Colpi, per anni e anni

Per anni e anni/ mentre scorre il fiume/ colpo su colpo/ l’uomo appena uscito dalla prova/ solleva il capo.  di Mario Luzi  COLPILa potatura d’alberi rintoccacolpo su colpo di pennato. Il freddofa rilucere i tagli ancora vivi. Tempo che l’uomo in là…

Mori, Chip di Canti Digitali

Mori, Chip di Canti Digitali Finestre aperte database al cielo. Dai quattro schermi spenti Full HD. Black Moon ancora inapparsa.  Windows Microsoft Aperte. Text sulla retina del respiro. Il riflesso schermo del notebook bianco. di Alberto Mori Nelle sette frammentAzioni della raccolta Canti Digitali, Alberto Mori…

Sereni, addio ripetono le piante

Dall'idillio all'esilio. La poesia "desolata" del laborioso Sereni. Tra i grandi della sua generazione, il poeta di Luino è il più ammirato e letto dal pubblico.  Si leggano ad esempio Le ceneri e I versi (nella raccolta del '65) o…

Cuore di Carta

Cuore di Carta Guelfo si decise di accendere la luce. Erano quasi le quattro, ma per quella notte il sonno sembrava dimenticato. Non da Baltazar che, intanto, si era sistemato in una poltrona e russava tranquillo. E poi l’indomani era sabato e non…

Menuhin Musica e silenzio

Menuhin Musica e silenzio Musica e Vita Interiore. Per scoprire il silenzio dell’origine della nostra vita. Menuhin è un vero prodigio , il violino nelle sue mani è una vibrazione d’amore , a solo tredici anni, a Berlino (aprile 1929), sotto la direzione di…

Mastroberardino, si concede al presente verso il futuro

Mastroberardino, si concede al presente verso il futuro L’inganno della parola e la verità dei sensi che accomuna il genere umano, li rende partecipi del  kairos, il tempo sospeso dove irrompono le figure del passato che dall’origine dei sensi tornano a premere contro le pareti dell’anima. di Vincenzo…

Negli anni e con gli anni

Negli anni e con gli anni Libero è un giovane come tutti i ragazzi: sventato e profondo, ribelle ma avvinto con radici indissolubili a una società e a dei valori in cui riconosce il significato del proprio esistere. Vincenzo Barca, diritto di amare. Redazione   Libero…

I Dittatori

Le risate della festa si confondono, nella mente del poeta, con le voci fatte tacere per sempre. L’odio si è formato squama su squama,colpo su colpo, nell’acqua terribile della palude. di Pablo Neruda   E’ rimasto un odore tra i…

Popolo O Patria

O Patria ogni tua età  S’è desta nel mio sangue Un colore non dura  Tornate antichi specchi voi lembi celati d’acqua... di Giuseppe Ungaretti  PopoloFuggì il branco solo delle palmee la lunainfinita su aride notti.La notte più chiusalugubre tartarugaannaspa Un colore non…

Colloqui con gli alberi

Rifiuta i falsi splendori di cui sono simbolo le corone di quercia e d’alloro: non chiede che l’oblio alla vite ( nel vino ) e la pace all’abete, nel legno della bara. di Giosuè Carducci.    Sonetto  Te che solinghe…