Bottiglie Aperte 2018, un continuo successo

3 votes
image_pdfimage_print

Bottiglie Aperte 2018, la settima edizione, è un successo, l’idea vincente, lungimirante, di Federico Gordini, di portare il mondo del vino sul palcoscenico milanese.  

di Michele Luongo

 

Bottiglie Aperte 2018, un continuo successo
Superstudio Più, Bottiglie Aperte

Bottiglie Aperte, un progetto iniziato nel 2012, prodotto è organizzato da ABS Wine&Spirits, Gruppo Aliante Business Solution, format ideato e diretto da Federico Gordini. Un progetto ambizioso che ha visto un continuo crescente interesse non ultima la scelta della nuova sede, al Superstudio Più, in via Tortona a Milano con una superficie di 2500 mq, e con un design accattivante in legno, progettato da AquiliAlberg Architets, che richiama l’ambiente espositivo alla cantina, alla botte.

Bottiglie Aperte, ancora con la splendida intuizione e lungimiranza di Gordini, s’inserisce come uno degli appuntamenti più importanti nella manifestazione di Milano Wine Week che dal 7 al 14 ottobre 2018 vede il vino protagonista nella metropoli di Milano.

In via Tortona a Milano, dirimpetto al museo Mudec, l’area Superstudio Più nella giornata di domenica 7 e lunedì 8 ottobre 2018, è stata invasa dagli appassionati del vino e dagli operatori del settore, accolti da più di 230 aziende che hanno presentato e fatto degustare i propri vini. A loro va un plauso per la continua attenzione che pongono nella ricerca e alla crescita della qualità, un continuo impegno che sottolinea la peculiarità del Made in Italy riconosciuto in tutto il mondo.

Un’ottima predisposizione dell’area degustazione che oltre ai banchi di assaggio delle numerose aziende giunte da ogni regione d’Italia, sono stare realizzate delle aree dedicate ai distributori come VinoVeritas, Agenzia Arena, Winetip, Radici Natural Wines, CIVA, e isole dedicate ai consorzi come il Consorzio Trasimeno, e gruppi del settore come Le Donne del Vino, e per la prima volta, a Bottiglie Aperte, anche il mondo degli Spirits con GIASS.

Naturalmente impossibile degustare tutte le etichette, ma ci piace citarne alcune come lo splendido Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG, Riva San Floriano, dell’Azienda Nino Franco, profumi di fiori bianchi e di una piacevole freschezza.  La fine bollicina con un bouquet di aromi dalla frutta secca al miele dello Champagne Cuvèe Louise, 2004, della Maison Pommery.

Dall’Alsace due straordinarie interpretazioni con il “Gewurztraminer 2016 “Gran Reserve” della Maison Pierre Sparr, semplicemente piacevole, un bell’equilibrio, sentori di frutta esotica ma palato pulito. E del Grand Cru Eichberg Gewurztraminer 2011 “ Comites D’Eguisheim”, un’intensa espressione di frutta, lungo, persistente con ottima acidità.

Una piacevole sorpresa la Malvasia “ Callas, 2015, dell’azienda Monte delle Vigne, note floreali, morbida e minerale. E un ottimo vino bianco dei Colli del Trasimeno Montemelino DOC, Azienda del Montemelino, Trebbiano e Grechetto con sentori di frutta e un’ottima mineralità.

E due grandi vini rossi, il Taurasi DOCG Opera Mia della Tenuta Cavalier Pepe, vinificazione in purezza delle uve Aglianico, intenso, persistente, di grande finezza ed eleganza. E l’Amarone della Valpolicella DOCG 2013, Famiglia Pasqua, con una preziosa etichetta serigrafata, rosso rubino intenso, sentori di ciliegia e mora, speziato, richiami aromatici alle erbe, corposo ed elegante.

Degustazioni, Verticali, Masterclass, tutte molte interessanti come quella tenuta da Sandro Sangiorgi “Terroir, evocazione e riconoscimento” una piacevole partecipazione che raccoglie tre cose del vino buono: restituisce il luogo di nascita, Dona benessere, Ha sintonia con cibo.

Decisamente una settima edizione di successo quella di Bottiglie Aperte 2018, e Federico Gordini guarda lontano, Milano è un palcoscenico con un appeal internazionale cui i produttori non possono mancare, non è un caso che l’evento Bottiglie Aperte è inserito nella settimana del vino: Milano Wine Week, una manifestazione che farà parlare molto del mondo del vino. (  http://bottiglieaperte.it/  )

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (10/10/2018)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini