Olio extravergine di oliva i vincitori del Sirena d’Oro

1 voto
image_pdfimage_print

Olio. Sirena D’oro 2015: Premiate Toscana, Sardegna e Puglia. Nel 2015 vincono il concorso nazionale l’Igp Toscano, la Dop Sardegna e la Dop Terra di Bari. La proclamazione è avvenuta a Roma, nella sala Stampa della Camera dei Deputati. Il Premio Sirena d’Oro rappresenta l’unico concorso in Italia rivolto esclusivamente alla produzione Dop e Igp a livello nazionale.
Redazione

 

Premiati-sirena-doroRoma – Nel 2015 i migliori oli extravergine di oliva nazionali appartengono all’Igp Toscano, alla Dop Sardegna e alla Dop Terra di Bari. Lo ha stabilito il panel di assaggiatori professionisti della 13ma edizione del Sirena d’Oro, concorso nazionale promosso dalla Città di Sorrento, con la collaborazione di FederDop Olio e Unaprol.
La aziende produttrici sono state proclamate giovedì scorso, nella sala stampa della Camera dei Deputati, nel corso di una conferenza alla quale hanno preso parte i deputati Colomba Mongiello e Paolo Russo, componenti della XIII Commissione Agricoltura, il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo, il presidente di FederDop Olio Daniele Salvagno e il direttore generale di Unaprol Pietro Sandali.
Complessivamente sono stati nove gli oli premiati, suddivisi nelle tre categorie del concorso: fruttati leggeri, fruttati medi e fruttati intensi.
La Sirena d’Oro tra i fruttati leggeri è stata vinta dall’Oliviera Sant’Andrea con l’Igp Toscano. Sirena d’argento all’azienda agricola Marfuga, con la Dop Umbria Colli Assisi-Spoleto.
La Sirena di Bronzo al Frantoio Pruneti con la Dop Chianti Classico.

Nella categoria fruttati medi si è aggiudicata la Sirena d’Oro la cooperativa Olivicoltori Valle del Cedrino con la Dop Sardegna.
L’azienda agricola Pietrabianca, con la Dop Cilento, ha vinto la Sirena d’Argento.
L’azienda agricola Le Tre Colonne, con la Dop Terra di Bari (Bitonto), ha ottenuto la Sirena di Bronzo.
E’ della Dop Terra di Bari (Bitonto) la Sirena d’Oro nella categoria fruttati intensi, vinta dall’azienda agricola De Carlo.
La Sirena di Argento e la Sirena di Bronzo sono state conquistate da due aziende della Dop Monti Iblei (Monte Lauro): rispettivamente l’azienda agricola Terraliva e la cooperativa agricola Agrestis.

Assegnate inoltre le Gran Menzioni alle aziende giunte al quarto e quinto posto in ciascuna categoria.
Per i fruttati leggeri sono la società Terra Nostra con la Dop Terra d’Otranto e l’azienda agricola Di Giacomo con la Dop Aprutino Pescarese.
Tra i fruttati medi, Gran Menzione all’azienda agricola Bonomelli con la Dop Garda (Orientale) e all’azienda Cosmo con la Dop Colline Pontine.
Gran Menzione, tra i fruttati intensi, alla società Frantoi Cutrera con la Dop Monti Iblei (Gulfi) e all’oleificio F.A.M con la Dop Irpinia Colline dell’Ufita

L’edizione 2015 del Sirena d’Oro si è svolta in un’annata caratterizzata da una forte flessione della produzione nazionale di olio extravergine di oliva, causata dagli anomali fenomeni atmosferici del 2014, in aggiunta ad altri eventi straordinari come le malattie e gli attacchi parassitari che hanno aggredito le piante di olivo.
Nonostante le difficoltà che hanno colpito il settore, sono state ben 109 le aziende che hanno iscritto i propri oli al concorso nazionale, in rappresentanza di 33 diverse aree di produzione Dop e Igp.
Le aziende vincitrici del Sirena d’Oro saranno premiate il prossimo 30 aprile, a Sorrento, in occasione della manifestazione “I Valori del Territorio”, in programma nella città costiera fino al 3 maggio. L’evento prevede percorsi del gusto nel centro cittadino, con protagoniste pietanze della Dieta Mediterranea proposte in abbinamento con gli oli Dop e Igp che hanno partecipato al concorso.
 “Il Premio Sirena d’Oro – ha riferito Daniele Salvagno, presidente di FederDop Olio – rappresenta l’unico concorso in Italia rivolto esclusivamente alla produzione Dop e Igp a livello nazionale, scelta che lo pone come evento al di sopra delle altre manifestazioni olivicole che si svolgono oggi in Italia sugli oli extravergine d’oliva. E’ una vetrina che evidenzia la grandi e diverse ricchezze organolettiche e di tipicità delle Dop Italiane anche in un’annata particolarmente difficile per l’olivicoltura italiana. L’opportunità del prossimo EXPO 2015 che rappresenterà la vetrina mondiale delle eccellenze della tradizione agroalimentare e gastronomica di ogni Paese è l’occasione giusta per far conoscere i grandi pregi delle nostre DOP al fine di creare ulteriori opportunità legate alla conoscenza e soprattutto alla commercializzazione del prodotto”.

Il Premio Sirena d’Oro è promosso dalla Città di Sorrento, con la collaborazione di FederDop Olio e Unaprol. Ha il patrocinio della XIII Commissione Agricoltura della Camera dei deputati, del ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, e della Regione Campania.

  

    Redazione
 (17/04/2015)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini