Vini Tommasi un corollario di emozioni

5 voti
image_pdfimage_print

Vini Tommasi un corollario di emozioni per una lunga e bella storia di Viticoltori. Tommasi Family Estates, si espande con investimenti in zone viticole importanti, in Montalcino, in Veneto, in Puglia in Basilicata, nel Pavese.
di Michele Luongo 

Vini Tommasi un corollario di emozioni Vini Tommasi, la forza e la lungimiranza della famiglia, Tommasi Family Estates. Splendida azienda con sede in Valpolicella a Pedemonte, che dal 1902 tramanda la passione viticola divenendone una delle maggiori realtà con circa 200 ettari di vigneti per i pregiati vini della Valpolicella.

Tommasi Viticoltori il valore della famiglia con le generazioni, adesso si è alla quarta, ed è sempre più importante la continuità della ricchezza di esperienza, una conoscenza diretta d’ogni passaggio, che con la simbiosi per il rispetto del territorio permette uno standard di produzione di completa qualità.

A Pedemonte di Valpolicella ad accogliere gli ospiti troviamo una sede funzionale, particolare e moderna, ad incominciare dal Wine Shop con un accattivante design, dai caratteristici lampadari ai monitor che riproducono le tenute, i vigneti e calici dei Vini Tommasi. Sala ampia e luminosa con tavoli in legno e bacheche contenenti bottiglie in rappresentazione della produzione Tommasi. A centro della Sala una splendida Magnum dell’Amarone De Buris, un’alta qualità dell’Amarone.

Procediamo la visita con Stefano Tommasi ed è un piacere solo ascoltarlo, nella sua voce tanta passione e rispetto. In una sala d’intermezzo ricordi della storica Famiglia Tommasi, un grande schermo e un cartina d’Italia con le Aziende Tommasi. Basta un clik e sei nella Tenuta Caseo a Oltrepò Pavese, al Podere Casisano a Montalcino, a Poggio al Tufo in Maremma o alla Masseria Surani, Manduria in Puglia, e la bella gigantografia dell’immagine del Ciclo della Vite con i mesi dell’anno divisi in aree: dal Riposo all’Accrescimento, all’Agostamento.

In un corridoio ci sono dei contenitori di vetro con apposita soluzione che, rispettivamente, contengono delle vecchie ma integre “Pigne d uva” di Corvina, Corvinone e Rondinella, uvaggi impiegati per la produzione del famoso Amarone, molto interessante. Assolutamente da non perdere il museo degli attrezzi agricoli con un’antica seminatrice, e un riproduzione in miniatura della trebbiatrice, e tante altre curiosità attinenti alla vita dei viticoltori, e non ultima una bellissima riproduzione dell’Arena di Verona realizzata con sugheri di bottiglia.

Una visita alla Sala dell’Appassimento delle uve è quasi un obbligo prima di giungere nella cantina storica di Tommasi Viticoltori. Qui, pulizia e cura d’ogni dettaglio, il profumo, le mura, il silenzio, le botti, sembra che ci raccontano storie; è un’atmosfera dal fascino unico, ti soffermi, respiri e percepisci il valore della qualità dei Vini Tommasi. Poi, ti trovi davanti alla Botte più grande del Mondo, certificata dal Guinnes World Records del 2010, che diviene parte d’un insieme che ti lascia senza parole.

Vini Tommasi un corollario di emozioni della Tommasi Family Estates, e non possiamo che degustarli, iniziando dal fresco Rosè Brut Pinot Nero della Tenuta Caseo, Oltrepò Pavese, metodo Charmat, con armoniche note fruttate, sentori di fragole selvatiche, elegante e di bella bevibilità. Della stessa Tenuta, il Pinot Nero IGT 2013, note di frutti di bosco, speziate, equilibrio dei tannini con finale lungo.

Ci spostiamo in Puglia alla Masseria Surani con il Primitivo di Manduria Riserva DOC “Dionysos” 2013, si sente il l’intenso caldo dalla terra di Puglia, frutta matura, ottima struttura, persistente, corposo e avvolgente. 

Rimaniamo nella terra del Sud e precisamente nel Vulture in Basilicata, un investimento di maggioranza della Tommasi nell’azienda Paternoster, e la Falanghina IGT Vulcanico 2018, intenso profumo di fiori e frutta bianca, la freschezza e la pulizia rilascia una piacevole beva.

In Toscana ci troviamo in Maremma, a Putigliano, azienda Poggio al Tufo, l’Alicante IGT 2015, 100% Alicante, è una vera sorpresa, sentori di frutti di bosco maturi, con un sottofondo di cuoio, ha morbidezza e avvolgenza e sul finale lascia una bella bocca.

Restiamo in Toscana a Montalcino, Azienda Casisano con il Brunello di Montalcino DOCG 2013, tre anni in botti di rovere, profumi seducenti, dalla mora alla vaniglia, al palato e pieno, ricco, note di tabacco con finale persistente, è un vino che rilascia quelle magnifiche sensazioni.

Infine l’Amarone della Valpolicella Classico Riserva De Buris 2008, note di mandorle, ciliegia, cacao, una sintesi dell’armonia, un grande equilibrio con tannini setosi, è un vino che esprime eleganza, capace di accompagnarci durante tutto il pasto e lasciarsi sorseggiare nel dopo cena.

Vini Tommasi un corollario di emozioni Tommasi Family Estates, si espande con investimenti in zone viticole importanti come la Tenuta Caseo in Oltrepò Pavese in Lombardia, il Podere Casisano a Montalcino, di Poggio al Tufo in Maremma Toscana, della Masseria Surani, in Manduria Puglia, dell’azienda Paternoster in Basilicata, e in Veneto dal Lago di Garda al Soave.  Investimenti importanti ad incominciare da Villa Quaranta Tommasi Wine Hotel & SPA a Ospedaletto di Pescantina, in Valpolicella, con il Ristornate Gourmet Borgo Antico Villa Quaranta, e le Terme della Valpolicella, e il Caffè Dante Bistrot in Piazza dei Signori a Verona, e l’Albergo Mazzanti in centro a Verona, luoghi e momenti che rilasciano un significativo trait d’union che contraddistingue la peculiarità della Tommasi Family Estates.

Una lunga storia per Tommasi Viticoltori, una storia di famiglia, con una vision che guarda lontano, lasciandoci sorseggiare con piacevolezza la linearità della qualità dei Vini Tommasi. 

 

Tommasi Viticoltori
Via Ronchetto 4
37029 Pedemonte di Valpolicella VR
Telefono +39 045 7701266 – https://www.tommasiwine.it/ 

 

di Michele Luongo ©Riproduzione riservata
                  (04/07/2020)

 

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini