolti con gentilezza e professionalità, sorseggiamo un drink in terrazza e il Check-in è una pura formalità. Un luogo immerso nella natura, il legno ci circonda in un design moderno sin dalla lobby con particolarissimi dettagli come l’artistica parete che separa dalla SPA, le sculture, le opere d’arte contemporanea, i tavoli, le panche, i soffitti, e il tocco dei fiori freschi di stagione.

Bad Schörgau rilascia una bell’atmosfera di ospitalità familiare, è la linea che Gregor Wenter si è dato, l’ospite deve sentirsi come a casa, ed avere quell’accortezze di benessere, di cura, per un soggiorno relax a 360 gradi.

Testimonianza dal 1533 parla di Bad Schörgau come luogo di cultura balneare tradizionale, uno spirito che la famiglia Wenter tiene ancora vivo. Ad incominciare dalla sorgente d’acqua ricca di ferro e zolfo. Adesso arricchita da una SPA d’avanguardia, con la professionalità di Milo, una nuova dimensione del benessere. Dalla tradizione della Tinozza esterna riscaldata, al Bagno di Pino Mugo, Bagno di Fieno Alpino, Bagno di Ginepro, alla sauna riscaldata con legno del luogo. Dalla piscina esterna, salata, senza cloro, con temperatura 28 gradi.  

Bad Schörgau, piacevole ospitalità in Val Sarentino
Bad Schörgau, alla SPA

Trattamenti disintossicanti, rigeneranti e rivitalizzanti del corpo, innovativi come con la Vasca Nuvola – float system: Phyto-fangoterapia, galleggiamento che favorisce un completo relax corpo-mente. La Vasca Unbescheiden: Idro-aromaterapia getti d’acqua, e punti luce in 8 colori mutevoli. Doccia Charcot, doccia idrogetto, massaggio con idrogetti ad alta pressione, efficace contro l’obesità e la cellulite, Iyashi Dome – modulo detox giapponese, pratica giapponese di sudorazione, non ultimo il FOOT DETOX® System – pediluvio elettrolitico, dove l’acido urico viene scaricato direttamente attraverso le ghiandole sudoripare dei piedi. E tutte le attenzione per il viso corpo con prodotti di alta qualità. Prenotazioni esclusive con i “Pacchetti Silhouette-Gourmet”.

Si, perché al Bad Schörgau natura e benessere sono un tutt’uno, e Gregor Wenter non poteva che abbinare una sana cucina gourmet, affidandola allo Chef Mattia Baroni, che nutre particolare interesse per una cucina di benefici.

Lo chef Mattia Baroni, ha sempre avuto a cuore una cucina modello salutare, preferendo le materie prime del territorio, la biodiversità, e riscoprire gli antichi saperi a riguardo della conservazione e miglioramento dei prodotti, da qui le tecniche di fermentazione, macerazione, e controllo dell’attività enzimatica, con il supporto del Centro di Sperimentazione Laimburg. Passione culinaria, creatività, innovazione, ricerca e studio, quella di Mattia Baroni, al fine di rendere prodotti più saporiti, digeribili e probiotici, per un migliore benessere alla salute.

Al Bad Schörgau, al ristorante Alpes, è possibile vivere una esperienza gastronomica con lo Chef Mattia Baroni, dove troviamo ad esempio un lucente pomodoro con un sorprendente patè all’interno, o dei meravigliosi “Tortellini e Brodo di Radici”, con solo estratto di radici, una essenza che è pura prelibatezza. L’esperienza diventa ancora più appassionante con il tavolo “La FuGa” l’ospite interagisce con lo chef, la brigata, nella preparazione delle portate.

Da non perdere una vista nella Cantina con quattrocento etichette, tutti vini selezionati, piccoli produttori con attenzione alle coltivazioni naturali.

Solo 22 camere e suite, silenziose e confortevoli, in un ambiente armonico con la natura, tutte dotate di moderna tecnologia, arredo di legno alpino e dettagli di pregio per uno standard di qualità, ma diverse per tipologie. Ogni camera è un piccolo scrigno da scoprire. Accessori bagni firmati dalla qualità di Trehs®, di cui  Gregor Wenter è il produttore.

Il Bad Schörgau ospita la Trehs-Haus, infatti, è proprio qui che è nata “CASA TREHS” un’esclusiva linea di prodotti a base di Pino mugo della Val Sarentino, il cui motto è: “Odorare, vedere e soprattutto sentire il legame tra natura e cosmesi”. Entrare alla Trehs-Haus, il legno ci avvolge, e l’architettura ha un design che si lascia ammirare. Una sala convegni con un soffitto di legno che che ci lascia con il fiato sospeso, dotata di ogni supporto tecnico è in grado di accogliere seminari, convegni, eventi, feste private, e l’accesso diretto alla grande terrazza con vista sul bosco circostante, ne dà il senso di ulteriore particolarità.

La Val Sarentino è tutta da scoprire, aria pura, distese di prati, l’abbraccio della natura è un continuo invito a soffermarsi e godere il paesaggio. 140 cime intorno la Val Sarentino, itinerari segnalati, per escursioni indimenticabili, come quella per la Stoanerne Mandln, la cima con gli omini di pietra.

Poi, l’aperitivo al Bar è la cifra della convivialità al Bad Schörgau, come il continuar del dopocena. Una rilassante notte, il risveglio con una piacevole colazione ci mette nelle condizioni migliori per il nuovo giorno. Un soggiorno ideale che ci fa sentire a casa, ma siamo in vacanza. 

Hotel & Restaurant Bad Schörgau
Putzen-Pozza, 24, 39058 Sarentino BZ
Tel. 0471 623048 – https://www.bad-schoergau.com/

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (04/07/2019)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini