5G, il dilemma dell’Europa

0 voti
image_pdfimage_print

5G, il dilemma dell’Europa nel fuoco incrociato Usa-Cina. L’Europa, dovrebbe adottare un approccio più strategico. L’infrastruttura 5G prodotta in Cina potrebbe anche rendere i paesi vulnerabili. E gli investimenti dei paesi europei sono in enorme ritardo.
Redazione

 

5G, il dilemma dell’EuropaRiportiamo una attenta riflessione di Enrico Martini – Ministero dello Sviluppo economico.
5G, il dilemma dell’Europa nel fuoco incrociato Usa-Cina. E’ conveniente per l’Europa sbarrare le porte al 5G cinese? E quali sarebbero i costi di una eccessiva dipendenza da Pechino? La Ue alle prese con la difficile sfida di bilanciare la necessità di sicurezza e di restare amici degli Usa con quella di tenere il passo con una tecnologia cruciale per il futuro

La competizione tra Stati Uniti e Cina si gioca sempre più nella sfera digitale e l’Europa rischia di rimanere intrappolata nel fuoco incrociato, senza neanche un piano B.

Mentre deve seriamente considerare se liberarsi di tutti i fornitori cinesi di 5G sia realistico e conveniente, l’Europa deve anche riflettere sui costi strategici a lungo termine di diventare dipendenti dalla tecnologia 5G cinese.

L’Europa, soprattutto, dovrebbe adottare un approccio più strategico e fare fronte comune nei confronti della Cina in generale, per meglio proteggere le risorse e le infrastrutture critiche. Il comunicato dell’Unione europea sulle relazioni UE-Cina è un buon inizio, ma non avrà un grande valore se ogni paese alla fine si muoverà per la propria strada.

Il nodo dei rapporti con Huawei

Stati Uniti e Asia – Corea del Sud e Cina in particolare – sono in prima linea nello sviluppo del 5G, la tecnologia digitale che connetterà dispositivi, oggetti e macchine in modo più rapido ed efficiente, mentre l’Europa è senza dubbio in netto ritardo.

La società tecnologica cinese Huawei sembrava offrire una soluzione. Leader globale del settore 5G – test in sessantasei paesi con oltre 154 vettori – Huawei si era offerta di costruire l’infrastruttura critica 5G in Europa a un prezzo molto competitivo. Ma l’amministrazione Trump ha indotto gli alleati occidentali a fermare le partnership con il gigante tecnologico cinese, paventando enormi preoccupazioni per la sicurezza.

Nel frattempo, alcuni governi europei temono che l’infrastruttura digitale costruita in Cina possa essere poco sicura e creare dipendenze a lungo termine. La loro principale preoccupazione è che le infrastrutture critiche costruite con la tecnologia cinese possano dare alle aziende cinesi accesso a vaste quantità di dati sensibili e informazioni industriali, che alla fine potrebbero essere consegnate al Governo di Pechino.

L’infrastruttura 5G prodotta in Cina potrebbe anche rendere i paesi vulnerabili ad altre minacce alla sicurezza nazionale, come gli attacchi informatici cinesi.

Queste preoccupazioni meritano di essere prese sul serio da governi e cittadini europei, ma la strategia diplomatica dell’amministrazione Trump rischia di essere controproducente. Giappone, Australia e Nuova Zelanda hanno vietato a Huawei di costruire la loro infrastruttura 5G. Numerosi governi europei stanno attualmente considerando boicottaggi simili. La Polonia ha già deciso di seguire l’esempio degli USA.

Singoli fornitori di telecomunicazioni europei hanno preso provvedimenti per controllare Huawei. Il più grande fornitore di telecomunicazioni del Regno Unito, BT, ha annunciato piani per rimuovere le apparecchiature Huawei dalle sue reti. La tedesca Deutsche Telekom ha deciso di rivedere i suoi piani di vendita, e la francese Orange ha reciso i legami con il gigante tecnologico cinese. Allo stesso tempo, molti altri fornitori europei stanno collaborando con produttori cinesi. Huawei ha firmato memorandum d’intesa con provider wireless in almeno otto paesi europei e ha sviluppato test con almeno dodici provider locali.

Il ritardo sul 5G e la sfida dell’Europa

La sfida che l’Europa deve oggi affrontare è come bilanciare i rischi per la sicurezza associati a Huawei e il desiderio di rimanere amici di Washington, con la necessità di tenere il passo con una nuova tecnologia cruciale per lo sviluppo della propria economia e società.

Nonostante i primi sforzi per investire in 5G, i paesi europei sono infatti in enorme ritardo. Due aziende, la finlandese Nokia e la svedese Ericsson, sono tra i principali produttori mondiali di tecnologie 5G. Ma la transizione dell’Europa non sta avvenendo abbastanza rapidamente.

La maggior parte delle reti europee non distribuirà reti 5G fino alla fine del 2020. Mentre alcuni operatori hanno presentato le proprie strategie di implementazione 5G, molti dei principali fornitori di servizi di telecomunicazione in Europa si sono impegnati a farlo soltanto per la data di lancio di fine 2020.

L’Europa ha una storia di progressi lenti nel settore delle telecomunicazioni. Ha avuto un’adozione del 4G non uniforme e questo significa che i provider europei devono affrontare oggi costi più elevati rispetto alle altre compagnie telefoniche per costruire reti di nuova generazione. Altri ostacoli sono la frammentazione del mercato, l’assenza di scala e la disponibilità di spettro, le barriere normative e la preferenza degli operatori wireless per le reti 4G. Questo fallimento a transitare sul 4G ha avuto effetti negativi a lungo termine sull’industria europea delle telecomunicazioni. Le criticità legate al 5G potrebbero danneggiare ulteriormente l’industria wireless in Europa e l’economia in generale, perché non si potrà sfruttare pienamente i vantaggi di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, l’Internet delle cose e il cloud computing.

Nel tentativo di recuperare il ritardo, nel 2016 la Commissione europea ha lanciato un piano d’azione 5G per aiutare a sviluppare le tecnologie 5G e costruire infrastrutture digitali entro il 2020. L’Osservatorio europeo 5G è stato istituito nel 2018 per aiutare la Commissione a monitorare i progressi nell’attuazione dell’azione Piano. I governi di tutta l’UE stanno rilasciando i propri piani e assegnando bande dello spettro 5G.

Il nuovo Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, approvato nel novembre 2018, promuove regole applicabili per migliorare il modo in cui i paesi gestiscono lo spettro. Stabilisce che gli stati membri devono rendere disponibili le bande 5G entro la fine del 2020, allo scopo di accelerare l’implementazione delle reti.

La classifica DESI 2019 della Commissione Europea sullo stato di preparazione al 5G vede l‘Italia seconda con il 60% di assegnazione dello spettro, dietro solo alla Finlandia, con il 66,7%, ma tra noi e i terzi piazzati, Lituania, Danimarca, Germania e Francia, c’è un bel gap, perché tali paesi sono al 33,3%.

Il vantaggio di Usa e Asia

Mentre l’Europa fatica ad avanzare, negli Stati Uniti, l’industria è all’avanguardia nella tecnologia wireless 5G. Tutti i principali fornitori di telecomunicazioni (Verizon, AT&T, Sprint, T-Mobile e U.S. Cellular) stanno conducendo numerosi test e sviluppando strategie ambiziose di implementazione. Il governo degli Stati Uniti ha anche reso il 5G una priorità di sicurezza nazionale. Tuttavia, agli Stati Uniti manca attualmente la pipeline di bande di frequenze (o ampiezza di banda digitale) che Cina e Corea del Sud già hanno entrambe.

In Cina, la combinazione di sostegno governativo e slancio dell’industria è ineguagliata da qualsiasi altro paese al mondo. Nel suo più recente piano quinquennale, il governo cinese ha espresso le sue intenzioni di lanciare il 5G commerciale entro il 2020. Per ottenere ciò, il governo ha aperto quantità significative di spettro a banda media e alta e ha autorizzato il rilascio di almeno 100 megahertz aggiuntivi di spettro a banda media.

La Corea del Sud, invece, è stata la prima nazione in Asia a lanciare reti 5G commerciali e i servizi Consumer 5G dovrebbero essere lanciati presto in quel Paese. Nel frattempo, i vettori wireless giapponesi e il governo giapponese hanno in programma di lanciare un 5G commerciale diffuso prima delle Olimpiadi di Tokyo del 2020.

Il confronto sulle strategie 5G in Europa

Appare improbabile che Huawei venga escluso dalla maggior parte dei paesi europei. Huawei è il leader globale 5G, è il fornitore più avanzato e più economico e i governi europei sentono di non avere molte altre scelte. Il CEO di Vodafone, Nick Read, ha avvertito che il boicottaggio delle apparecchiature Huawei potrebbe ritardare di 2 anni il lancio in Europa del 5G. Invece di bandire ufficialmente Huawei, alcuni paesi europei, come la Germania, vogliono introdurre nuove restrizioni di sicurezza o negoziare un accordo di non spionaggio con la Cina. Nel Regno Unito, un centro di sicurezza informatica gestito da Huawei noto come HCSEC è operativo dal 2014, sotto la supervisione del National Cyber Security Center, un ente governativo britannico.

Questi temi sono affrontanti anche al Global 5G event, ospitato dalla 5G Infrastructure Association e sostenuto dalla Commissione europea, dal 17 al 18 giugno a Valencia. Sempre a Valencia dal 18 al 21 giugno 2019 si terrà la European Conference on Networks and Communications (EuCNC 2019), la 28ª edizione di una serie di conferenze tecniche di successo nel campo delle telecomunicazioni. Il motto di quest’anno è “Abilitare la connettività intelligente”. Ha lo scopo di riunire ricercatori provenienti da tutto il mondo per presentare i loro ultimi risultati di ricerca, essendo uno dei luoghi principali per la presentazione, la dimostrazione e la sperimentazione dei risultati di progetti di ricerca, in particolare dai successivi programmi europei di ricerca e sviluppo. (  https://www.agendadigitale.eu  )

Enrico Martini –  Ministero dello Sviluppo economico

    Redazione
 (21/06/2019)

 

ViaCialdini è su www.facebook.com/viacialdini e su Twitter: @ViaCialdini