Smart, Trento è Smart City

2 votes
image_pdfimage_print

La città di Trento è Smart, con il fine ultimo di migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini e delle imprese che vivono e che operano nel suo territorio.

Redazione

 

Trento-Smart-City-Week-2016Che cos’è una Smart City? Il termine “Smart” è ormai entrato nell’uso quotidiano. Allo stesso modo si sente parlare sempre più anche di “Smart city” senza però riuscire a capire esattamente a cosa ci si riferisca… Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. 

Il termine “smart
Smart è un termine inglese che significa “furbo”, “intelligente”, “scaltro”, ma che oggi viene usato correntemente anche nella lingua italiana associandone un più generale concetto positivo traducibile come “figo”.

La definizione “scolastica” di smart city
Per città “Smart” si intende una città capace di:
•Usare la tecnologia (informatica e telecomunicazioni) nei diversi ambiti per innovare i servizi erogati
•Usare informazioni in tempo reale da ciascun ambito sfruttando risorse ◦Tangibili: come le infrastrutture di trasporto, energia e risorse naturali
◦Intangibili: capitale umano e capitale intellettuale delle aziende.

Sapendosi adattare costantemente in base ai bisogni degli utenti, promuovendo e migliorando ciò che è, senza stravolgere le proprie origini, con il solo obiettivo di migliorare la qualità della vita di cittadini ed imprese. Il tutto in maniera organica e con una visione strategica.

Cosa NON è una smart city
Una città smart non è una città completamente digitale o futuristica, specie se quella città ha una sua storia e un suo tessuto che nasce da altre esperienze.
Per essere una “smart city” non basta inoltre avere qualche app, dei lampioni intelligenti o qualche colonnina per la ricarica di macchine elettriche, perché questi utili strumenti devono venire inseriti in modo organico in base ad un piano che nasce da una visione di insieme

Cosa rende “smart” una città
Perché una città sia davvero smart deve porsi come obiettivo il miglioramento della qualità della vita delle persone e  per farlo deve innanzitutto coinvolgere attivamente cittadini ed imprese. Inoltre deve sì sfruttare la tecnologia, i sensori e Internet, ma utilizzandoli come un mezzo e non come il fine, come l’obiettivo.  Infatti una città diventa davvero smart quando migliora davvero i propri servizi, facendo meglio con meno o rendendoli più semplici.

Come diventare davvero una smart city
Non basta qualche operazione “spot”, slegata una all’altra. La città deve organizzarsi, valutare i propri punti di forza e di debolezza e definire in maniera organica il proprio percorso di miglioramento sulla base di una strategia chiara descritta in un piano condiviso con tutti i soggetti che sul territorio possono contribuire alla sua realizzazione.

Trento ha scelto di operare come città smart con il fine ultimo di migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini e delle imprese che vivono e che operano nel suo territorio. Per operare concretamente ha quindi fissato tre macro-obiettivi e partendo dall’analisi del livello dei servizi, dei progetti già sviluppati e delle risorse a disposizione ha declinato la propria azione su 6 specifiche aree: government, open e big data, mobilità, benessere, turismo ed energia. Questo è quanto ha fatto la città di Trento.  (www.smartcityweek.it  )

 

    Redazione
 (29/08/2016)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini