Vino Chianti, tracciabilità, tutela

1 voto
image_pdfimage_print

La proposta di modifica del disciplinare di produzione da parte del Consorzio Vino Chianti :”Il Chianti si potrà imbottigliare solo in Toscana”. Busi “Così garantiamo maggiore controllo e tracciabilità tutelando il consumatore”.
Redazione

 

Vino-chianti-tutela-toscanaFirenze – “Tutto il Chianti che viene prodotto da oggi in poi sarà controllato ancora di più grazie ad una proposta che garantirà la tutela della denominazione, delle imprese e del consumatore” E’ quanto dichiarato da Giovanni Busi, presidente del Consorzio Vino Chianti in occasione della riunione di “pubblico accertamento” indetta a Firenze dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dalla Regione Toscana con gli operatori della filiera e che ha visto la discussione della proposta di modifica al disciplinare del Consorzio Vino Chianti per imbottigliare il vino Chianti DOCG soltanto nel territorio della regione Toscana.

“In questo modo – ha spiegato Busi – vogliamo tutelare una denominazione che rappresenta il Made in Italy nel mondo e che ci permetterà di tutelare non soltanto le imprese ma anche i consumatori attraverso un sistema che garantisce maggiore tracciabilità e controllo del nostro prodotto.”

Non riguarderanno questo provvedimento, come previsto dalla regolamentazione dell’Unione Europea, le aziende confezionatrici ubicate fuori della Toscana che hanno già acquisito il diritto: cioè coloro che imbottigliano Chianti da almeno due anni. In questo modo sarà quindi possibile bloccare ogni nuovo imbottigliatore con sede fuori dalla regione Toscana garantendo un maggiore controllo dell’intera filiera e dell’effettiva qualità del vino imbottigliato.

Il provvedimento passerà ora all’esame del Comitato Nazionale Vini per diventare oggetto di un decreto ministeriale.  (  http://www.consorziovinochianti.it/ )

    Redazione
 (30/06/2016)

 

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini