Consulta per riforma dello Statuto

1 voto
image_pdfimage_print

Rossi: “Dobbiamo cercare di metterci nei panni di chi verrà dopo di noi”. Nasce la Consulta per la riforma dello Statuto . 
Redazione

 

Consulta-riforma Statuto-Trento
Trento, Palazzo Provincia

Un’Autonomia riconoscibile, consolidata, responsabile, operativa, solidale e dialogante. Queste le caratteristiche sui cui fondare l’Autonomia del futuro, indicate oggi dal governatore del Trentino Ugo Rossi, intervenuto al dibattito in Consiglio provinciale sull’istituzione della Consulta per la riforma dello Statuto. “Non possiamo affrontare il processo di riforma usando le parole noi e loro – ha sottolineato Rossi – perché lo Statuto è unico e fra Trento e Bolzano serve dunque una piena convergenza di intenti e un’ ampia partecipazione della società civile. Siamo di fronte ad un bivio che ci richiama al senso di responsabilità e alla prudenza, dobbiamo quindi avviare un ragionamento di prospettiva, cercando di metterci nei panni di chi verrà dopo di noi”.

“La prospettiva dell’Autonomia – ha detto Rossi che è anche presidente della Regione – dovrà essere ancora cinturata dal quadro regionale e dovremo quindi compiere una reale e coraggiosa condivisione di tutte le opportunità che ci uniscono, affidando alla Regione il coordinamento di alcuni temi su cui vi sia la necessità, prima di decidere singolarmente, di consultarsi a livello istituzionale”. “È un cammino lungo ed impegnativo – ha concluso Rossi – ma se lo affrontiamo con lo spirito giusto possiamo augurarci a vicenda buon viaggio”  ( www.ufficiostampa.provincia.tn.it  )

 

    Redazione
 (29/01/2016)

C

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini