Nuove frontiere della scrittura musicale

0 voti
image_pdfimage_print

Edoardo Bruni, basandosi sui principi da lui definiti e formalizzati dell’estetica della catarsi e della tecnica della pan-modalità, sta ora realizzando il progetto compositivo “Ars Modi – L’Arte del Modo”.
Redazione

 

Edoardo-Bruni
Edoardo Bruni

Con l’inizio del nuovo anno riprendono le iniziative di approfondimento sulla composizione musicale che la sede staccata del Conservatorio “Bonporti” organizza a Riva del Garda.
Martedì 20 gennaio ad ore 16 (presso la sede del conservatorio in Largo Marconi) si terrà il primo appuntamento con il ciclo “Incontri di analisi e composizione”. Ospite dell’evento è il Prof. Edoardo Bruni, docente di Lettura della Partitura presso la sede rivana, che parlerà delle nuove frontiere della scrittura musicale spiegando la sua teoria dell’Arte del Modo.

Partendo dalla sua tesi di dottorato del 2005 sulla “Sistematica delle altezze”, Bruni parlerà di Pan-modalità e della sua impresa programmatica di scrivere 352 meta-composizioni, una per ogni scala, suddivise in 2048 composizioni, una per ogni modo.  Basandosi sui principi da lui definiti e formalizzati dell’estetica della catarsi e della tecnica della pan-modalità, sta ora realizzando il progetto compositivo “Ars Modi – L’Arte del Modo”, in cui propone una nuova “via di mezzo” compositiva, diversa dalle due vie che hanno predominato nel Novecento: l’ “estetica del malessere – atonalità estrema” da una parte, e l’ “estetica dell’ingenuità – tonalità tradizionale” dall’altra.

Edoardo Bruni è pianista e compositore. Diplomato in pianoforte col massimo dei voti presso i Conservatori di Trento e di Rotterdam, si è perfezionato con Cohen, Berman, Delle Vigne, Schiff, Margarius. Svolge attività concertistica in Italia ed in Europa come solista ed in formazioni cameristiche (suona con la pianista Monique Ciola, la violinista Patrizia Bettotti, l’armonicista Santo Albertini e l’ensemble jazz “Garnerama”) e si è esibito in cartelloni prestigiosi in cui comparivano anche artisti del calibro di Yo Yo Ma, Canino, Pogorelich, Bollani, Campanella, Bahrami.

Riva del Garda, martedì 20 gennaio ad ore 16 sede del conservatorio in Largo Marconi. Ingresso Libero.

 

    Redazione
  (19/01/2015)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini