Wine etichetta anticontraffazione

0 voti
image_pdfimage_print

Wine, sia chiama Vintag,  l’app anticontraffazione che racconta tutto sul vino, consente di accedere a contenuti multimediali appoggiando lo smartphone ad un’etichetta abilitata. Il produttore ha la possibilità di conoscere con esattezza luogo e momento di consumo.
Redazione

 

Axatel-etichetta-anticontraffazioneA Vinitaly, presentata l’applicazione sviluppata da Axatel Smart Applications che consente di conoscere tutto sul vino semplicemente appoggiando lo smartphone all’etichetta. Basta infatti avvicinare un telefono di ultima generazione ad un’etichetta predisposta perché si attivi sullo schermo del cellulare un’interfaccia multimediale.
L’utente può così scaricare un certificato di autenticità e accertarsi che quello che ha di fronte non sia un falso: lo garantisce un numero univoco della bottiglia e una serie di informazioni accessorie, come lotto di produzione, origine della parcella del vigneto, numero della botte di affinamento, ecc. Attraverso Vintag è possibile anche accedere ad una serie di contenuti, come una videodegustazione guidata o una scheda tecnica, interfacciarsi direttamente con i social network o visitare il sito aziendale.
Vintag può condurre direttamente ad un e-commerce dove si può ordinare con un clic il vino appena degustato al ristorante oppure richiedere direttamente all’azienda informazioni commerciali. Grazie alla geolocalizzazione, il produttore ha la possibilità di conoscere con esattezza luogo e momento di consumo di ogni singola bottiglia, controllando così mercati paralleli e arginando fenomeni di distribuzione in canali non autorizzati.
Le bottiglie di vino abilitato a Vintag nascondono dietro l’etichetta un microchip invisibile agli occhi. Si tratta di un tag predisposto per la lettura attraverso la tecnologia NFC (Near Field Communication), un sistema di comunicazione wireless, utilizzato anche per i pagamenti elettronici.

Quattro le aziende che hanno adottato la tecnologia Vintag e che espongono le bottiglie abilitate già nei loro stand di Vinitaly:
L’azienda agricola Le Morette di Peschiera del Garda che applica Vintag sul Lugana con contenuti multimediali.
Lla Tenuta Il Poggione di Montalcino che tutela l’autenticità del suo Brunello.
Ll’azienda vitivinicola e agriturismo Isola Augusta di Palazzolo dello Stella (Udine) per la sua Ribolla Gialla.

L’Acetaia Marchi di Modena che dimostra come Vintag possa trovare utilizzo anche per altri prodotti gastronomici come l’aceto tradizionale di Modena.  Info: www.axatel.it

 

    Redazione
 (25/03/2015)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini