Al ristorante Ritterhof, sapori e territorio

8 voti
image_pdfimage_print

Al ristorante Ritterhof, per lo per lo chef Stefan Unterkircher: è sempre più importante valorizzare il territorio, essere vicini agli imprenditori, agli allevatori, ai contadini del luogo, perché oltre che aiutare l’economia locale, si ha un valore in più, la conoscenza diretta del prodotto.
di Michele Luongo

Al ristorante  Ritterhof, sapori e territorioCaldaro (Bz) – In una globalizzazione dei consumi, che di certo non ha risparmiato il settore gastronomico, il valore del territorio, la genuinità dei prodotti, riscuote sempre più maggiore attenzione da parte del consumatore e dagli stessi chef della buona cucina.
Nel Südtirol, a Caldaro, Sulla Strada del Vino, il Ristorante Ritterhof di Stefan Unterkircher Global Master Chef, ha particolare attenzione per i prodotti locali. Qui, Unterkircher, membro della Fondazione Slow Food, si prende cura della cultura gastronomica, un esempio, la valorizzazione della razza ovina “Villnösser Brillenscha”( Pecora con gli occhiali) , pecore della Val di Funes, molto caratteristiche, gli occhi sono circondanti con una forma di anello di pelo nero, quasi come se portassero degli occhiali. Pecore tipicamente da montagna, quindi in ambiente naturale pascolano erbe saporite che si riflettono nel gusto della sua carne, tenera, delicata.
Il Ristorante Ritterhof è accogliente, all’ingresso ha una wine-lounge e anche un angolo giochi per i bambini. Belle sale, predominante è il bianco, e la terrazza offre un paesaggio stupendo sui vigneti fino a raggiungere il Lago di Caldaro.
Una cucina, quindi, molta attenta alla tradizione, al territorio, che lo chef Stefan Unterkircher con la sua creatività la rende moderna, cosi degustiamo: “Cannelloni con prosciutto d´agnello “Villnösser Brillenschaf” , mela e zenzero in foglio di riso, espuma al wasabi”, di assoluta delicatezza, con piccole entrate di contrasto con lo zenzero e l’espuma di wasabi, ma la mela dona una piacevole freschezza. Si procede con la “Crema di patate ( patate trentine), formaggio grigio “Ahrntaler Graukäse” ed erba cipollina. La cremosità è di eccellente fattura, il formaggio gustoso ed intenso, incontra una perfetta armonia.
Una piacevole sorpresa con le “Tagliatelle ( fatte in casa) al pane di segale “Vinschger Urpaarl” con cavoli ( crauti) freschi e Bio Speck”, la tradizione, il piatto povero: la segale, che lo chef valorizza con saporita croccantezza dello speck, in fondo le tagliatelle avvolgono i crauti , una freschezza che porta il piatto al massimo elogio.
Una vicinanza concreta agli allevatori, quella di Stefan Unterkircher, usa prodotti locali come la “Spalla d´agnello “Villnösser Brillenschaf” , 72°, ciliegie, gnocchi al formaggio “Ahrntaler Graukäse”, e scalogni brasati” un piatto straordinario, la carne è tenerissima di sapore unico, sullo scalogno un abbinamento strepitoso, poi la carnosità della ciliegia con i fiori di lavanda, un abbraccio con gli gnocchi di formaggio.
Infine , il “Dolce “Slow Food” con lupini di Anteriva, fragole della Val Martello e panna agra”, bellissima la presentazione su pietra nera, i sapori integri, intatti .
Una cucina quella dello chef Stefan Unterkircher, che pone la materia prima al centro di ogni portata con interesse alla freschezza e alla provenienza. Di fatti, ci riferisce dell’importanza della valorizzazione del territorio e l’essere vicini agli imprenditori, agli allevatori, ai contadini del luogo, perché oltre che aiutare l’economia locale, si ha un valore in più, la conoscenza diretta del prodotto.
Unterkircher, ama lo “Showcooking”, infatti non è difficile trovarlo di fronte agli ospiti intento a preparare deliziosi e gustosissimi piatti. Un’iniziativa molta apprezzata.
La degustazione è stata accompagnata con dell’ottimo Spumante Brut , metodo classico, Arunda, piacevolmente fruttato, fragrante. E dal Pinot Nero “Crescendo” della Ritterhof, riserva, 2009, di colore rosso granata, di buona struttura, speziato, sentori di lamponi.
Al ristorante Ritterhof, con la cucina creativa dello chef Stefan Unterkircher , l’ospite si riappropria dei sapori.

 

Ristorante Ritterhof
Strada del Vino 1° – 39052 Caldaro – Tel.: 0471 96 33 30 – www.restaurant-ritterhof.it

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (17/07/2014)

PS: Il  Global Master Chef, Stefan Unterkircher  non è più presente al

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini