Tradizione di piaceri culinari a Villa Madruzzo

4 votes
image_pdfimage_print

Tradizione di piaceri culinari a Villa Madruzzo, prodotti di qualità, gesti sapienti, regalano gusto e sapori, in una meravigliosa atmosfera di convivialità.  
di Michele Luongo

 

Tradizione di piaceri culinari a Villa MadruzzoHa radici antichissime il piacere del cibo e soprattutto lo spirito del momento di stare insieme. Al Ristorante Villa Madruzzo, a Trento, questo spirito è di casa e lo si vede subito dalla cura per l’arredo, dai profumi dei sapori della cucina, e dallo staff gentilissimo, attento, l’ospite è accolto col sorriso ed è subito a proprio agio.

Le sale, storiche e moderne, sono curate nei dettagli, e l’atmosfera è piacevole, confortevole. Qui, al Ristorante Villa Madruzzo, una cucina della tradizione trentina, ricca di sapori, di storia, rielaborata con passione ha conquistato il palato internazionale, non è un caso che turisti della Germania, dell’Austria, la prescelgono come una propria meta gastronomica.

Tradizione di piaceri culinari, prodotti di qualità, gesti sapienti, ci regalano gusto e sapori, come “Insalata di puntarelle con ricottina di giornata, chips di guanciale, pompelmo rosa, e mandarle”, una straordinaria combinazione con l’amarognolo delle puntarelle, fresche e croccanti, con una eccellente ricottina, il pompelmo e le mandorle un tocco che lusinga il palato.

E dalla semplicità la bellezza dell’intensità del gusto, “Crema di carote con granella di nocciole tostate” bella presentazione, crema perfetta, gustosissima e le nocciole tostate una vera finezza gastronomica che rende la portata, in un magnifico equilibrio, di una splendida chiarezza di sapore.

Il personale in sala si muove con padronanza ed è attento, e il savoir-faire del direttore Battista Polonioli, è unico, riesce ad avere sempre una parola di cortesia per gli ospiti d’ogni tavolo.

Ristorante Villa Madruzzo, è proprio un bell’ambiente e si trascorre magnificamente il nostro tempo. Intanto nel calice un ottimo vino rosso, “Monastero”, Cabernet Franc, 2016 , dell’Istituto Agrario San Michele All’Adige, sentori di frutti rossi, speziato, morbido, elegante, lungo.

Tradizione di piaceri culinari, “Filettino di maialino avvolto nello speck con funghi porcini”, polenta e pomodoro gratinato, una bontà, perfetta la cottura del maialino, e lo speck ne sottolinea il gusto, la bietola dona freschezza e il pomodoro la nota di acidità, una succulenta portata.  Come la bella presentazione il dessert, “Sfogliatina alle mele Golden con salsa Vaniglia” e ogni boccone tira l’altro, una squisitezza. 

Ristorante Villa Madruzzo un’ottima cucina a Trento, poco distante dal centro città, nel magnifico complesso dell’Hotel Villa Madruzzo con il suo lussureggiante parco, l’ospite è accolto da un’innata cultura dell’ospitalità.

Al Ristorante Villa Madruzzo, confort, sobria eleganza, una meravigliosa atmosfera di convivialità, e dalla tradizione il piacere dell’ottima cucina.

 

Hotel Villa Madruzzo
Via Ponte Alto 26, 38121 Trento 
Tel. +39 0461 986220  – https://www.villamadruzzo.com/ 

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (26/01/2019)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini