Aids contagio di massa

4 votes
image_pdfimage_print

HIV: infezione di massa in un villaggio della Cambogia. 90 persone compresi i bambini nello stesso villaggio infetti da HIV. Forse un medico ha diffuso il virus.
di Giovanni D’AGATA

 

AIDSIn un remoto villaggio della Cambogia, c’è un’ infezione di massa da HIV. Circa 90 persone con età compresa tra i 5 e gli 80 anni risultano essere infettati con il virus. I risultati delle analisi sono affidabili, ha dichiarato il dott. Didier Fontenille, direttore dell’Istituto Pasteur nella capitale Phnom Penh. Un medico potrebbe essere responsabile dell’infezione.
Secondo l’UNICEF la Cambogia è il paese asiatico con il più alto tasso di infezione di HIV. Pertanto, circa 120.000 persone vivono con il virus. Questo numero corrisponde a circa il due per cento della popolazione.
Nel mondo sono 42 milioni le persone colpite da Hiv/Aids. A detenere il triste primato di regione più colpita nel mondo sempre l’Africa subsahariana, con 29,4 milioni di persone che convivono con il virus o con la malattia conclamata, seguita dai paesi del Sud-est asiatico (6 milioni) e dall’America Latina (1,5 mln). Più bassi ma consistenti i numeri dell’Europa Occidentale, con 570 mila malati, del Nord America (980 mila), dell’Europa Orientale e l’Asia Centrale (1,2 mln).
Questi gli ultimi dati aggiornati al 2002. Nel 2002 sono morti per Hiv/Aids 3,1 milioni di persone nel mondo, mentre le nuove infezioni sono state 5 milioni, 800 mila delle quali registrate fra bambini con meno di 15 anni.
In Italia è la più alta prevalenza di persone affette da Hiv in Europa occidentale con oltre 1000 decessi l’anno. Complessivamente, sono circa 140mila gli italiani sieropositivi, il 15-25% dei quali non è al corrente della propria condizione.
Circa l’80% dei contagi è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, ma solo il 35% dei ragazzi e delle ragazze in Italia usa il preservativo.
Per lo “Sportello dei Diritti” numeri che indicano come l’epidemia sia tutt’altro che vinta.  (www.sportellodeidiritti.org )

  di Giovanni D’AGATA
       (22/12/2014)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini