Batteri, igiene e alimentazione

2 votes
image_pdfimage_print

Batteri, igiene alimentazione. La tua morte è’la mia vita. Una scelta insensata una lotta indiscriminata a tutti i batteri che albergano sulla nostra pelle e dentro di noi, cosi come tale è anche continuare a guardare al cibo solo come riempitivo della pancia.
di  Paolo Cusano  

alimentazione-correttaIn questi ultimi anni si susseguono gli studi scientifici che dimostrano inequivocabilmente che il microbiota umano, cioè quell’insieme multimiliardario di batteri che colonizzano il nostro corpo, all’interno ed all’esterno, vedi la pelle e le superfici delle cavità a contatto con l’aria, può essere causa di patologie anche gravi, cosi come di essere capace di produrre armi letali contro taluni batteri, il più delle volte loro antagonisti, capaci di creare seri problemi alla vita di ciascuno di noi, peggio ancora se trattasi di batteri resistenti alle attuali terapie antibiotiche. E’ il caso della scoperta delle proprietà dello Staphylococcus lugdunensis capace di produrre la lugdunina, un antibiotico in grado, a quanto pare, di bloccare la colonizzazione  del nostro corpo da parte di un suo rivale, un suo antagonista insomma, il famigerato Staphylococcus Aureus.

E’ una questione di vita o di morte, come spesso accade in Natura. Mors tua vita mea, anche per i batteri e questa volta il batterio vincitore ci regala la guarigione o ci preserva da guai gravissimi per la nostra salute. Nei prossimi anni diventerà sempre più importante studiare il microbiota umano, cosi come quello di altri esseri viventi, proprio per cercare di capire più a fondo da dove si originano talune patologie che si instaurano nel nostro corpo e come possiamo difenderci da esse, grazie proprio all’azione di batteri “amici” e come tenerceli tali, perché non è detto che essi possono restare sempre nostri alleati. Dipende infatti il più delle volte da come li trattiamo e cioè che cosa in cambio di questa possibile ed indispensabile Santa Alleanza gli diamo, per esempio da mangiare o quale condizioni ambientali gli mettiamo a disposizione!

Se gli diamo da mangiare schifezze essi ci si rivolteranno contro. E’ il caso della Candida Albicans, per esempio, presente ovunque e quindi anche dentro e fuori di noi, capace di restituire nutrienti essenziali al nostro organismo ma anche di procurarci seri guai se le nostre condizioni di salute ed altri competitori non la tengono a bada! Da tutto questo si capisce che fare una lotta indiscriminata a tutti i batteri che albergano sulla nostra pelle e dentro di noi, si pensi ai miliardi di batteri intestinali, è una scelta insensata e scellerata, cosi come tale è anche continuare a guardare al cibo alla maniera “vecchia”,  come un semplice riempitivo della pancia. Ovviamente senza esagerare, perché il cibo racchiude in se anche altri valori.

Ben vengano queste nuove scoperte scientifiche che questa volta hanno riguardato le proprietà dello Staphylococcus lugdunensis che alberga nelle fosse nasali di molte persone, non di tutte. Gli studi in merito sono stati effettuati presso l’Università tedesca di Tubinga e pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature. Ed in questa nuova visione preventiva e terapeutica delle patologie che ci affliggono ovviamente giocano un ruolo fondamentale sia il cibo che utilizziamo per alimentare il nostro corpo, sia il modo di cucinare gli alimenti, di conservarli e di mangiarli.

Prima capiremo l’importanza della nostra Alimentazione e dei componenti nutrizionali presenti negli alimenti utilizzati e meglio sarà per tutti noi, cosi come resta fondamentale anche il modo di preservare certi batteri nostri amici, non ammazzandoli indiscriminatamente per esempio con una igiene asfissiante, con la quale i primi a soccombere sono proprio i nostri amici batteri e se il loro numero decresce spaventosamente, i competitor, i loro avversari avranno vita facile per rendere a noi difficile la vita.  (  http://www.salutevincente.com  )

 

  di Paolo Cusano
  (10/08/2016)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini