Marilisa Allegrini, una vera Donna

63 votes
image_pdfimage_print

Marilisa Allegrini, ha coraggio, ha progetti, sa guardare lontano. Con umiltà, un grande stile, un grande rispetto del territorio e della comunità di quel territorio. Valpolicella, Bolgheri, Montalcino vigneti per grandi vini firmati Allegrini.  
di Michele Luongo

 

Marilisa-Allegrini-amarone-140410
Marilisa Allegrini

Marilisa Allegrini, quanta passione, quanta dedizione, quanto sentimento riesce a trasmettere quando parla della sua terra, la Valpolicella, “La Valle dalle molte cantine”. E’ un ascoltare i vigneti, sentire i profumi dei vini, ed è un piacere reale come un abbraccio, solo chi ha percorso ogni frazione di tempo della propria vita, sa comunicare con forza tanto amore.
Nella profondità dei suoi occhi, lo scorrere di storie, pungenti e soffusi dolori, nel largo sorriso il piacere della dolcezza, ascoltarla è un’immersione nel mondo di “Una Vera Donna”, Marilisa Allegrini.

Una presenza storica in Valpolicella, fin dal XVI la famiglia Allegrini tramanda la cultura della vite e del vino, oggi è la Sesta  generazione. Marilisa è responsabile marketing, promuove i vini Allegrini e la Valpolicella nel mondo, sapendo trasmettere con entusiasmo la particolarità di un territorio e di vini eccellenti.

Marilisa Allegrini, ha coraggio, ha progetti, sa guardare lontano ma soprattutto ama quello che fa e fa tesoro di quanto ha ascoltato da suo padre: “La natura ti dà e ti toglie. Quindi va vissuta per quello che è”, e l’ intraprendenza, il piglio deciso ed è ancora da suo padre: “ Se si è in due ad uno stesso tavolo e si va sempre d’accordo, vuol dire che uno dei due non conta nulla”.

Allegrini grandi vini, e nella mente di Marilisa non poteva non emergere l’opportunità della particolarità di un territorio: nel 2002, nella famosa Bolgheri, ha fondato una nuova tenuta: “Poggio al Tesoro”, vigneti per vini intensi, eleganti come “Dedicato a Walter”, un vino di struttura, ma di grande raffinatezza, o dello straordinario fermentino “Solosole” di piacevole beva. 

Nel 2007, l’intuito di Marilisa pone l’attenzione su Montalcino, terra straordinaria di vigneti, ed è proprio qui, che nasce la Cantina San Polo. Una cantina moderna ma in perfetta armonia, quasi un omaggio, al paesaggio, completamente interrata, capace di sfruttare risorse naturali, vigne coltivate nel rispetto dell’agricoltura biologica e sostenibile. Non è un caso che la cantina ha certificazione CasaClima Wine. Cosi un grande vino Brunello di Montalcino Riserva San Polo, due anni in botti e solo dopo sei anni in commercio, un vino rosso rubino intenso per momenti da ricordare.

Marilisa Allegrini ha un suo stile, un grande rispetto del territorio e della comunità di quel territorio, con umiltà ma con perspicacia percorre e lascia le sue impronte che hanno un denominatore comune: qualità. L’Azienda Allegrini non usa mezzi termini, la sua filosofia è quella di produrre vini di qualità e promuoverli in tutto il mondo.

In Valpolicella a Fumane, il gruppo Allegrini nel 2008, acquista Villa della Torre, una splendida dimora rinascimentale, un invito a visitarla ha un suo particolare fascino, sono  straordinari i grandi Camini Mascheroni, poi, una sensazione di pace e l’abbraccio dei vigneti. Ed è proprio da questi vigneti che nasce il vino Palazzo della Torre, un grande rosso con uve Corvina e Rondinella.

Dicevamo che Marilisa ama produrre e promuovere qualità e da questo principio che nasce l’Associazione delle Famiglie dell’Amarone d’Arte, di cui è presidente. L’Amarone è un grande vino si sa e non ci sono dubbi, com’è evidente che le zone collinari della Valpolicella, come La Grola, fanno la differenza, per cui più che giusto sottolinearlo.

Marilisa Allegrini ama il bello e non poteva che circondarsi di cultura, di arte, cosi nasce il Premio Allegrini “ L’Arte di mostrare l’arte”. E le collaborazioni con il museo Ermitage di San Pietroburgo e i musei Guggenheim di Venezia e di New York.  E non ultimo le bottiglie del vino La Grola, vigneto simbolo dell’Azienda Allegrini e del territorio della Valpolicella, per una Limited Edition, ogni anno, si fascia di un’etichetta d’autore, realizzata da grandi artisti contemporanei.

La lungimiranza di Marilisa ha sguardo senza confini, l’evoluzione tecnologica corre, capisce che bisogna fare sistema, andare oltre, superare l’egoismo dell’Io, su questa linea insieme a grandi produttori come Arnaldo Caprai, Feudi di San Gregorio, Fontanafredda, Frescobaldi, Planeta, Villa Sandi, si costituisce ISWA  (Italian signature wines academy) di cui è presidente. Condivisione e lo scambio delle conoscenze, delle informazioni dalla comunicazione all’amministrazione, sfruttare ogni possibile sinergia nello sviluppo commerciale sui mercati internazionali, e si è già là, avanti, lontani.

E nel 2015 per il famoso Magazine Usa Wine Enthusiast, è l’unica Donna in gara, unica italiana a concorrere per il personaggio dell’anno “The special Lifetime Achievement Wine Star Award” attribuito alla personalità che si è distinta per il grande impatto storico nel settore enoico.

Marilisa Allegrini, è una donna straordinaria, orgogliosa, decisa, spirito innato di leader, si muove in prima persona accogliendo i piaceri e i frutti amari, una grande esperienza di vita, che generano un entusiasmo travolgente. La si ammira in silenzio con rispetto, il suo segreto? L’amore, la passione, per ciò che fa, o, forse, perché è semplicemente una “Vera Donna”.

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (11/01/2016)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini