Fabrizio Pratesi, interprete di un territorio per grandi vini

39 voti
image_pdfimage_print

Carmignano, un territorio per grandi vini, 300 anni di qualità. Fabrizio Pratesi, nei nostri vini l’amore, la passione per la nostra terra. Sorsi che sottolineano l’esclusiva del momento, capaci di farti innamorare.
di Michele Luongo
 

Fabrizio Pratesi, interprete di un territorio per grandi vini
Fabrizio Pratesi

Carmignano, in provincia di Prato, un piccolo territorio toscano, sulle cui colline si coltiva l’omonimo vino, tutto da scoprire, una vera chicca per gli intenditori. Sorseggiare i vini del Carmignano si ha la piacevolezza di degustare una particolarità, una esclusiva, sono sorsi che raccontano, grandi vini come Carmione, il Circo Rosso di Fabrizio Pratesi, ne sono una magnifica espressione.

Fabrizio Pratesi, il Carmignano è un territorio antico per il vino. Ci racconti la sua testimonianza?
Carmignano è un territorio di vino fin dai tempi degli etruschi. La vocazione del territorio alla qualità del vino è testimoniata nel famoso Bando Mediceo di Cosimo III de Medici che il 24 Settembre del 1716 dona al mondo, di fatto, il primo esempio di DOCG ante litteram. Lo scorso 24 Settembre abbiamo festeggiato i 300 anni del “Bando” in Palazzo Vecchio a Firenze. Rappresentare come Presidente del Consorzio dei vini di Carmignano, questo meraviglioso territorio è stato un grande motivo d’orgoglio.

L’Azienda Pratesi ha una presenza ultracentenaria, quale ricordo conserva più volentieri?
La mia famiglia vive nel piccolo borgo di Lolocco fin dal 1875, ma la produzione di vino è stata soprattutto passione e piccola produzione fino a pochi anni fa. Ricordi ne ho tanti da quando bambino andavo a pigiare con i piedi l’uva che raccoglieva mio nonno. E in quegli anni cui la campagna veniva abbandonata da tutti, il nonno Ugo, da vecchio contadino qual era, non ha mai voluto lasciare la sua terra, m’incuriosiva e mi avvicinava alla sua terra. Oggi mi appaga che la gente apprezzi i miei vini, è il coronamento del mio lavoro in vigna che si ritrova nelle bottiglie.

Il suo esordio nel mondo del vino?
Il mio esordio ha due fasi. La prima all’inizio degli anni 2000, quando mi sono innamorato di questo lavoro, ma per impegni in altre attività l’ho potuto svolgere solo nei ritagli di tempo. Il secondo nel 2014 quando, finalmente, dopo aver delegato le vecchie attività, sono potuto diventare vignaiolo a tempo pieno. 

Che cosa vuol dire per Fabrizio Pratesi fare il viticoltore nella terra del Carmignano?
Vuol dire attenzione in vigna e in cantina per interpretare al meglio questo territorio che ha una straordinaria vocazione vinicola. Poi vuol dire anche investimenti, acquisto di nuovi terreni, costruzione di nuovi vigneti per passare dalle 20.000 bottiglie prodotte fino al 2013 alle attuali 100.000 per arrivare nel 2020 a 150.000. 

Viticoltore, lavoro antico, con l’innovazione quale è il rapporto?
Se l’innovazione serve per esaltare la tradizione, il rapporto è ottimo. Io accetto l’innovazione se non mi stravolge la tradizione del mio territorio.

Quali sono le caratteristiche del Carmignano?
Carmignano è una zona con un’alta vocazione alla qualità del vino, ma molto particolare. Si trova di fronte al Monte Albano che “guarda” il Sud. Per questo motivo le migliori zone di produzione sono dai 150 ai 230 mt sul livello del mare, lontane dalle vette del monte garantisce una perfetta esposizione. La complessità del nostro terreno: molto sassoso, di medio impasto con presenza di argilla, rendono i vini complessi e di grande struttura ma allo stesso tempo sono molto eleganti. La massima espressione la troviamo con il Sangiovese blendato con i vitigni bordolesi per eccellenza quali: il Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc ed il Merlot. Questo stile a Carmignano lo facciamo da sempre. Per questo il Carmignano DOCG viene appellato come il padre dei supertuscany, vini nati dal blend di Sangiovese e Cabernet o Merlot negli anni 90 in Toscana.

Dove troviamo le bottiglie di vino dell’Azienda Pratesi: Barco Reale, Carmione, Il Circo Rosso, Locorosso, Locobianco, Locorosato? Naturalmente in Italia ma abbiamo una bella presenza in Canada, Stati Uniti, Svizzera, Belgio, Olanda, Svezia, Estonia, Inghilterra, Germania, Cina e in Giappone.

Fabrizio Pratesi, interprete di un territorio per grandi vini
Il Carmignano, Carmione, Il Circo Rosso

Carmione, Il Circo Rosso da una piccola azienda grandi vini, quale è il segreto del produttore?
Cercare di interpretare le caratteristiche del territorio in funzione dell’andamento climatico dell’annata. E tanta, tantissima passione e amore per il lavoro che fai. Il vino prima di essere un lavoro deve essere una grande passione di vita.

Pratesi, vini importanti, di assoluta qualità, dettagli, scelte …?
Avere cura in ogni fase della produzione e attenzione negli infiniti dettagli di questo lavoro. Come in vendemmia, amo controllare personalmente sul tavolo di cernita tutta l’uva raccolta a mano dai vendemmiatori. Non posso pensare di non farlo, non sarebbe una vera vendemmia per me.

Fabrizio Pratesi, Presidente del Consorzio Carmignano, quali i numeri?
Siamo una piccola realtà e i confini della nostra zona di produzione sono gli stessi di 300 anni fa. Vi fanno parte solo i territori dei comuni di Carmignano e Poggio a Caiano che fanno la nostra DOCG. Undici produttori associati 1.500.000 di bottiglie prodotte ogni anno.

La burocrazia è sempre troppa per le aziende, ci sono segnali di cambiamento?
E’ un momento difficile stiamo vivendo la dematerializzazione dei registri e per chi lavora la terra, non è mai un passaggio facile. Una volta “metabolizzato”, penso che sarà un passaggio migliorativo. Probabilmente occorre un tempo più lungo di prova anche in vista della vendemmia che per noi operatori del settore risulta essere la fase più complicata. Per questo tramite AVITO l’associazione che rappresenta tutti i consorzi Toscani abbiamo chiesto una proroga al ministro Martina.

Avete progetti e iniziative in comune con il Consorzio?
Svolgiamo diverse manifestazioni sul territorio legate al nostro vino ed ai prodotti tipici del food. Ormai le manifestazioni EAT Prato ed EAT Carmignano sono realtà che attirano moltissimi appassionati per non parlare di Calici di Stelle.

L’ospite che giunge all’Azienda Pratesi cosa incontra?
Persone che lavorano con tanta passione, ospitalità, spirito d’accoglienza e disponibilità nel rispondere a tutte le curiosità che possono esserci dietro un’etichetta di un vino.

L’Azienda Pratesi si è arricchita anche di una Sala Eventi con ampie vetrate e vista sui vigneti, quali iniziative?
Nulla che sia lontano dal condividere con i nostri amici \degustatori\clienti le nostre passioni. Volevo degustare i miei vini con i visitatori guardando i vigneti da dove nascono. Poi, abbiamo aggiunto la possibilità di poter mangiare in forma privata mentre degustiamo i nostri vini. Questo grazie alla passione per la cucina di mia moglie Cristina.

Alla classica bistecca alla fiorentina, abbiniamo?
Carmione o Il Circo Rosso o meglio entrambi.

Già, Carmione, il Circo Rosso due vini superlativi, ti sorprendono per la loro armoniosa forza, per l’eccellente struttura e una lunga persistenza che lascia al palato morbidezza ed eleganza, sono vini che ti fanno innamorare, ogni sorso sottolineano il ricordo del momento. Non ci resta che fare visita all’azienda Pratesi nel magnifico territorio di Carmignano.

Fabrizio Pratesi
Via Rizzelli 10 , 59011 Carmignano (PO)
Tel +39 055 8704108 – Fax +39 055 8730232www.pratesivini.it 

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (11/07/2017)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini